Scienziati sondano il collegamento tra Covid-19 e l'inquinamento atmosferico mortale - BreatheLife2030
Aggiornamenti rete / Parigi, Francia / 2020-08-16

Gli scienziati sondano il collegamento tra Covid-19 e l'inquinamento atmosferico mortale:

L'inquinamento atmosferico può mettere ulteriormente a rischio le persone durante una pandemia globale. Il collegamento sta stimolando le chiamate per migliorare la qualità dell'aria come parte della ripresa post-Covid.

Parigi, Francia
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 6 verbale

Questa è una storia caratteristica di Climate and Clean Air Coalition

Nelle prime settimane della pandemia globale di Covid-19, le persone alla disperata ricerca di buone notizie hanno ricevuto un sottile rivestimento d'argento: l'Himalaya era di nuovo visibile, che abbraccia l'orizzonte dell'India settentrionale per quella che potrebbe essere stata la prima volta in 30 anni. Mentre le città di tutto il mondo si sono fermate a marzo e aprile per rallentare la rapida diffusione del virus, molti residenti urbani preso una pausa dall'inquinamento atmosferico. keniani riferito di aver visto le cime frastagliate del Monte Kenya da dietro i grattacieli di Nairobi e Dati satellitari della NASA ha mostrato un calo dell'inquinamento sulle autostrade che attraversano il corridoio nord-est degli Stati Uniti.

"Questa è una netta conferma del contributo delle nostre attività quotidiane alle fonti di emissioni degli inquinanti atmosferici che respiriamo e dei gas serra che guidano il riscaldamento globale", hanno scritto il Comitato consultivo scientifico della Coalizione per il clima e l'aria pulita (CCAC) e gli esperti invitati a maggio. "La velocità con cui le emissioni sono diminuite mostra quanto velocemente possiamo migliorare il nostro ambiente quando siamo motivati ​​e quanto siamo vulnerabili vivendo in ambienti degradati".

Queste vulnerabilità includono già in giro 7 milioni di persone che muoiono prematuramente ogni anno dall'inquinamento atmosferico. Mentre gli scienziati di tutto il mondo si affrettano a comprendere il coronavirus che sta devastando il globo, la ricerca mostra che potrebbe esserci un altro modo in cui l'inquinamento atmosferico sta mettendo a rischio le persone. Coloro che vivono in aree con livelli più elevati di inquinamento atmosferico affrontare un rischio maggiore di infezione e sperimentano sintomi e risultati di Covid-19 più gravi. La pandemia ha messo in luce i rischi di agire in isolamento contro le maggiori minacce globali, ma ha anche evidenziato il potenziale per un'azione decisiva per produrre un cambiamento positivo radicale. Applicare queste lezioni non solo al Covid-19 ma alle relative minacce del clima e dell'inquinamento atmosferico sarà uno strumento potente.

In uno studio che deve ancora essere rivisto tra pari, i ricercatori della Harvard University TH Chan School of Public Health hanno scoperto che livelli più elevati di particolato fine, o PM 2.5, sono associati a tassi di morte più elevati da Covid-19.

"I risultati dello studio sottolineano l'importanza di continuare a far rispettare le normative esistenti sull'inquinamento atmosferico per proteggere la salute umana sia durante che dopo la crisi del Covid-19", hanno scritto gli autori.

I ricercatori hanno anche affermato che se i livelli di particelle fossero in media inferiori di una singola unità negli ultimi 20 anni a New York, la città più colpita negli Stati Uniti, allora 248 persone in meno sarebbe morto nelle settimane precedenti lo studio di inizio aprile.

"Se stai prendendo Covid e hai respirato aria inquinata, sta davvero mettendo la benzina sul fuoco", ha detto Francesca Dominici, professore di biostatistica di Harvard e autore senior dello studio al National Geographic.

L'11 giugno la Banca Mondiale ha ospitato un webinar discutere la ricerca in corso e ciò che richiede ancora ulteriori studi.

Ha discusso Bo Pieter Johannes Andrée il suo documento di lavoro per la Banca Mondiale che indaga sulla relazione tra PM 2.5 e Covid-19 nei Paesi Bassi con risultati sorprendenti. I casi previsti di Covid-19 aumentano di quasi il 100% quando la concentrazione di inquinamento aumenta del 20%.

