Rapporto speciale dell'OMS: ridurre gli inquinanti climatici a vita breve indispensabili per la salute e il clima - BreatheLife 2030
Aggiornamenti di rete / Katowice, Polonia / 2018-12-06

Rapporto speciale dell'OMS: ridurre gli inquinanti climatici di breve durata un must per la salute e il clima:

La relazione speciale dell'Organizzazione mondiale della sanità sulla salute e il cambiamento climatico rilasciata al COP 24 formula sette raccomandazioni per promuovere il clima, la salute e lo sviluppo.

Katowice, Polonia
Forma Creato con Sketch.

Questo articolo è apparso per la prima volta il sito web Climate and Clean Air Coalition.

Uno speciale rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) pubblicato oggi invita tutti i paesi a "identificare e promuovere azioni per ridurre sia le emissioni di carbonio che l'inquinamento atmosferico, con impegni specifici per ridurre le emissioni di inquinanti climatici a vita breve nei loro Contributi a livello nazionale (NDC) ”.

Il rapporto continua, "un'azione mirata su inquinanti climatici di breve durata contribuirebbe a salvare oltre due milioni di vite ogni anno ea ridurre la portata del riscaldamento globale di 0.5 ° C, entro la metà del secolo" e sottolinea che l'integrazione di azioni la mitigazione del clima, la gestione della qualità dell'aria e la salute comporterebbero maggiori guadagni e migliorerebbero l'efficienza delle politiche pubbliche.

La Rapporto speciale dell'OMS su salute e cambiamenti climatici è stato lanciato all'annuale Vertice sul clima delle Nazioni Unite (COP 24)a Katowice, in Polonia.

Il dott. Diarmid Campbell-Lendrum, responsabile dei cambiamenti climatici e del team sanitario presso l'OMS, ha affermato che il mondo deve fare la lotta per l'azione per il clima e per la lotta all'inquinamento atmosferico.

"Le prove sono molto chiare. Più recente rapporto dell'IPCC mostra quanto velocemente dobbiamo ridurre le emissioni di biossido di carbonio, ma mostra anche che dovremo ridurre le emissioni di inquinanti climatici a vita breve per raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi ", ha detto il dott. Campbell-Lendrum. "Ciò porterà benefici per la salute molto grandi. L'effetto combinato di affrontare i cambiamenti climatici e di ottenere benefici per la salute è molto più grande dei trade-off ".

"Esortiamo tutte le persone, sia che si tratti dal lato della salute o dal lato del cambiamento climatico, a riconoscere che si tratta della stessa battaglia, abbiamo le stesse risposte", ha affermato.

Dan McDougal, Senior Fellow presso Climate and Clean Coalition, ha concordato dicendo che affrontare gli inquinanti climatici di breve durata e il biossido di carbonio può avere benefici immediati.

"Ci concentriamo su inquinanti climatici di breve durata a causa di due fattori - uno, il collegamento con la salute - questi sono inquinanti atmosferici che hanno l'impatto più immediato sulla salute e affrontarli ha senso, e due perché l'impatto della temperatura di questi altamente riscaldanti le sostanze inquinanti sono molte volte quelle del biossido di carbonio ", ha affermato McDougal. "Ma poiché queste sostanze sono di breve durata nell'atmosfera, l'azione per prevenire le loro emissioni può avere un effetto immediato sulla temperatura"

"Adottando un'azione globale, il mondo può evitare fino a 0.6 gradi Celsius di riscaldamento tra ora e 2050", ha affermato. "Quindi, se vogliamo raggiungere gli obiettivi stabiliti nell'accordo di Parigi, dobbiamo assolutamente affrontare gli SLCP oltre al diossido di carbonio".

Il rapporto individua due inquinanti climatici di breve durata con il maggiore impatto sui cambiamenti climatici e sulla salute, il black carbon e il metano.

