Aggiornamenti di rete / Zimbabwe / 2022-08-12

Lo Zimbabwe intensifica gli obiettivi di mitigazione:
e include il metano nei suoi contributi determinati a livello nazionale

La Climate and Clean Air Coalition e lo Stockholm Environment Institute hanno aiutato lo Zimbabwe a valutare le loro attuali emissioni di gas serra e il modo migliore per mitigarle, aprendo la strada a NDC elevati.

Zimbabwe
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Lo Zimbabwe ha aumentato la sua ambizione climatica aumentando i suoi sforzi per ridurre le emissioni di gas serra dal 33% al 40% nella sua recente presentazione 2021 Contributo determinato a livello nazionale (NDC) rivisto. Lo Zimbabwe prevede inoltre di ridurre le emissioni di metano dal settore dei rifiuti entro il 2030 e ha ampliato i suoi obiettivi di mitigazione per includere idrofluorocarburi (HFC), carbone nero, e il particolato. Mentre lo Zimbabwe è originale Contributi a livello nazionale determinati focalizzato principalmente sul settore energetico, il suo NDC aggiornato include i settori dei rifiuti, dell'energia, dell'agricoltura, della silvicoltura e dell'uso del suolo.

“Lo Zimbabwe fa parte del movimento globale per combattere il cambiamento climatico e questo interesse di lunga data include misure da affrontare inquinanti climatici di breve durata, che è una strategia non solo per affrontare il riscaldamento globale, ma anche l'inquinamento atmosferico", ha affermato Kudzai Ndidzano, vicedirettore del dipartimento di gestione dei cambiamenti climatici del Ministero dell'ambiente, del clima, del turismo e dell'industria dell'ospitalità, Zimbabwe.

Zimbabwe si è unito alla Climate and Clean Air Coalition (CCAC) nel 2018 e al CCAC e al Istituto per l'ambiente di Stoccolma (SEI) utilizzato la modellazione analitica per aiuta lo Zimbabwe valutare le loro emissioni di gas serra e inquinanti climatici di breve durata (SLCP) per mostrare dove possono aumentare i loro obiettivi di mitigazione.

“Attraverso questa collaborazione, lo Zimbabwe ha acquisito una migliore comprensione dei vantaggi della riduzione degli inquinanti climatici di breve durata non solo per affrontare il riscaldamento globale a breve termine, ma anche per migliorare la qualità dell'aria, che ha benefici diretti per la salute della popolazione. Le morti premature che possiamo evitare sono davvero critiche”, ha affermato Ndidzano. "Gli inquinanti climatici di breve durata influiscono sulla produzione agricola e poiché lo Zimbabwe è un'economia basata sull'agricoltura, le tonnellate di perdite di raccolto evitate dalla loro riduzione sono molto significative".

Gli NDC dello Zimbabwe includono anche una sezione dedicata ai rifiuti, a causa delle preoccupazioni per il rapido aumento della produzione di rifiuti e il contemporaneo aumento delle emissioni di metano. Lo Zimbabwe spera di raccogliere il 42 per cento del metano emesso dai rifiuti e convertirlo in energia, oltre a compostare il 20 per cento di materia organica. Queste misure sono anche delineate nell'esistente del paese Strategia di sviluppo a basse emissioni (LEDS) più Piano di gestione integrato dei rifiuti solidi dello Zimbabwe. Lo Zimbabwe ha allineato i suoi obiettivi NDC con i piani e le politiche di sviluppo nazionale esistenti per garantire il successo e massimizzare l'efficienza.

Per aumentare l'ambizione, è importante includere misure che abbiano benefici diffusi perché, quando prendi impegni più grandi, vuoi assicurarti di apportare cose che avvantaggiano direttamente le persone.

Kudzai Ndidzano

Vicedirettore, Dipartimento di gestione dei cambiamenti climatici

Per il suo aggiornamento NDC, lo Zimbabwe ha riunito un comitato tecnico, attingendo a esperti del governo, del settore privato, della società civile e delle autorità locali per discutere cosa dovrebbe essere incluso. Erano rappresentati rappresentanti del Ministero dell'Ambiente, dell'Acqua e del Clima, del Ministero dell'Energia, del Ministero degli Affari femminili e della Gioventù, associazioni di settore come il Business Council for Sustainable Development, rappresentanti della società civile, agenzie delle Nazioni Unite e banche di sviluppo.

Ndidzano afferma che i benefici per la salute e il benessere derivanti dalla riduzione degli inquinanti climatici di breve durata sono un motivo per cui sono stati in grado di creare un ampio sostegno per la loro inclusione negli NDC. Ridurre le emissioni globali di metano del 45%, ad esempio, potrebbe prevenire 260,000 morti premature dovute all'inquinamento atmosferico.

Ndidzano e i suoi colleghi hanno utilizzato le analisi della mitigazione dei gas serra e dei benefici per lo sviluppo raccolte con il CCAC e il SEI, per mostrare come le riduzioni dell'SLCP giovano alla salute degli abitanti dello Zimbabwe e del settore agricolo, oltre agli impatti dei cambiamenti climatici.

