Aggiornamenti di rete / Africa / 2022-11-18

37 soluzioni per l'Africa:
Valutazione integrata dell'inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici per lo sviluppo sostenibile in Africa

La valutazione dell'Unione africana, del CCAC, dell'UNEP e del SEI mostra come i leader africani possono agire nei settori dei trasporti, delle abitazioni, dell'energia, dell'agricoltura e dei rifiuti, per combattere il cambiamento climatico, prevenire l'inquinamento atmosferico e proteggere la salute umana.

Africa
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 5 verbale

Panoramica

L'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico sono una coppia mortale per l'Africa e devono essere affrontati insieme. Gli inquinanti atmosferici e i gas serra spesso condividono le stesse fonti e possono essere ancora più pericolosi se combinati. L'Africa è particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici. Attualmente, circa 1 milione di persone all'anno muoiono prematuramente a causa dell'inquinamento atmosferico nel continente. Ma c'è un modo per migliorare la situazione: prevenire le emissioni di inquinanti climatici di breve durata (SLCP), come metano e nerofumo, è fondamentale affinché il mondo rimanga al di sotto di 1.5°C. La riduzione degli SLCP aiuterà sia a salvare vite umane che a proteggere l'ambiente.

L'Africa ha un'enorme opportunità di continuare a svilupparsi in modo sostenibile. I responsabili politici possono migliorare il benessere umano e proteggere la natura investendo in soluzioni per combattere insieme il cambiamento climatico e l'inquinamento atmosferico. Una nuova Valutazione integrata dell'inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici per lo sviluppo sostenibile in Africa della Commissione dell'Unione Africana (AUC), della Climate and Clean Air Coalition (CCAC) e del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP), sviluppato da scienziati africani in un processo sostenuto dallo Stockholm Environment Institute (SEI), mostra come i leader africani possono agire rapidamente in 5 aree chiave:trasporti, residenziale, energia, agricoltura e rifiuti—per combattere il cambiamento climatico, prevenire l'inquinamento atmosferico e proteggere la salute umana. 

Le azioni raccomandate dalla valutazione riducono contemporaneamente l'inquinamento atmosferico e prevengono il cambiamento climatico. I governi africani possono trarre molti vantaggi, tra cui:

  • Prevenzione 200,000 morti premature all'anno entro il 2030 e 880,000 morti all'anno entro il 2063;
  • Riduzione delle emissioni di anidride carbonica 55%, emissioni di metano di 74%, e le emissioni di protossido di azoto 40% entro il 2063;
  • Migliorare la sicurezza alimentare riducendo la desertificazione e aumentando i raccolti di riso, mais, soia e grano, e
  • Contribuire in modo significativo agli sforzi globali per mantenere il riscaldamento al di sotto di 1.5°C e limitare gli effetti negativi del cambiamento climatico regionale.

Messaggi chiave

Informazioni di base

L'inquinamento atmosferico è un'emergenza climatica e di salute pubblica, in Africa e nel mondo.

  • L'inquinamento atmosferico è la più grande minaccia ambientale per la salute umana ed è responsabile di circa 7 milioni di morti ogni anno a livello globale. Quasi tutti sulla Terra - il 99% della popolazione mondiale - respira aria inquinata che supera le linee guida sulla qualità dell'aria dell'OMS.
  • In Africa, più di 1 milione di persone muoiono prematuramente ogni anno a causa dell'esposizione all'inquinamento atmosferico indoor e outdoor. L'inquinamento atmosferico danneggia in modo sproporzionato donne, bambini, anziani e poveri. I gruppi vulnerabili in Africa sono maggiormente a rischio a causa degli impatti negativi combinati sulla salute dell'inquinamento atmosferico e del cambiamento climatico.

Inquinamento atmosferico e cambiamento climatico sono indissolubilmente legati. Vanno affrontati insieme.

