Il Clean Air Act degli Stati Uniti compie 50 anni - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Washington DC / 2020-03-18

Il Clean Air Act degli Stati Uniti compie 50 anni:
l'aria è migliore mezzo secolo dopo?

Nonostante il successo del Clean Air Act nel controllo degli inquinanti comuni, l'inquinamento atmosferico continua ad essere il nostro più grande rischio per la salute ambientale oggi.

Washington DC
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

L'inquinamento dell'aria interna ed esterna provoca ogni anno oltre 7 milioni di decessi in tutto il mondo. Per aumentare la consapevolezza della minaccia che l'inquinamento atmosferico rappresenta per la nostra salute e il nostro pianeta, il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, la coalizione per il clima e l'aria pulita e l'Organizzazione mondiale della sanità hanno lanciato il Campagna BreatheLife supportare le comunità e i leader globali nell'implementazione di soluzioni che ridurranno l'inquinamento atmosferico per un futuro più sano e sostenibile.

In paesi come gli Stati Uniti, la legislazione nazionale è stata implementata per far fronte alla crisi dell'inquinamento atmosferico. Cinquant'anni fa, il Congresso degli Stati Uniti approvò il Clean Air Act del 1970. Questo atto ha portato a un miglioramento della qualità dell'aria in tutto il paese. Ma nonostante il successo del Clean Air Act nel controllo degli inquinanti comuni, l'inquinamento atmosferico continua ad essere il nostro più grande rischio per la salute ambientale oggi.

Durante la prima metà del 20 ° secolo, le strutture industriali hanno continuato a inquinare l'aria della nazione con scarsa regolamentazione, portando ad un aumento dei casi di enfisema e asma. Il crollo della qualità dell'aria ha provocato centinaia di morti smog killer ricoperto di grandi città. Scarsa visibilita ha sollevato preoccupazioni, mentre esempi di piogge acide fatto dell'inquinamento atmosferico una questione da uno stato all'altro, portando Congresso reagire alla crisi. La legge sull'aria pulita è stato approvato nel 1970, inasprendo le norme nel 1977 e apportando ulteriori modifiche nel 1990.

Cinquant'anni dopo, la qualità dell'aria negli Stati Uniti è notevolmente migliorata controllando inquinanti comuni come l'anidride solforosa (SO2) e ossidi di azoto (NOx) e porre restrizioni su sostanze tossiche pericolose per l'aria. Tuttavia, negli ultimi anni, c'è stato un aumento dei livelli di inquinamento atmosferico pericoloso accompagnato da richieste di norme più severe sulla qualità dell'aria per mitigare i rischi per la salute, combattere la crisi climatica e sostenere la crescita economica.

L'impatto

Oltre a migliorare la visibilità, ridurre il rischio di piogge acide e contribuire a proteggere lo strato di ozono, una serie di altri benefici per la salute, ambientali e finanziari può essere ricondotta alla legge sull'aria pulita.

L'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti stima che le modifiche apportate alla legge siano responsabili della prevenzione dell'eccesso 230,000 morti premature entro il 2020, oltre a ridurre significativamente la frequenza delle malattie respiratorie tra cui la bronchite cronica e l'esacerbazione dell'asma.

Ridurre la concentrazione di inquinanti nocivi nell'aria è fondamentale per la funzione della legge. Tra il 1990 e il 2018, le sostanze chimiche nocive sono diminuite in modo significativo, con il monossido di carbonio in calo del 74%, l'ozono a livello del suolo in calo del 21% e il piombo in calo dell'82% dal 2010. Il benefici ambientali che derivano da queste riduzioni includono un riscaldamento ridotto, nonché terreni più sani, corpi d'acqua dolce e vegetazione.

L'eredità finanziaria della legge ha anche stimolato l'economia della nazione. I costi di 65 miliardi di dollari associati all'attuazione delle misure della legge sono stati più che pagati attraverso la riduzione delle spese mediche e l'aumento della produttività dei lavoratori. In effetti, le stime dell'Agenzia per la protezione ambientale quasi $ 2 trilioni di dollari in benefici.

Problemi di qualità dell'aria in corso

Mentre la nazione ha fatto passi da gigante nel miglioramento della qualità dell'aria, dati recenti mostrano un aumento degli inquinanti nocivi nell'atmosfera. Di conseguenza, ci sono costi sanitari, ambientali e finanziari correlati alle problematiche di qualità dell'aria in corso nel paese.

Dove gli Stati Uniti continuano a non essere all'altezza è nel settore sanitario. Sebbene centinaia di migliaia di morti sono state prevenute attraverso il Clean Air Act, gli Stati Uniti rimangono un paese leader per decessi prematuri legati all'inquinamento.

Oltre alla salute, nonostante la riduzione di inquinanti nocivi nell'aria, una delle questioni ambientali che pervade è la CO2 emissioni. CO2 ha avuto un aumento del 2.9 per cent tra il 1990 e il 2017 e, spesso, le fonti di emissioni di gas serra e di inquinanti atmosferici sono le stesse.

Helena Molin Valdes, capo del Climate and Clean Air Coalition Il segretariato afferma: “È molto importante quantificare i benefici per la nostra salute e il clima derivanti dalla mitigazione dell'inquinamento atmosferico. Mentre i paesi aumentano il livello delle loro ambizioni per la mitigazione del clima attraverso il loro contributi determinati a livello nazionale, possono realizzare benefici immediati per la salute della loro popolazione ".

Infine, mentre i benefici finanziari derivanti dal Clean Air Act sono notevoli, l'economia americana sacrifica ancora in modo approssimativo 5 per cento del suo lordo prodotto interno annualmente a scarsa qualità dell'aria che si verifica principalmente nei settori agricolo, dei servizi pubblici, manifatturieri e dei trasporti.

Mezzo secolo dopo la sua introduzione, l'impatto del Clean Air Act è evidente. Numerosi decessi sono stati evitati, le emissioni di gas serra lo sono ora riconosciuto come un pericolo per la salute pubblica e l'economia è stata stimolata. Tuttavia, gli Stati Uniti rappresentano ancora 13 per cento dei gas serra globali ed è attualmente in tendenza a superare il suo obiettivo dell'accordo di Parigi del 15% o più.

Continuare a migliorare la qualità dell'aria negli Stati Uniti è un passo essenziale necessario per mitigare i danni futuri alla salute pubblica, all'economia e all'ambiente e metterà la nazione in una posizione migliore per raggiungere emissioni nette zero di 2050.

Cross pubblicato da UNEP