I governi del mondo hanno in programma di produrre 120% di combustibili fossili in più da 2030 di quanto possa essere bruciato con il riscaldamento 1.5 ° C - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Nairobi, Kenya / 2019-12-07

I governi del mondo hanno in programma di produrre 120% di combustibili fossili in più da 2030 di quanto possa essere bruciato con il riscaldamento 1.5 ° C:

Il mondo è sulla buona strada per produrre molto più carbone, petrolio e gas di quanto sarebbe coerente con la limitazione del riscaldamento a 1.5 ° C o 2 ° C, gli obiettivi dell'Accordo di Parigi

Nairobi, Kenya
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Questo è il programma ambientale delle Nazioni Unite comunicato stampa.

Nairobi, 20 November 2019 - Il mondo è sulla buona strada per produrre molto più carbone, petrolio e gas di quanto sarebbe coerente con la limitazione del riscaldamento a 1.5 ° C o 2 ° C, creando un "gap di produzione" che rende gli obiettivi climatici molto più difficili da raggiungere, secondo il primo rapporto valutare i piani e le proiezioni dei paesi per la produzione di combustibili fossili.

Il Rapporto sul divario produttivo integra il Programma ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) Emissioni Gap Report, il che dimostra che le promesse dei paesi non sono all'altezza delle riduzioni delle emissioni necessarie per rispettare i limiti di temperatura globali.

I paesi stanno pianificando di produrre combustibili fossili ben oltre i livelli necessari per adempiere ai propri impegni sul clima ai sensi dell'accordo di Parigi, che a loro volta sono tutt'altro che adeguati. Questo investimento eccessivo in blocchi di approvvigionamento di carbone, petrolio e gas nelle infrastrutture per i combustibili fossili renderà più difficile ottenere riduzioni delle emissioni.

“Negli ultimi dieci anni, la conversazione sul clima si è spostata. Vi è un maggiore riconoscimento del ruolo che l'espansione senza limiti della produzione di combustibili fossili svolge nel minare il progresso climatico ", ha affermato Michael Lazarus, autore principale del rapporto e direttore del Centro USA dell'Istituto per l'ambiente di Stoccolma. “Questo rapporto mostra, per la prima volta, quanto è grande la disconnessione tra gli obiettivi di temperatura di Parigi e i piani e le politiche dei paesi per la produzione di carbone, petrolio e gas. Condivide anche soluzioni, suggerendo modi per aiutare a colmare questa lacuna attraverso politiche interne e cooperazione internazionale. "

Il rapporto è stato prodotto da importanti organizzazioni di ricerca, tra cui l'Istituto per l'ambiente di Stoccolma (SEI), l'Istituto internazionale per lo sviluppo sostenibile, l'Istituto per lo sviluppo d'oltremare, il Centro CICERO per la ricerca internazionale sul clima e l'ambiente, Analisi del clima e UNEP. Oltre cinquanta ricercatori hanno contribuito all'analisi e alla revisione, comprendendo numerose università e altre organizzazioni di ricerca.

Nella prefazione del rapporto, il direttore esecutivo dell'UNEP, Inger Andersen, osserva che le emissioni di carbonio sono rimaste esattamente ai livelli previsti un decennio fa, secondo gli scenari di business normalmente utilizzati nei Rapporti sul divario delle emissioni.

"Ciò richiede un'attenzione particolare e attesa da tempo ai combustibili fossili", scrive. “L'approvvigionamento energetico mondiale rimane dominato da carbone, petrolio e gas, determinando livelli di emissione incompatibili con gli obiettivi climatici. A tal fine, questo rapporto introduce il divario nella produzione di combustibili fossili, una nuova metrica che mostra chiaramente il divario tra l'aumento della produzione di combustibili fossili e il declino necessario per limitare il riscaldamento globale. "

I principali risultati del rapporto includono:

  • Il mondo è sulla buona strada per produrre circa 50% in più di combustibili fossili in 2030 di quanto sarebbe coerente con la limitazione del riscaldamento a 2 ° C e 120% in più di quanto sarebbe coerente con la limitazione del riscaldamento a 1.5 ° C.
  • Questo divario produttivo è maggiore per il carbone. I paesi prevedono di produrre 150% in più di carbone in 2030 di quanto sarebbe coerente con la limitazione del riscaldamento a 2 ° C e 280% in più di quanto sarebbe coerente con la limitazione del riscaldamento a 1.5 ° C.
  • Anche il petrolio e il gas sono sulla buona strada per superare i budget di carbonio, con continui investimenti e blocco delle infrastrutture nell'uso di questi combustibili, fino a quando i paesi producono tra 40% e 50% di petrolio e gas in più da 2040 di quanto sarebbe coerente con la limitazione del riscaldamento a 2 ° C.
  • Le proiezioni nazionali suggeriscono che i paesi stanno pianificando 17% in più di carbone, 10% in più di petrolio e 5% in più di produzione di gas in 2030 rispetto a quanto previsto dall'implementazione NDC (che di per sé non è sufficiente per limitare il riscaldamento a 1.5 ° C o 2 ° C).

I paesi hanno numerose opzioni per colmare il divario produttivo, tra cui la limitazione dell'esplorazione e dell'estrazione, la rimozione dei sussidi e l'allineamento dei futuri piani di produzione con gli obiettivi climatici. La relazione descrive in dettaglio queste opzioni, oltre a quelle disponibili attraverso la cooperazione internazionale ai sensi dell'accordo di Parigi.

Gli autori sottolineano anche l'importanza di una giusta transizione dai combustibili fossili.

"Vi è un urgente bisogno di garantire che le persone colpite dai cambiamenti sociali ed economici non vengano lasciate indietro", ha dichiarato Cleo Verkuijl, autore del rapporto e ricercatore della SEI. "Allo stesso tempo, la pianificazione della transizione può creare consenso per una politica climatica più ambiziosa".

Il Rapporto sul gap di produzione arriva dal momento che più di 60 si sono già impegnate ad aggiornare i loro contributi determinati a livello nazionale (NDC), che hanno definito i loro nuovi piani di riduzione delle emissioni e gli impegni climatici ai sensi dell'accordo di Parigi, di 2020.

"I paesi possono sfruttare questa opportunità per integrare strategie per gestire la produzione di combustibili fossili nei loro NDC - che a loro volta li aiuteranno a raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni", ha affermato Niklas Hagelberg, coordinatore UNEP per i cambiamenti climatici.

"Nonostante più di due decenni di elaborazione delle politiche climatiche, i livelli di produzione di combustibili fossili sono più elevati che mai", ha dichiarato il direttore esecutivo della SEI, Måns Nilsson. "Questo rapporto mostra che il continuo sostegno dei governi all'estrazione di carbone, petrolio e gas è una parte importante del problema. Siamo in un buco profondo - e dobbiamo smettere di scavare. "

Informazioni sul programma delle Nazioni Unite per l'ambiente

UNEP è la principale voce globale sull'ambiente. Fornisce la leadership e incoraggia la collaborazione nella cura dell'ambiente ispirando, informando e consentendo alle nazioni e ai popoli di migliorare la loro qualità di vita senza compromettere quella delle generazioni future.

Per maggiori informazioni, si prega di contattare:

Keishamaza Rukikaire, Responsabile delle notizie e dei media, Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, + 254717080753
Emily Yehle, Addetto stampa, Stockholm Environment Institute (SEI)

Foto banner da Pixabay