Un altro documento esaminando le morti per coronavirus in 66 regioni amministrative in Italia, Spagna, Francia e Germania, è emerso che il 78% dei decessi si è verificato nelle cinque regioni con la più alta concentrazione di ossido di azoto (un inquinante atmosferico) combinato con flussi d'aria che hanno impedito la dispersione dell'inquinamento atmosferico.

“Penso che sarebbe sorprendente se non vedessimo un collegamento tra inquinamento atmosferico e Covid-19, dato quello che sappiamo sull'inquinamento atmosferico e Covid-19. Sappiamo già che l'inquinamento atmosferico è associato al rischio di malattie croniche e mortalità ", ha affermato Anna Hansell, professoressa di epidemiologia ambientale presso l'Università di Leicester durante il webinar. "Ma penso che ci siano varie lacune che dobbiamo colmare per capirlo meglio."

Esistono già ricerche su come il PM 2.5 aumenti il ​​rischio di infezione da altri virus presenti nell'aria. UN 2003 studio, ad esempio, ha scoperto che i pazienti con sindrome respiratoria acuta grave (SARS) che vivevano in aree con elevato inquinamento atmosferico avevano il doppio delle probabilità di morire rispetto a quelli provenienti da regioni a basso inquinamento atmosferico.

L'inquinamento atmosferico è, infatti, il più mortale rischio per la salute ambientale che l'uomo deve affrontare, tagliando 7 milioni di vite ogni anno: una su otto morti premature. In gran parte, è perché quelli esposti ad alti livelli di sostanze inquinanti (che include uno sconcertante 9 persone su 10 nel mondo) possono subire un aumento della mortalità da cose come ictus, malattie cardiache, malattie polmonari e cancro.

I più poveri soffrono

Gli scienziati stanno facendo a gara per capire meglio cosa esattamente questo potrebbe significare per la pandemia.

“È una correlazione e devi guardare oltre per vedere cos'altro sta succedendo. Queste aree con alti livelli di inquinamento tendono anche ad essere aree ad alta densità di popolazione, tendono ad essere aree ben collegate ”, ha detto Hansell. "Possono anche avere aree di deprivazione e questo di per sé è un fattore di rischio".

C'è un legame forte tra comunità povere e alti livelli di inquinamento atmosferico. Dato che le persone povere hanno meno probabilità di avere accesso alla medicina preventiva e maggiori probabilità di avere malattie croniche, potrebbero essere altrimenti predisposte a sviluppare gravi infezioni da Covid-19.

Se viene stabilito un collegamento, potrebbe essere un modo importante per indirizzare finanziamenti e risorse alle comunità ad alto rischio.

“Questo lavoro sarà molto utile a breve termine. Le città in molti paesi in via di sviluppo stanno davvero cercando di stabilire la priorità come e dove allocare risorse mediche e civili per salvare vite umane ", ha affermato nel webinar Somik V. Lall, leader globale della Banca mondiale per lo sviluppo territoriale e spaziale.

Mentre i ricercatori continuano a sostenere i risultati, ci sono già ampie prove che dare la priorità all'inquinamento atmosferico può salvare vite umane. Questi sforzi hanno anche un vantaggio per il clima. Carbonio nero, un componente dell'inquinamento atmosferico da PM 2.5, è anche un inquinante climatico di breve durata 460-1,500 volte più forte dell'anidride carbonica (per unità di massa) nel riscaldare la nostra atmosfera. A differenza dell'anidride carbonica, che rimane nell'atmosfera per secoli, il black carbon si dissipa in pochi giorni, il che significa che i passaggi per ridurlo possono essere avvertiti quasi immediatamente, sia nella qualità dell'aria che nei suoi impatti sul clima locale.

"Puoi pensarla come una staffetta, gli inquinanti climatici di breve durata scattano là fuori e ci tengono in gioco mentre cerchiamo di vincere la battaglia per le emissioni zero di carbonio entro il 2050. La velocità è il loro segno distintivo", ha detto Durwood Zaelke, il presidente dell'Istituto per la governance e lo sviluppo sostenibile in un intervista a Green Tech Media. "Abbiamo il nostro controllo su leve molto importanti per rallentare il cambiamento climatico e penso che la pandemia ci stia dimostrando che se agiamo otteniamo una risposta rapida nel sistema climatico, e questo è incoraggiante".