  • Gli inquinanti atmosferici e i gas a effetto serra spesso condividono le stesse fonti e gli stessi motori, compresa la crescita economica guidata dai combustibili fossili.
  • Alcuni inquinanti, tra cui il metano e il nerofumo degli SLCP, contribuiscono direttamente a entrambi gli impatti contemporaneamente.
  • Poiché sono molto potenti e non durano a lungo nell'atmosfera, un'azione rapida per ridurre le emissioni di SLCP è il modo più efficace per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1.5°C.

Con il boom delle economie e delle popolazioni africane nei prossimi decenni, i governi devono garantire che le persone e il clima rimangano sani.

  • La popolazione e l'economia dell'Africa cresceranno rapidamente da qui al 2063. L'Unione africana mira a realizzare la sua Agenda 2063 e un piano di trasformazione per raggiungere “Economie e comunità ambientalmente sostenibili e resilienti ai cambiamenti climatici” come obiettivo fondamentale.
  • Si prevede che la popolazione africana aumenterà del 32% entro il 2030 e del 137% entro il 2063. Per allora si stima che oltre il 60% degli africani vivrà nelle città. Questa rapida crescita sarà accompagnata da una massiccia domanda di trasporti e cibo. Garantire fame zero entro il 2063 richiederà quasi il triplo di cibo rispetto a oggi.
Informazioni sulla valutazione

L'Africa Assessment dimostra un percorso sostenibile in avanti. Mira a raggiungere non solo l'Agenda 2063, ma anche gli obiettivi di sviluppo sostenibile entro il 2030, nonostante gli enormi aumenti dell'attività economica, dell'urbanizzazione e della popolazione che accompagneranno lo sviluppo.

  • La valutazione è la prima valutazione integrata in assoluto dell'inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici per il continente e fornisce una solida base scientifica per l'azione verso un'aria pulita in Africa, compreso lo sviluppo di un'analisi a livello continentale Programma Aria Pulita. La valutazione è stata redatta da un team panafricano con il contributo di scienziati ed esperti internazionali.
  • Le raccomandazioni della valutazione sono strettamente allineate con le priorità chiave dell'Agenda 2063 e con gli obiettivi e i traguardi degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). Quasi tutte le raccomandazioni possono essere trovate in almeno un contributo determinato a livello nazionale africano (NDC) e sono attualmente identificate come contributo al raggiungimento degli obiettivi nazionali di mitigazione del cambiamento climatico.
raccomandazioni

In cinque aree chiave, la valutazione raccomanda 37 misure efficaci in termini di costi e comprovate, tra cui:

  • Passare a veicoli più puliti e a un pubblico sicuro e conveniente trasporto, così come andare in bicicletta e camminare in sicurezza
  • Transizione verso una cucina pulita sostenibile ed elettrodomestici efficienti per la refrigerazione e il condizionamento dell'aria nel Residenziale settore
  • Passare alle rinnovabili energia e aumentare l'efficienza energetica, catturare il metano da petrolio, gas e carbone e ridurre drasticamente altre emissioni di gas serra e SLCP
  • Riduzione delle emissioni di metano da agricoltura con migliori pratiche di bestiame e letame, riducendo le perdite di raccolto e gli sprechi alimentari e promuovendo diete sane
  • Sviluppare meglio sprecare sistemi di gestione, generando meno rifiuti organici e riducendo la combustione all'aperto.

