Aggiornamenti di rete / Pechino, Cina / 2021-09-15

Domande e risposte con il capo della qualità dell'aria di Pechino:

Pechino, Cina
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Da quando ha dichiarato guerra all'inquinamento atmosferico nel 1998, la capitale cinese ha lottato per migliorare la salute e l'ambiente dei suoi cittadini attraverso una serie di iniziative mirate. Sono passati più di 20 anni e sembra che Pechino stia vincendo la battaglia. La qualità dell'aria è notevolmente migliorata e le lezioni apprese forniscono una tabella di marcia per altre città.

In un'intervista per il BreatheLife, Li Xiang, capo della divisione per la qualità dell'aria presso l'Ufficio municipale per l'ecologia e l'ambiente di Pechino, approfondisce la strategia della città.

Pechino ha fatto molta strada dalle strade piene di fumo mostrate nelle fotografie degli anni '1990. Quali sono i metodi utilizzati per controllare l'inquinamento atmosferico?

Negli ultimi anni, in particolare durante il 13° Piano quinquennale (2016-2020), Pechino ha compiuto un grande sforzo nel controllo dell'inquinamento atmosferico, creando un nuovo punto di riferimento per la qualità dell'aria. La concentrazione media annua di PM2.5 è scesa da 89.5 μg/m³ nel 2013 a 38 μg/m³ nel 2020, entrando per la prima volta nella fascia “30+”. Il senso di "felicità del cielo blu" delle persone è notevolmente migliorato e la prevenzione dell'inquinamento atmosferico di Pechino è stata inclusa come caso di studio del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP), fornendo riferimento per altre città in tutto il mondo, in particolare quelle nei paesi in via di sviluppo.

Come Pechino ha fatto questo può essere suddiviso in cinque punti:

  • Abbiamo notevolmente migliorato il livello di sviluppo verde. La nuova infrastruttura energetica è a basse emissioni di carbonio e il consumo totale di carbone è in calo. La trasformazione verde dell'industria ha anche eliminato più di 2,000 imprese manifatturiere e inquinanti generali. L'ottimizzazione ecologica dei veicoli ha rimosso più di 1 milione di vecchi veicoli a motore dalle strade della città e ha promosso 400,000 veicoli a nuova energia. La percentuale di veicoli a motore con standard di emissione China V o superiori è ora superiore al 60%. Lo spazio verde in città si è continuamente ampliato, con il tasso di copertura forestale della città raggiungendo il 44 per cento.
  • Pechino ha rivisto e implementato rigorosamente il suo Regolamenti sulla prevenzione e il controllo dell'inquinamento atmosferico istituendo un team di forze dell'ordine completo per la protezione ecologica e ambientale, rafforzando il collegamento tra casi amministrativi e casi penali e implementando forze dell'ordine mirate utilizzando la tecnologia hot grid.
  • Pechino ha successivamente emanato politiche economiche come la trasformazione delle caldaie a carbone in caldaie pulite, incoraggiando l'acquisto di veicoli di nuova energia, introducendo una tassa di protezione ambientale, aumentando gli investimenti finanziari a livello municipale e distrettuale per il controllo dell'inquinamento atmosferico.
  • La città ha messo in atto rigorose politiche di protezione ambientale in tutti i settori, tra cui la produzione di sostanze chimiche organiche, veicoli, edifici e altre industrie.
  • Pechino ha rafforzato gli investimenti in scienza e tecnologia per controllare l'inquinamento atmosferico. Il sistema di monitoraggio 3D integrato “spazio-aria-terra” e la rete di monitoraggio della rete PM2.5 hanno creato un precedente per l'applicazione della tecnologia dei sensori miniaturizzati e intelligenti nel campo del monitoraggio ecologico.

Questi sono risultati impressionanti. Ma quanto inquinamento ha effettivamente ridotto al minimo Pechino?