"Ciò ha reso più semplice per le parti interessate includere gli inquinanti climatici di breve durata, hanno accettato abbastanza facilmente dopo aver ascoltato tutti questi vantaggi", ha affermato Ndidzano. "Per aumentare l'ambizione, è importante includere misure che abbiano benefici diffusi perché, quando prendi impegni più grandi, vuoi assicurarti di apportare cose che avvantaggiano direttamente le persone".

Il CCAC e la partnership di SEI per supporta l'aggiornamento NDC dello Zimbabwe ha iniziato valutando la capacità di pianificazione del cambiamento climatico esistente nel paese, creando collegamenti tra di loro e reclutando esperti nazionali per collaborare con il Ministero dell'ambiente, dell'acqua e del clima. Si è tenuto un workshop per formare esperti in materia SALTO-IBC (Sistema di pianificazione delle alternative energetiche a lungo raggio e Calcolatore integrato dei benefici), che aiuta i paesi a valutare e dare priorità alle opzioni politiche per mitigare gli SLCP.

Utilizzando questa esperienza, esperti e funzionari governativi hanno analizzato il potenziale di mitigazione dei gas serra per ciascun settore economico. Ciò ha aiutato lo Zimbabwe a elaborare un lungo elenco di opzioni di mitigazione, a prevederne gli effetti previsti nel tempo e gli impatti sugli obiettivi nazionali di sviluppo sostenibile. È stato da questo elenco che lo Zimbabwe ha tratto le misure incluse nel suo NDC finale.

Un punto chiave della discussione quando si è trattato di aumentare l'ambizione è stato assicurarsi di poter raggiungere questi obiettivi piuttosto ambiziosi. Ora che abbiamo questo nel nostro NDC, dobbiamo perseguire i mezzi di attuazione.

L'opera faceva parte di un Pacchetto per il miglioramento dell'azione per il clima del partenariato NDC progetto, che ha consentito allo Zimbabwe di effettuare una valutazione della mitigazione dei gas serra dell'intera economia, compresi i settori dell'energia, dei processi industriali e dell'uso dei prodotti, dell'agricoltura, della silvicoltura e di altri usi del suolo e dei rifiuti. Hanno scoperto che il 33% delle emissioni del paese proveniva dal settore energetico, mentre il 54% proveniva dall'agricoltura, dalla silvicoltura e dall'uso del suolo. Processi industriali e rifiuti è stato il terzo maggior contributore.

La valutazione della mitigazione dei gas a effetto serra ha anche analizzato i piani e le politiche chiave dello Zimbabwe per vedere come potrebbero contribuire alla mitigazione delle emissioni, tra cui la Strategia di sviluppo a basse emissioni (LEDS) e il Piano integrato di gestione dei rifiuti solidi dello Zimbabwe, nonché strategie e piani in altri settori.

“C'è stato un grande sviluppo delle capacità per formare consulenti locali su questo approccio tecnico. Ora possono eseguire modelli avanzati per quantificare e proiettare quanti inquinanti climatici di breve durata vengono emessi da particolari attività", ha affermato Ndidzano.

Questi specialisti continueranno a misurare e valutare la mitigazione dei gas serra. Questo è importante perché lo Zimbabwe prevede di istituzionalizzare la modellazione delle emissioni e spera che questi esperti locali collaborino con i ministeri del governo per sviluppare e mantenere i modelli futuri.

La rapida crescita della popolazione, l'urbanizzazione, un divario di competenze e la necessità di sviluppare un mercato per il compost pongono tutte sfide per il raggiungimento di questi obiettivi. Anche il finanziamento e l'accesso alla tecnologia e alla capacità tecnica sono potenziali ostacoli.

"Un punto chiave di discussione quando si trattava di aumentare l'ambizione era assicurarsi di poter raggiungere questi obiettivi piuttosto ambiziosi", ha affermato Ndidzano. "Ora che abbiamo questo nel nostro NDC, dobbiamo perseguire i mezzi di attuazione".

I vantaggi potrebbero essere significativi. Includono la creazione di posti di lavoro, una migliore qualità dell'aria e un migliore accesso all'energia. Il passo successivo è sviluppare un piano d'azione nazionale NDC che delinei le attività chiave, gli attori, i passaggi e il calendario per raggiungere gli NDC. Lo Zimbabwe continuerà a integrare le misure di mitigazione dell'NDC nei piani e nelle politiche nazionali e settoriali e a monitorare, formare e aumentare la capacità. Lo Zimbabwe prevede di richiedere finanziamenti dal Green Climate Fund e dalle organizzazioni bilaterali per raggiungere questo obiettivo.

“Il governo dello Zimbabwe apprezza la Climate and Clean Air Coalition e il supporto e l'esperienza di SEI. C'è molto di cui abbiamo beneficiato", ha detto Ndidzano. “Tecnologicamente siamo ancora in ritardo, quindi questo tipo di collaborazione e supporto è davvero importante per aiutarci ad aggiornarci in modo da poter condurre correttamente queste valutazioni, integrare con successo i nostri piani di sviluppo con i nostri impegni internazionali e muoverci verso azioni che portino vantaggi per lo sviluppo sostenibile”.