Ci sono già prove che queste soluzioni funzionano. La maggior parte delle 37 soluzioni è già stata implementata con successo in diverse parti dell'Africa. Gli esempi includono:

  • Trasporti: gli accordi regionali hanno introdotto norme sui combustibili puliti e sulle emissioni dei veicoli e le importazioni di veicoli elettrici sono in aumento. Molte città stanno lavorando per aumentare le opzioni di trasporto pubblico e di trasporto non motorizzato.
  • Residenziale: Le opzioni di cucina pulita stanno aumentando in tutta l'Africa e il 40% dei paesi africani ha ora adottato standard minimi di prestazione energetica (MEPS) obbligatori per l'aria condizionata.
  • Energia: L'Africa ha un enorme potenziale di energia solare e i paesi hanno iniziato a fissare obiettivi ambiziosi per l'espansione delle energie rinnovabili nell'ambito dei loro contributi determinati a livello nazionale (NDC).
    • Diversi paesi africani si sono impegnati a ridurre le emissioni di metano da petrolio e gas, impegnandosi a eliminare il 45% entro il 2025 e il 60-70% entro il 2030.
    • Più di 25 paesi del continente hanno aderito al Global Methane Pledge, che mira a ridurre le emissioni di metano causate dall'uomo di almeno il 30% entro il 2030 a livello globale.
  • Agricoltura: La bagnatura e l'asciugatura alternative (AWD) è stata validata con successo in tutta l'Africa occidentale. Per evitare la combustione aperta dei residui agricoli, ci sono iniziative per aiutare gli agricoltori a riciclare i rifiuti post-raccolta per usi diversi, come bricchette di combustibile e residui e rifiuti di compostaggio
  • Rifiuto: Nuovi partenariati innovativi tra pubblico e privato hanno iniziato ad aumentare la copertura del servizio di raccolta dei rifiuti nelle aree urbane.
Strada per il futuro

L'Africa ha bisogno di sostegno per affrontare i suoi problemi di inquinamento atmosferico e cambiamento climatico. È responsabile di una frazione delle emissioni globali di gas a effetto serra, ma sopporta un onere sproporzionato degli impatti negativi.

  • Tutti i paesi al di fuori dell'Africa devono ridurre drasticamente le proprie emissioni per aiutare a limitare il riscaldamento a 1.5°C per aiutare l'Africa a evitare i peggiori impatti del cambiamento climatico e ridurre i costi di adattamento.
  • Sede di quasi il 20% della popolazione mondiale, l'Africa è responsabile solo del 4% delle emissioni di anidride carbonica. Tuttavia, il continente è responsabile del 13% delle emissioni di metano, rendendo le riduzioni di metano un'area di investimento di fondamentale importanza, soprattutto perché il metano è anche un precursore dell'inquinamento da ozono troposferico che influisce sulla salute umana e sui raccolti.
  • Gli attori scientifici, economici, finanziari, non statali, i governi, lo sviluppo e altri attori devono unire le forze per mettere in comune le risorse e attuare le misure della valutazione per ottenere cambiamenti significativi e di impatto.
  • I paesi ei finanziatori possono assistere allo sviluppo del programma Clean Air dell'UAC per l'attuazione delle misure di valutazione, come sostenuto dalla Conferenza ministeriale africana sull'ambiente – AMCEN.

Cosa succede se non agiamo?

  • Senza cambiamenti nella politica, le emissioni di gas serra triplicheranno entro il 2063.
  • Si prevede che l'inquinamento atmosferico esterno peggiorerà, causando circa 930,000 morti premature all'anno nel 2030 e circa 1.6 milioni di morti premature all'anno nel 2063.
  • Nonostante i progressi nelle tecnologie di cottura pulita, l'inquinamento atmosferico domestico causerebbe ancora circa 170,000 morti premature all'anno nel 2030 (150,000 entro il 2063).
  • Senza azione, la crescita economica combinata con la crescita della popolazione, l'urbanizzazione non pianificata e gli stili di vita insostenibili esacerberanno le pressioni sulle risorse, l'ambiente e la salute umana e potrebbero aumentare le disuguaglianze e limitare la capacità dell'Africa di raggiungere uno sviluppo sostenibile.

 

Attacchi 

Sintesi per Decision Makers (ENG/FR)


Brochure di comunicazione (ENG/FR/AR) https://www.ccacoalition.org/en/resources/communications-brochure-integrated-assessment-air-pollution-and-climate-change-sustainable