Aggiornamenti di rete / Tucumán, Argentina / 2021-08-04

La provincia di Tucumán, in Argentina, lancia l'iniziativa Breathe2Change:
Connettere scienza e società per affrontare la combustione della biomassa per un'aria senza fumo

Breathe2Change sta lavorando per connettere i cittadini con scienziati, istituzioni governative e non governative per creare la prima rete di monitoraggio della qualità dell'aria alimentata da cittadini con scienziati.

Tucuman, Argentina
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 5 verbale

L'inquinamento atmosferico è determinato da molti fattori. Mentre l'aumento dell'attività industriale e la combustione di combustibili fossili associati ai trasporti e alla rapida urbanizzazione sono le principali preoccupazioni nelle economie sviluppate, il combustione aperta di biomassa rappresenta la più alta minaccia nei paesi con economie in via di sviluppo basate in attività agricole [1]. In America Latina, ad esempio, l'uso esteso del fuoco come strumento economico e accessibile per il disboscamento nell'agricoltura, nello smaltimento dei rifiuti o nell'eliminazione dei rifiuti rappresenta la principale preoccupazione per l'ambiente e la salute delle persone.

Particolato, un importante inquinante atmosferico emesso durante la combustione della biomassa, è sempre più associato a nascite premature e/o basso peso alla nascita, problemi cognitivi di bambini e anziani e una maggiore incidenza di malattie respiratorie e cardiovascolari nella popolazione in generale [2-4]. Si stima che oltre 4.2 milioni di decessi a livello globale siano stati causati dall'inquinamento dell'aria ambiente da particolato fine (PM2.5) nel 2015, più morti premature rispetto a malaria e HIV. Sebbene ci siano leggi severe per controllare e regolamentare l'uso del fuoco nella maggior parte dei paesi dell'America Latina, solo in Argentina più di 15 milioni di ettari sono stati bruciati nel 2020. Tra questi, un totale di Il 95% era dovuto all'intervento umano, secondo un recente rapporto del National Fire Management Service del governo argentino [5].

Nella regione nord dell'Argentina, nella provincia di Tucumán ad esempio, negli ultimi anni si sono verificati più frequentemente incendi accidentali e intenzionali. Questi episodi sono esaltati da condizioni climatiche tipiche di questa regione come lunghi periodi con scarse precipitazioni, alte temperature e forti venti.

Le emissioni di particolato aumentano notevolmente in inverno, non solo a causa degli incendi, ma anche a causa dell'elevato traffico di trasporti di merci agricole e della mancanza di precipitazioni.

Sebbene si possano facilmente osservare danni alla fauna e alla flora locali causati dagli incendi, il inquinamento dell'aria prodotto dalla Regione e il trasporto globale di inquinanti generati da gli incendi non possono essere valutati senza l'uso di sistemi di monitoraggio a terra. In tale nota, negli ultimi 40-50 anni, i paesi ad alto reddito hanno istituito sistemi robusti e costosi per il monitoraggio della qualità dell'aria. Tuttavia, questa tecnologia non è ampiamente distribuita e molti paesi in via di sviluppo mancano di questo tipo di stazioni. Ciò porta a una mancanza di informazioni per aiutare il lavoro dei decisori sulle politiche basate sull'evidenza per ridurre l'esposizione e l'impatto associato dell'inquinamento atmosferico sull'ambiente e sulla salute delle persone.

Per colmare il divario nel monitoraggio della qualità dell'aria e costruire sistemi istituzionali per affrontare questo problema, l'iniziativa Networking Breathe2Change sta lavorando per connettere i cittadini con scienziati, istituzioni governative e non governative per creare il primo cittadino-con-scienziato rete di monitoraggio della qualità dell'aria alimentata.6 La B2C iniziativa sta impegnando il lavoro delle istituzioni accademiche in Germania (Istituto per la ricerca atmosferica e ambientale a Wuppertal e la Università tecnica di Darmstadt) e Argentina (Università Nazionale di Tucumán e la Laboratorio Universitario di Chimica Atmosferica di Córdoba) per contribuire all'attuazione di una rete di 40 moduli di sensori a basso costo per misurare e fornire informazioni geolocalizzate e in tempo reale sulle concentrazioni di particolato e anidride carbonica nella provincia di Tucumán.

“Oggi abbiamo la tecnologia a portata di mano per offrire ai cittadini e alle loro città accesso aperto e informazioni in tempo reale. Così è possibile coinvolgerli nel processo di cambiamento per migliorare la qualità dell'aria che respirano”. dice Ronald Borges Schiffer, M.Sc. – Ingegnere meccanico di Progetto Neuer Weg e co-creatore dei monitor a basso costo impiegati nel B2C iniziativa.

Prototipi dei monitor prima dell'installazione presso la stazione di monitoraggio della qualità dell'aria della città di Wuppertal per la calibrazione con l'assistenza del Dr. Ralf Kurtenbach dell'Università di Wuppertal (centro), Ronald Borges Schiffer del progetto Neuer Weg (sinistra) e del Dr. Rodrigo Gibilisco, Responsabile dell'iniziativa B2C (a destra).

In questo senso, i moduli sensori prodotti vengono consegnati per essere installati dai cittadini, con l'assistenza di scienziati e agenti del Dipartimento di ispezione ambientale di Tucumán, nei quartieri più colpiti dal fumo prodotto durante la stagione degli incendi.

