Aggiornamenti di rete / Pakistan / 2021-06-02

Perché l'Asia meridionale deve affrontare un'ondata di inquinamento da azoto:
L'uso di azoto nel settore agricolo nell'Asia meridionale è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi quattro decenni.

L'UNEP ospita un webinar per esplorare come la gestione dell'azoto può aiutare a far rivivere gli spazi naturali combattendo la fame, migliorando la salute umana e affrontando il cambiamento climatico.

Pakistan
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

L'azoto è un'arma a doppio taglio. L'elemento è un componente chiave nei fertilizzanti e aiuta ad alimentare la crescita di colture essenziali come grano e mais. Ma troppo azoto può inquinare l'aria, decimare i suoli e creare senza vita”zone morte" nell'oceano.

Per contrastare queste minacce, il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) sta coordinando un'iniziativa globale per gestire l'azoto in modo più sostenibile. In vista del lancio del Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell'ecosistema il 5 giugno, UNEP is ospitare un webinar per esplorare come la gestione dell'azoto può aiutare a far rivivere gli spazi naturali combattendo la fame, migliorando la salute umana e affrontando il cambiamento climatico.

L'azoto è un'arma a doppio taglio. L'elemento è un componente chiave nei fertilizzanti e aiuta ad alimentare la crescita di colture essenziali come grano e mais. Ma troppo azoto può inquinare l'aria, decimare i suoli e creare senza vita”zone morte" nell'oceano.

Per contrastare queste minacce, il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) sta coordinando un'iniziativa globale per gestire l'azoto in modo più sostenibile. In vista del lancio del Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell'ecosistema il 5 giugno, UNEP is ospitare un webinar per esplorare come la gestione dell'azoto può aiutare a far rivivere gli spazi naturali combattendo la fame, migliorando la salute umana e affrontando il cambiamento climatico.

UNEP: Qual è l'impatto dell'hub sulla politica?

A: Stiamo analizzando le attuali politiche sulla gestione dell'azoto nei paesi dell'Asia meridionale. Attraverso la ricerca in politica, agricoltura, ecosistemi, tecnologia e altro, l'hub mira a ridurre l'inquinamento da azoto e il suo impatto in tutta l'Asia meridionale a beneficio dell'economia, dell'ambiente e dell'umanità.

Inoltre, stiamo lavorando per diffondere la consapevolezza sulla gestione dell'azoto e sull'inquinamento attraverso Corsi in sei lingue per agricoltori, studenti, ricercatori all'inizio della carriera, ONG e responsabili politici.

Marito e moglie agricoltori in Bangladesh

Marito e moglie agricoltori in Bangladesh. Troppo fertilizzante può danneggiare l'ambiente e la salute umana. Foto: UNDP-Bangladesh

UNEP: Qual è la situazione dell'azoto in Pakistan?

A: L'uso di azoto in Pakistan e in tutta l'Asia meridionale è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi quattro decenni. Tuttavia, l'efficienza nell'uso dell'azoto è diminuita dal 67 al 30% durante questo periodo, lasciando un'enorme quantità di azoto in eccesso disponibile per il rilascio nell'atmosfera. Le emissioni di azoto, come gli ossidi di azoto e l'ammoniaca, dovute alla combustione di combustibili fossili e alle attività agricole sono una barriera al ripristino dell'ecosistema.

Sebbene il contributo del Pakistan alle emissioni globali di gas serra sia trascurabile - circa lo 0.3 per cento - è tra i paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici. Nel dicembre 2019, il Pakistan ha istituito un Fondo per il ripristino dell'ecosistema per sostenere soluzioni basate sulla natura ai cambiamenti climatici e facilitare la transizione verso iniziative ecologicamente resilienti e mirate che riguardano l'imboschimento e la conservazione della biodiversità. Anche il progetto 10 miliardi di alberi Tsunami del primo ministro sta ottenendo un riconoscimento globale.

