Trasformare Transjakarta - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Jakarta, Indonesia / 2020-11-16

Trasformare Transjakarta:
Primi passi verso gli autobus elettrici per la flotta BRT più grande del mondo

Transjakarta sta passando dagli autobus Euro II e III all'elettrico direttamente per fornire una riduzione fino al 99% delle emissioni di anidride carbonica e si basa sulla pre-prova del 2019 degli autobus elettrici

Jakarta, Indonesia
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Scritto da Mega Kusumaningkatma e Yihao Xie

I residenti di Giacarta sono orgogliosi del loro sistema di trasporto rapido in autobus (BRT), di proprietà e gestito da Transjakarta. Introdotto nel 2004, non è stato solo il primo sistema BRT nel sud-est asiatico, ma è anche diventato il sistema BRT più lungo nel mondo. La rete di Transjakarta copre 260 fermate lungo 13 corridoi che si estendono per più di 250 chilometri. A partire dal 2019, la flotta serve più di 250 milioni di motociclisti all'anno. Transjakarta è sovvenzionata dal governo della città e la tariffa forfettaria di IDR 3,500 per corsa, circa 25 centesimi nella valuta statunitense odierna, è rimasta costante nel corso degli anni.

Sfortunatamente, anche la flotta Transjakarta contribuisce alla scarsa qualità dell'aria di Giacarta, che è stata ben documentata. Più del 70% degli autobus Transjakarta sono tecnologie diesel Euro II ed Euro III, molto indietro rispetto alle tecnologie Euro VI più avanzate. Questi autobus emettono particolato 2.5 (PM2.5), ossidi di azoto (NOx) e black carbon (fuliggine), tra gli altri inquinanti, e questi inquinanti sono associati a un'ampia varietà di rischi per la salute, tra cui malattie cardiache, ictus, bronchite cronica , asma e cancro ai polmoni. Un Studio ICCT ha stimato prudentemente che il 13.5% delle morti premature per inquinamento atmosferico - PM2.5 e ozono - a Giacarta nel 2015 fosse attribuibile ai trasporti.

Per risolvere questo problema, Transjakarta sta esplorando un'importante revisione degli autobus a emissioni zero e ha audaci ambizioni di passare a un Flotta 100% a emissioni zero entro il 2030. Inoltre, recenti decreti ufficiali come il presidente Regolamento n. 55/2019 e il governatore di Jakarta Regolamento n. 03/2020 hanno lo scopo di incoraggiare lo sviluppo e l'adozione del mercato dei veicoli elettrici in generale.

Transjakarta sta passando direttamente dagli autobus Euro II e III agli autobus elettrici. Là non è stata annunciata alcuna tempistica per l'adozione di Euro VI qualità del carburante diesel e standard di emissione in Indonesia. Entrambi sono necessari affinché siano possibili gli autobus diesel più puliti e privi di fuliggine, che garantiscono una riduzione fino al 99% delle emissioni di carbonio nero. Inoltre, Transjakarta ha deciso di non utilizzare autobus a gas naturale compresso dopo una certa esperienza con loro negli anni 2000. Ciò ha lasciato gli autobus elettrici come tecnologia candidata rimanente.

Transjakarta sta compiendo i primi passi verso l'elettrificazione. Nel 2019 è iniziato un pre-processo di autobus elettrici in un'area limitata. I produttori partecipanti includevano la cinese BYD e Mobil Anak Bangsa, una compagnia di autobus nazionale. Questa è stata seguita da un processo di tre mesi, ma anche questo non era aperto al pubblico. Gli autobus dovevano trasportare secchi d'acqua al posto dei passeggeri perché gli autobus elettrici non potevano ottenere i permessi necessari. Grazie a un regolamento adottato di recente dal Ministero dei Trasporti (MoT) che specifica le fasi di omologazione e consente agli autobus elettrici di circolare sulle strade indonesiane, successivamente un bus BYD da 6 metri e un altro da 9 metri correva sul percorso più trafficato di Giacarta e ha servito i passeggeri da luglio 2020 a ottobre 2020.

Ahmad "Puput" Safrudin (al centro), direttore esecutivo della KPBB, al processo dell'autobus elettrico. Fonte: Transjakarta

Sebbene questi primi passi siano incoraggianti, il ritmo non è chiaramente sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo 2020 di Transjakarta aggiungere 100 autobus elettrici entro la fine dell'anno. Anche se Transjakarta riuscirà con successo, è ancora una lunga strada verso la piena elettrificazione nel 2030. Non è stata ancora stabilita una cronologia dettagliata e, per avere successo, l'obiettivo audace deve essere accompagnato da politiche e piani effettivi per spostare la flotta nella giusta direzione.

Per uno, l'alto prezzo di acquisto per gli autobus e trattativa difficile su un prezzo dell'elettricità ridotto aumentare il costo di proprietà degli autobus elettrici. Inoltre, non ci sono molti fornitori di autobus elettrici attivi nel mercato indonesiano. La disponibilità limitata rende improbabile l'obiettivo di 100 bus entro la fine del 2020 e rende più impegnative le implementazioni future su scala più ampia. Per una flotta delle dimensioni di Transjakarta, pianificazione dell'intera flotta dovrebbe iniziare presto, per comprendere le prestazioni di base degli autobus e identificare percorsi adeguati e requisiti tecnologici minimi.

Per aiutare a stimolare le idee per il lavoro futuro, l'ICCT e l'ONG con sede a Giacarta Leaded Gasoline Removal Committee (KPBB) hanno condotto tre seminari sull'elettrificazione della flotta da luglio 2020 a settembre 2020. Rappresentanti del Ministero degli affari marittimi e degli investimenti (Marvest), MoT, Hanno partecipato il Ministero dell'Energia e delle Risorse Minerarie (MEMR), il Ministero dell'Industria (MoI) e l'Agenzia per la Politica Fiscale del Ministero delle Finanze (MoF), così come i funzionari del governo della città di Jakarta, i rappresentanti della società di servizi pubblici PLN e i fornitori di autobus elettrici. Sono emerse alcune proposte politiche che potrebbero accelerare l'elettrificazione della flotta di Transjakarta:

  • Il MoI prevede di creare regolamenti secondari basati sul decreto presidenziale n. 55/2019, per delineare una tabella di marcia per lo sviluppo dell'industria automobilistica nazionale e la produzione nazionale di veicoli elettrici.
  • L'Agenzia per la politica fiscale sta progettando schemi di incentivi per autobus di produzione nazionale (ad esempio, tramite abbattimento completo, CKD) e autobus importati (ad esempio, tramite unità completamente costruite, CBU).
  • Transjakarta e il governo della città di Giacarta hanno proposto al governo centrale e alla MEMR che i fondi del bilancio statale per il diesel fossero dirottati verso i sussidi per l'elettricità per la ricarica.

Seminari come questi sono importanti per le agenzie governative e le parti interessate private per riunirsi e comprendere le reciproche esigenze e preoccupazioni. Tutti lavorano insieme per aiutare Transjakarta a intraprendere azioni concrete per realizzare i suoi audaci obiettivi di autobus elettrici. L'inquinamento acustico ridotto e l'aria più pulita che gli autobus elettrici sono in grado di portare andranno a beneficio dei residenti di Giacarta per gli anni a venire.

La condivisione dei progressi nelle migliori pratiche riguardanti la ricerca e l'implementazione di autobus elettrici e senza fuliggine è supportata dal Climate and Clean Air Coalitionl'iniziativa relativa ai veicoli pesanti.

Immagine banner di Transjakarta tramite Wikimedia Commons