In quanto parte della B2C iniziativa, a Laboratorio Sociale viene svolto periodicamente anche come a luogo di incontro per lo scambio di idee tra scienziati e cittadini lavorare sull'interpretazione dei dati ottenuti. Attraverso attività ludico-didattiche, l'obiettivo del Social Lab è anche promuovere concetti di sviluppo sostenibile, giustizia ambientale e importanza di scienza e diplomazia cittadina per migliorare la qualità dell'aria che respiriamo.

Il Segretariato dell'Ambiente della Provincia di Tucumán, che ha lavorato intensamente per sensibilizzare e sradicare la pratica dell'incendio di campo, non ha esitato ad aderire all'iniziativa. -”È un compito impegnativo identificare e controllare rapidamente gli eventi di incendio non appena iniziano, al fine di evitare danni considerevoli alla natura e alla salute dei nostri cittadini. A questo proposito siamo sempre pronti a collaborare con la comunità scientifica e ad adottare gli approcci tecnologici che potrebbero aiutare a trovare misure efficaci per prevenire e minimizzare questi eventi. Siamo lieti di collaborare con il B2C iniziativa e pensare che questo possa essere il punto di partenza per affrontare, come comunità, una questione di rilevanza regionale oltre che globale. Respirare aria pulita è un diritto che ogni cittadino di questo pianeta dovrebbe essere assicurato”, ha commentato l'Ing. Alfredo Montalván, segretario governativo per l'ambiente di Tucumán.

La combustione a cielo aperto di biomassa può essere un problema regionale, ma ha un impatto globale. – “Bruciare i raccolti è un triplice problema. Stiamo sprecando biomasse che potrebbero essere utilizzate per generare energia, inquinando l'aria che respiriamo e contribuendo alle emissioni globali di gas serra”, ha espresso con preoccupazione uno dei membri dell'iniziativa, il Prof. Dr. Antonio Caggiano, specialista nello sviluppo di materiali da costruzione per l'accumulo di energia presso l'Institut für Werkstoffe im Bauwesen di TU-Darmstadt.

La B2C L'iniziativa si concentra anche sulla combinazione del potere della scienza dei cittadini con un approccio scientifico più sofisticato integrando le misurazioni iperlocali eseguite dai sensori a basso costo con monitor di riferimento della qualità dell'aria ad alta precisione. A tal fine, il Dr. Rodrigo Gibilisco sta lavorando all'installazione di metodi di riferimento federali (FRM) per monitorare per la prima volta a Tucumán gas tossici come ossidi di azoto, ozono e anidride solforosa con la collaborazione con l'Istituto per la ricerca atmosferica e ambientale di Wuppertal, Germania e il Istituto di combustione aerotermica e reattività atmosferica del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica di Orleans, Francia. "Il B2C L'iniziativa sarà utile per mettere in contatto gli scienziati con i cittadini, le autorità cittadine e i responsabili politici per progettare e promuovere l'adozione di politiche basate sull'evidenza per affrontare il problema dell'inquinamento atmosferico e dell'incendio dei raccolti a Tucumán", ha affermato il dott. Rodrigo Gibilisco, coordinatore capo del B2C iniziativa.

Questo articolo è stato scritto da Rodrigo Gastón Gibilisco. Clicca qui per trovare un sintesi dell'iniziativa.

Immagine dell'eroe © Walter Monteros

 

Riferimenti:

[1] Andrade, MDF, Artaxo, P., El Khouri Miraglia, SG, Gouveia, N., Krupnick, AJ, Krutmann, J., … & Piketh, S. (2019). Inquinamento atmosferico e salute: un'iniziativa di politica scientifica. Annali della salute globale, 85 (1).

[2] Yuan, L., Zhang, Y., Gao, Y. e Tian, ​​Y. (2019). Esposizione materna di particolato fine (PM 2.5) ed esiti avversi alla nascita: una revisione sistematica aggiornata basata su studi di coorte. Scienze ambientali e ricerca sull'inquinamento, 26(14), 13963-13983.

[3] Cserbik, D., Chen, JC, McConnell, R., Berhane, K., Sowell, ER, Schwartz, J., … & Herting, MM (2020). L'esposizione al particolato fine durante l'infanzia è correlata alle differenze specifiche dell'emisfero nella struttura del cervello. Ambiente internazionale, 143, 105933.

[4] Tung, NT, Cheng, PC, Chi, KH, Hsiao, TC, Jones, T., BéruBé, K., … & Chuang, HC (2020). Particolato e SARS-CoV-2: un possibile modello di trasmissione del COVID-19. Scienza dell'ambiente totale, 750, 141532.

[5] Servicio Nacional de Manejo del Fuego. (2020) Report diario Nº1 https://www.argentina.gob.ar/ambiente/fuego/reporte-diario-manejo-del-fuego

[6] Humboldt Alumni Award 2021. Iniziativa B2C https://www.humboldt-foundation.de/bewerben/alumnifoerderung/alumni-im-ausland/humboldt-alumni-preis-fuer-innovative-netzwerkinitiativen/ausgezeichnete-netzwerkinitiativen

 

L'aria pulita è importante per me