Aggiornamenti di rete / In tutto il mondo / 2021-08-27

La nostra spazzatura sta distruggendo l'aria del pianeta:
Gli esseri umani generano più di 2 miliardi di tonnellate di rifiuti ogni anno

www.era.com
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

La crescita esponenziale del consumo di materiale negli ultimi decenni ha confermato che Pepple ama acquistare cose. Anche in mezzo a rigidi blocchi pandemici, molti consumatori non si sono lasciati scoraggiare e hanno semplicemente condotto più transazioni online. Eppure, il piacere è spesso di breve durata, con oggetti usati e scartati rapidamente con oltre due miliardi di tonnellate di rifiuti generati ogni anno.

È facile dimenticare le cose una volta che vengono “buttate via” – come se cessassero di esistere, una volta scomparse. Ma le cose non si limitano a scomparire. I loro l'impatto ambientale persiste e questo ha dato origine a un'altra serie di sfide.

 

Emissioni di metano generate dall'uomo

Le discariche producono metano mentre i rifiuti organici si decompongono, in particolare in assenza di ossigeno. Sono la terza fonte più grande di metano generato dall'uomo, un gas serra 28 volte più potente dell'anidride carbonica e un importante acceleratore del cambiamento climatico.

Le discariche non sono migliori. "Poiché sono più profondi e progettati per immagazzinare più rifiuti, l'ossigeno è ancora meno presente e le condizioni sono ideali per la decomposizione anaerobica", spiega Sandra Mazo-Nix, coordinatrice dell'iniziativa sui rifiuti presso la Coalizione per il clima e l'aria pulita ospitata dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente.

 

Il tributo alla salute umana

La Banca Mondiale stima che un terzo dei rifiuti prodotti non è gestito in sicurezza. Dove mancano i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti, i rifiuti possono essere scaricati in aree aperte e non gestite dove solitamente vengono bruciati. La combustione dei rifiuti a cielo aperto provoca il rilascio di carbone nero – un componente chiave del particolato fine (PM2.5) che penetra in profondità nei polmoni e nel flusso sanguigno, con ripercussioni negative sulla salute.

Secondo il Organizzazione Mondiale della Sanità, circa 7 milioni di persone muoiono ogni anno a causa dell'esposizione alle polveri sottili e delle malattie e infezioni respiratorie che provocano. E condizioni come l'asma e le malattie polmonari croniche possono anche aumentare la vulnerabilità al COVID-19. Entro il 2050, con l'avvicinarsi della popolazione mondiale ai 10 miliardi, si prevede che i rifiuti raggiungeranno livelli sbalorditivi 3.4 miliardi di tonnellate ogni anno.

Questione socio-economica

"Non è solo un problema di igiene", afferma Mazo-Nix. "I rifiuti sono un sintomo di problemi inter-affettivi relativi al comportamento umano, all'accesso alle risorse, alle priorità in competizione, alla volontà politica e alla giustizia sociale, tra le altre cose".

I paesi ad alto reddito contribuiscono per circa il 34 per cento dei rifiuti prodotti, a livello mondiale, anche se rappresentano solo il 16 per cento della popolazione. Ma con l'aumento dei redditi, si prevede che anche la produzione di rifiuti e i contributi cambieranno negli anni a venire. Entro il 2050, si prevede che la produzione di rifiuti nei paesi a basso e medio reddito aumenterà del 40 per cento e nei paesi ad alto reddito del 19 per cento.

Le richieste in una parte del mondo sono soddisfatte da risorse e lavoro in un'altra, quindi il commercio ridistribuisce efficacemente il carico ambientale, dissociando le abitudini di consumo dall'impatto locale. I paesi sviluppati a volte deviano anche i rifiuti verso i paesi meno sviluppati, una pratica che viene monitorata e ridotta dalla Convenzione di Bamako e dalla Convenzione di Basilea.

Necessaria un'azione olistica

Mazo-Nix è fermamente convinto che "i rifiuti devono essere visti in modo olistico". E mentre il mondo si muove verso un'economia circolare – con prodotti sostenibili e nuovi modi di vivere – la transizione è possibile.

Collaborando con le città di tutto il mondo, il Climate and Clean Air Coalition opere di captazione e utilizzo del gas di discarica; prevenire la combustione a cielo aperto dei rifiuti e deviare completamente i rifiuti organici dalle discariche.

Catturando il gas prodotto dalle discariche, si può impedire al metano di entrare nell'atmosfera e convertirlo per essere utilizzato come fonte di energia rinnovabile. Oltre a mitigare i cambiamenti climatici e ridurre i rischi per la salute, questa è anche una fonte di occupazione e reddito locale.

Per ulteriori informazioni sui rifiuti e sul loro impatto sulla qualità dell'aria, contattare Tiy Chung: [email protected].