L'impegno del Ruanda per preservare la qualità dell'aria e combattere l'inquinamento atmosferico - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Ruanda / 2020-09-09

L'impegno del Ruanda per preservare la qualità dell'aria e combattere l'inquinamento atmosferico:

Il Ruanda riconosce l'inquinamento atmosferico nelle città ea livello nazionale come una grave minaccia per l'ambiente e la salute

Ruanda
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Questa storia è stato presentato dal Ministero dell'Ambiente del governo del Ruanda nell'ambito delle celebrazioni della Giornata internazionale inaugurale dell'aria pulita per i cieli blu.

Il Ruanda riconosce l'inquinamento atmosferico nelle città ea livello nazionale come una grave minaccia per l'ambiente e la salute. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che ogni anno sette milioni di persone muoiono prematuramente a causa dell'esposizione all'inquinamento atmosferico. Anche il Ruanda ha subito gli impatti dell'inquinamento atmosferico con oltre 2000 decessi correlati a malattie respiratorie nel 2012.

Il blocco causato dal COVID-19 ha causato un calo dell'inquinamento atmosferico e un ritorno al cielo azzurro, mostrando un chiaro legame tra le attività umane e l'inquinamento atmosferico. L'inquinamento atmosferico a Kigali è diminuito in modo significativo poiché le persone sono rimaste a casa durante il blocco nazionale.

Il Ruanda sta organizzando un seminario virtuale nazionale per celebrare la prima Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu. Viene inoltre organizzata un'ispezione congiunta di veicoli e industrie, nonché mostre e campagne mediatiche.

Un obiettivo chiave della giornata è aumentare la consapevolezza delle fonti e degli impatti dell'inquinamento atmosferico e degli sforzi congiunti e dell'innovazione per migliorare la qualità dell'aria e proteggere la salute umana. Il paese utilizzerà la giornata anche per dimostrare lo stretto legame tra inquinamento atmosferico e cambiamento climatico ed evidenziare le azioni del Ruanda per adempiere agli impegni nei suoi contributi nazionali determinati (NDC) e raggiungere uno sviluppo sostenibile.

Nel suo discorso prima di questo giorno importante, la dott.ssa Jeanne D'Arc MUJAWAMARIYA, ministro dell'Ambiente, ha sottolineato la necessità per i cittadini globali di riconoscere che la scarsa qualità dell'aria nelle città ea livello nazionale è un problema. "Continuo a incoraggiare i cittadini del mondo a utilizzare i trasporti pubblici, utilizzare l'energia pulita a casa e piantare un albero ogni volta che se ne presenta l'opportunità", ha detto.

Il governo del Ruanda ei suoi partner hanno compiuto passi significativi per identificare le fonti di inquinamento atmosferico e migliorare il monitoraggio nazionale della qualità dell'aria, in particolare a Kigali, la capitale.

Otto monitor dell'inquinamento atmosferico sono stati installati nelle province di tutto il paese e i dati sulla qualità dell'aria in tempo reale vengono forniti attraverso un sistema di gestione della qualità dell'aria online. Nella città di Kigali è stata inoltre installata una stazione di riferimento per la qualità dell'aria. La Rwanda Environment Management Authority (REMA) e il Ministero dell'Istruzione sono responsabili della creazione e del sostegno della rete di monitoraggio utilizzando i finanziamenti del Rwanda Green Fund.

Anche il Ruanda si sta muovendo per elettrificare la sua flotta di veicoli. Nel 2018, motociclette elettriche e auto elettriche sono state introdotte nel mercato ruandese come parte del trasporto pulito attraverso iniziative di mobilità elettrica. Due società di motociclette elettriche sono ora registrate per operare in Ruanda. Nello stesso anno, un progetto pilota ha visto arrivare in Ruanda i primi veicoli elettrici - denominati E-Golf - grazie a una partnership tra Volkswagen e Siemens.

Oltre all'e-mobility, il governo sta investendo molto nella produzione di energia rinnovabile, in particolare centrali idroelettriche, centrali a gas metano e sistemi di energia solare.

Per limitare l'inquinamento atmosferico dei veicoli, il consiglio comunale di Kigali ha introdotto due volte al mese i giorni senza auto di Kigali. I giorni senza auto si svolgono una volta al mese in altre città. Gli studi hanno dimostrato che le concentrazioni di particolato fine (PM2.5) e particolato (PM10) vicino alle strade senza auto diminuiscono di circa il 50% nei giorni senza auto.

Rubingisa Prudence, sindaco di Kigali, afferma che circa 6,000 ruandesi partecipano al pacchetto giornaliero senza auto e l'effetto spillover sulla qualità dell'aria non passa inosservato. "Facendo un ulteriore passo avanti, stiamo lavorando con il governo locale per guidare iniziative simili a livello di settore e di cella".

L'impegno del governo del Ruanda a preservare la qualità dell'aria e combattere l'inquinamento atmosferico ha portato anche all'adozione di leggi e regolamenti. La legge sulla qualità dell'aria del 2016 stabilisce il quadro per la regolamentazione e la prevenzione dell'inquinamento atmosferico in Ruanda. Questa legge impone a REMA di regolare la qualità dell'aria e di migliorare la salute e il benessere delle persone. REMA deve riferire sullo stato della qualità dell'aria in Ruanda e sulle strategie per affrontare l'inquinamento atmosferico. La legge è stata ulteriormente integrata dal Legge sull'ambiente e nuovi Politica nazionale sull'ambiente e sui cambiamenti climatici 2019. Il Ruanda Standards Board ha anche sviluppato standard nazionali per le emissioni di aria, veicoli e industriali.

Attraverso il Ruanda, il suo NDC, il Ruanda è impegnato a costruire reti di trasporto pubblico estese e convenienti e ad aumentare i progressi verso la mobilità elettrica. Anche l'attuazione delle azioni politiche in materia di ambiente e cambiamenti climatici (E&CC) allineate alla Vision 2050 del Ruanda rimane una priorità.

Per altre storie di successo ed esperienze sull'aria pulita da città, regioni e paesi, visita la pagina web della Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu: VIDEO e CARATTERISTICHE.