Queste azioni sono a portata di mano, incluso interventi semplici e convenienti come l'uso diffuso di fornelli puliti, eliminando i veicoli diesel ad alte emissioni e vietando la combustione agricola aperta.

“Questo è sempre stato il messaggio centrale della Coalizione per il clima e l'aria pulita. Molte persone nel mondo, alcune per la prima volta, stanno inavvertitamente sperimentando com'è vivere con aria pulita; questo vantaggio non deve andare a scapito della nostra sicurezza e del nostro futuro economico ", continua il CCAC Scientific Advisory Panel.

 

Ricostruire meglio

Se colta, questa crisi potrebbe avere un lato positivo molto più grande: creare le condizioni per affrontare quella che sarà la più grande sfida dell'umanità in questo secolo, il cambiamento climatico. Mentre iniziamo a riprenderci dalle ricadute della pandemia di coronavirus, c'è la possibilità di ricostruire meglio.

Circa 350 gruppi medici, in rappresentanza di oltre 40 milioni di medici, infermieri e altri professionisti sanitari di 90 paesi (compresi molti che lavorano in prima linea nella pandemia) inviato una lettera a maggio ai leader del G20 esortandoli a mettere il clima e l'inquinamento atmosferico al centro dei loro pacchetti di ripresa economica.

“Una ripresa veramente sana non permetterà all'inquinamento di continuare ad annebbiare l'aria che respiriamo e l'acqua che beviamo. Non consentirà un cambiamento climatico senza sosta e la deforestazione, scatenando potenzialmente nuove minacce per la salute sulle popolazioni vulnerabili ", si legge nella lettera.

Il sentimento pubblico sostiene il miglioramento della qualità dell'aria come parte dei piani di ripresa post-Covid. UN Sondaggio YouGov ha dimostrato che almeno due terzi dei cittadini in Bulgaria, Gran Bretagna, India, Nigeria e Polonia sostengono leggi più severe e l'applicazione delle norme per contrastare l'inquinamento atmosferico a seguito della crisi del Covid-19. In Nigeria e in India, oltre il 90% degli intervistati desiderava vedere un miglioramento della qualità dell'aria nella propria area.

Inger Andersen, direttore esecutivo del Programma ambientale delle Nazioni Unite, ha detto azioni come investire in trasporti puliti significherebbe una salute migliore e meno inquinamento per oltre il 90 per cento della popolazione mondiale che attualmente vive in aree in cui l'inquinamento atmosferico supera i livelli di sicurezza.

"Anche se Covid-19 non è affatto un giro di vittoria per gli ambientalisti, è anche tempo per noi di cogliere quei momenti di aria più pulita e renderli una parte non negoziabile del nostro futuro". Ha detto la signora Andersen.

In un pezzo di opinione, l'ex segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha affermato che i governi non avranno mai una migliore possibilità di affrontare questi problemi.

"I governi devono cogliere queste opportunità per mettere l'aria pulita e la giustizia climatica al centro dei piani di ripresa, in linea con l'accordo sul clima di Parigi del 2015", ha detto Ki-moon. “Non sarà facile, ma può e deve essere fatto. La pandemia ha avuto un forte impatto, ma potrebbe essere solo un assaggio delle cose a venire. Dobbiamo a noi stessi e alle generazioni future ricostruire meglio ".

Helena Molin Valdés, capo del segretariato della coalizione per il clima e l'aria pulita, ha dichiarato: “Qualsiasi pacchetto di stimoli dovrebbe essere verde e gli sforzi per ricostruire le economie dovrebbero includere il cambiamento climatico e la mitigazione dell'inquinamento atmosferico. La pandemia ha messo a nudo la nostra interconnessione, portando a casa il messaggio che combattere una crisi globale da soli è una battaglia persa. Se riusciamo ad applicare questa lezione al cambiamento climatico, potremmo avere ancora una possibilità per la nostra più grande sfida ".