Nel 2020 le concentrazioni medie annue di PM2.5, PM10, NO2 e così2 erano rispettivamente di 38, 56, 29 e 4 μg/m³, in calo del 58%, 48%, 48% e 85% rispetto al 2013. Secondo il rapporto "Una rassegna di 20 anni di controllo dell'inquinamento atmosferico a Pechino" pubblicato dall'UNEP nel 2019 e compilato da un team guidato dalle Nazioni Unite di esperti internazionali e cinesi, durante l'attuazione quinquennale del Piano d'azione per l'aria pulita di Pechino 2013-2017, misure di controllo come il retrofit delle caldaie a carbone, la trasformazione pulita del combustibile civile e l'adeguamento della struttura industriale hanno ridotto significativamente l'emissione dei principali inquinanti atmosferici a Pechino, tra cui SO2, NOx, COV e PM primari2.5, le cui emissioni sono diminuite rispettivamente dell'83%, del 43%, del 42% e del 55%.

La Città Proibita – Foto Pixelflake

Come hanno reagito i cittadini di Pechino a queste politiche?

Negli ultimi anni, la qualità dell'aria a Pechino è migliorata così come il senso di felicità delle persone e il guadagno che ne deriva. Anche la loro accettazione e il loro sostegno alle politiche di controllo dell'inquinamento atmosferico del governo sono aumentate in modo significativo. Secondo un'indagine dell'Ufficio di statistica municipale di Pechino, la soddisfazione dei cittadini per la qualità dell'aria è aumentata di anno in anno, passando dal 57% nel 2017 all'85% nel 2020. Allo stesso tempo, i cittadini tengono in grande considerazione l'attenzione del governo nei confronti del costruzione di civiltà ecologica, come lamentato dal presidente Xi Jinping. Anche le hotline di nuova costituzione come 12345 e 12369 hanno svolto un ruolo attivo nell'incoraggiare i cittadini di Pechino a partecipare alla supervisione ambientale.

Ci sono state collaborazioni interessanti tra governo e settore privato per migliorare l'aria?

Prendendo il retrofit a basso contenuto di azoto di caldaie a gas come esempio, in fase di revisione di Pechino Standard di emissione per inquinanti atmosferici dalle caldaie nel 2013, il limite di emissione di NOx proposto era il più severo in Cina e il più avanzato al mondo e l'accessibilità tecnica doveva essere verificata. A quel tempo, con la cooperazione congiunta di imprese internazionali e nazionali di tecnologia di combustione a basso contenuto di azoto e proprietari di caldaie, sono stati completati 77 serie di progetti dimostrativi di combustione a basso contenuto di azoto prima e dopo, che hanno fornito supporto tecnico per l'attuazione degli standard e l'aggiornamento della trasformazione in città , e ha anche promosso il miglioramento tecnico nel campo della combustione a basso contenuto di azoto in Cina. Secondo le statistiche, all'inizio del programma di trasformazione a basso contenuto di azoto nel 2016, non più di 30 produttori potevano fornire apparecchiature di combustione a basso contenuto di azoto, ma alla fine del 2017, 108 produttori avevano partecipato alla trasformazione, il che ha notevolmente promosso il settore.

Qual è l'ambizione futura di Pechino?

Al momento, sebbene la qualità dell'aria di Pechino sia notevolmente migliorata, dobbiamo essere consapevoli che esiste ancora un divario tra la qualità dell'aria e gli standard nazionali. La quantità totale di emissioni inquinanti regionali supera ancora la capacità ambientale. Pechino prenderà come linea guida il pensiero del presidente Xi Jinping sulla civiltà ecologica, aderirà alla stessa direzione, farà lo stesso livello di sforzo per vincere la battaglia critica contro la prevenzione dell'inquinamento e aderirà al coordinamento del Primo Ministro2.5 E O3 e controllo delle emissioni di gas serra. Pechino si adopererà per eliminare i giorni di forte inquinamento durante il 14° piano quinquennale. L'obiettivo è migliorare sostanzialmente la qualità ambientale dell'atmosfera entro il 2035 e raggiungere il livello avanzato internazionale entro il 2050.