Carbonio nero (o fuliggine), è prodotto da una combustione inefficiente in fonti come fornelli e motori diesel. Il carbonio nero influisce sui sistemi climatici regionali, accelerando la ritirata dei ghiacciai nelle regioni montuose e nell'Artico e sconvolgendo il monsone dell'Asia meridionale. È anche un contributo significativo (5-15%) dell'esposizione urbana al particolato fine.

Metano è un potente gas serra che reagisce con altri inquinanti per formare ozono a livello del suolo, che è responsabile per le morti 230 000 da malattie respiratorie croniche ogni anno.

Ridurre gli inquinanti climatici a vita breve è la prima delle sette raccomandazioni formulate nella relazione. Gli altri sei sono:

• Includere le implicazioni per la salute delle misure di mitigazione e adattamento nella progettazione delle politiche economiche e fiscali, compresi i prezzi del carbonio e la riforma dei sussidi ai combustibili fossili.

• Includere gli impegni per salvaguardare la salute dall'UNFCCC e dall'accordo di Parigi, nel regolamento per l'Accordo di Parigi; e includere sistematicamente la salute in NDC, piani di adattamento nazionali e comunicazioni nazionali all'UNFCCC.

• Rimuovere gli ostacoli esistenti agli investimenti per l'adattamento della salute ai cambiamenti climatici, in particolare per i sistemi sanitari resilienti ai cambiamenti climatici e le strutture di assistenza sanitaria "intelligenti per il clima".

• Facilitare e promuovere l'impegno della comunità sanitaria come sostenitori fidati, connessi e impegnati per l'azione per il clima.

• Mobilitare i sindaci della città e altri leader subnazionali, come campioni dell'azione intersettoriale per ridurre le emissioni di carbonio, aumentare la resilienza e promuovere la salute.

• Monitorare sistematicamente i progressi nella salute derivanti dalla mitigazione e dall'adattamento ai cambiamenti climatici e riferire alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, ai processi di governance della salute globale e al sistema di monitoraggio degli OSS.

Il rapporto sollecita i paesi a fare di più per mitigare il cambiamento climatico affermando che i benefici superano di gran lunga i costi.

Se gli impegni di mitigazione nell'accordo di Parigi sono rispettati, secondo il rapporto, entro la metà del secolo si potrebbero salvare milioni di vite grazie a una riduzione dell'inquinamento atmosferico. Politiche di mitigazione più rigorose comporterebbero anche maggiori benefici per la salute.

Secondo il rapporto, le prove più recenti indicano che il guadagno di salute dagli scenari energetici per raggiungere gli obiettivi climatici di Parigi sarebbe più che soddisfare il costo finanziario della mitigazione a livello globale e supererebbe di più quello in paesi come la Cina e l'India.

Il rapporto avverte che la mancata azione mina i fattori sociali e ambientali della salute, compreso l'accesso delle persone all'aria pulita, acqua potabile sicura, cibo sufficiente e riparo sicuro. I cambiamenti climatici avranno ripercussioni sulla salute, in particolare nelle comunità più povere e vulnerabili, come gli Stati in via di sviluppo delle piccole isole (SIDS) e i paesi meno sviluppati, aumentando così le disuguaglianze sanitarie.

La relazione speciale COP 24: Salute e cambiamenti climatici è stata scritta su richiesta di Frank Bainimarama, Presidente COP 23 e Primo Ministro delle Figi, con lo scopo di fornire:

• Conoscenza globale dell'interconnessione tra cambiamento climatico e salute.

• Una panoramica delle iniziative e degli strumenti con cui la comunità nazionale, regionale e globale della sanità pubblica sta sostenendo e aumentando le azioni per attuare l'Accordo di Parigi per una società più sana e sostenibile.

• Raccomandazioni per i negoziatori e i responsabili delle politiche dell'UNFCCC sulla massimizzazione dei benefici per la salute derivanti dall'affrontare il cambiamento climatico ed evitare i peggiori effetti sulla salute di questa sfida globale.

Puoi scaricare il rapporto qui.

Leggi l'articolo originale qui.


Foto di banner di Ravi Choudhary / Hindustan Times tramite Getty Images