UNEP: Con il COVID-19 che imperversa nell'Asia meridionale, dove vive un quarto della popolazione mondiale, l'inquinamento atmosferico è un problema pertinente. L'hub sta effettuando ricerche sugli effetti dell'inquinamento atmosferico dell'azoto sugli ecosistemi o sull'uomo?

A: L'inquinamento atmosferico è stato a lungo una grave minaccia per la salute pubblica nell'Asia meridionale in quanto è tra le regioni del mondo più esposte all'inquinamento atmosferico domestico. Gli esperti medici collocano le vulnerabilità legate ai disturbi respiratori come l'asma e le malattie polmonari croniche in cima all'elenco delle condizioni preesistenti che possono rendere le persone più suscettibili al COVID-19.

La volatilizzazione dell'ammoniaca e le emissioni di protossido di azoto dal settore agricolo sono le principali cause di inquinamento atmosferico, con gravi ripercussioni sull'ecosistema e sulla salute umana. L'hub sta lavorando per sviluppare una rete di qualità dell'aria per misurare le concentrazioni di azoto atmosferico.

Puntiamo anche a costruire un quadro integrato per esaminare i flussi di azoto tra terra, acqua e atmosfera in tutta la regione. Stiamo studiando l'impatto dell'inquinamento da azoto su coralli e licheni. Allo stesso tempo, l'hub sta valutando come trasformare l'inquinamento da azoto in fertilizzante, ad esempio catturando il gas di ossido di azoto dalle fabbriche e convertendolo in nitrato.

UNEP: Parlaci del tuo nuovo libro, Valutazione dell'azoto: il Pakistan come caso di studio.

A: Il libro è un lavoro di squadra dei membri dell'hub dell'Università dell'Agricoltura di Faisalabad e di autori di varie organizzazioni in Pakistan e all'estero. È la prima valutazione completa dell'uso dell'azoto in Pakistan. Serve come riferimento per i ricercatori in Pakistan e fornisce importanti spunti per altre regioni geografiche.

L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato gli anni dal 2021 al 2030 il decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell'ecosistema. Guidato dall'UNEP e dall'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura, il Decennio delle Nazioni Unite è progettato per prevenire, arrestare e invertire il degrado degli ecosistemi in tutto il mondo. Il decennio delle Nazioni Unite riunirà sostegno politico, ricerca scientifica e finanziamenti per aumentare il restauro con l'obiettivo di far rivivere milioni di ettari di ecosistemi terrestri e acquatici. Esplora il lavoro dell'UNEP su preservare gli ecosistemi, Compreso ripristino forestale, ecosistemi di carbonio blutorbierebarriere coralline. Scopri di più su Decennio di Restauro delle Nazioni Unite qui.

Il Partnership globale sulla gestione dei nutrienti (GPNM) è una risposta al mondo sfida nutritiva – come ridurre la quantità di nutrienti in eccesso nell'ambiente globale coerentemente con lo sviluppo globale. Il GPNM fornisce una piattaforma per i governi, le agenzie delle Nazioni Unite, gli scienziati e il settore privato per creare un'agenda comune, integrando le migliori pratiche e valutazioni integrate in modo che le politiche e gli investimenti siano effettivamente a prova di nutrienti. Unisciti al GPNM

Il Sistema internazionale di gestione dell'azoto (INMS) è un sistema di supporto scientifico globale per lo sviluppo di politiche internazionali sull'azoto supportato attraverso il Strumento per l'ambiente globale attraverso l'UNEP in collaborazione con il International Azoto Initiative. L'INMS fornisce un contributo trasversale a molteplici programmi e convenzioni intergovernative relative alla sfida dell'azoto.

Per ulteriori informazioni, contattare Mahesh Pradhan: [email protected]  o Tariq Aziz: [email protected]

Inviato da UNEP

Immagine dell'eroe © Paarase Usman tramite Wikimedia Commons

Di cosa si discuterà alla COP26?