Aggiornamenti di rete / In tutto il mondo / 2024-06-12

I progressi sull’accesso all’energia di base si invertono per la prima volta in un decennio:
Il mondo resta fuori rotta per raggiungere l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile (SDG) 7 per l’energia entro il 2030

Il divario globale nell’accesso all’energia peggiora poiché la crescita della popolazione supera le nuove connessioni: 685 milioni di persone che vivranno senza accesso all’elettricità nel 2022, 2.1 miliardi di persone continueranno a fare affidamento su combustibili dannosi per cucinare a livello globale.

www.era.com
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 5 verbale

Un nuovo rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), dell’Agenzia internazionale per l’energia rinnovabile (IRENA), della Divisione statistica delle Nazioni Unite (UNSD), della Banca mondiale e dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), pubblicato oggi, rileva che il mondo Il percorso verso il raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile (SDG) 7 per l’energia entro il 2030 resta ancora fuori rotta.

SDG 7 è garantire l’accesso a un’energia conveniente, affidabile, sostenibile e moderna. L’obiettivo include il raggiungimento dell’accesso universale all’elettricità e alla cucina pulita, il raddoppio dei livelli storici di miglioramento dell’efficienza e l’aumento sostanziale della quota di energie rinnovabili nel mix energetico globale. Il raggiungimento di questo obiettivo avrà un profondo impatto sulla salute e sul benessere delle persone, contribuendo a proteggerle dai rischi ambientali e sociali come l’inquinamento atmosferico e ampliando l’accesso all’assistenza sanitaria e ai servizi primari.

L'edizione 2024 di Monitorare l'SDG 7: il rapporto sullo stato di avanzamento dell'energia avverte che gli sforzi attuali non sono sufficienti per raggiungere in tempo l’obiettivo di sviluppo sostenibile n. 7. Sono stati compiuti alcuni progressi su elementi specifici dell’agenda SDG 7 – ad esempio, l’aumento del tasso di diffusione delle energie rinnovabili nel settore energetico – ma i progressi sono insufficienti per raggiungere gli obiettivi stabiliti negli SDG.

L’ultimo rapporto conferma che il numero di persone senza accesso all’elettricità è aumentato per la prima volta in oltre un decennio, poiché la popolazione è cresciuta – soprattutto nell’Africa sub-sahariana – a un ritmo superiore a quello delle nuove connessioni elettriche, lasciando 685 milioni di persone senza elettricità nel 2022, 10 milioni in più rispetto al 2021. A ciò ha contribuito una combinazione di fattori, tra cui la crisi energetica globale, l’inflazione, la crescente sofferenza del debito in molti paesi a basso reddito e l’aumento delle tensioni geopolitiche. Tuttavia, le tendenze promettenti nell’implementazione di soluzioni energetiche decentralizzate, in gran parte basate sulle energie rinnovabili, stanno contribuendo ad accelerare il progresso, in particolare nelle aree rurali dove oggi vivono otto persone su dieci senza accesso.

Nel frattempo, 2.1 miliardi di persone vivono ancora senza accesso a combustibili e tecnologie per cucinare puliti, e lo scorso anno il numero è rimasto sostanzialmente stabile. Ciò comporta enormi implicazioni per la salute, l’uguaglianza di genere e l’ambiente, contribuendo a 3.2 milioni di morti premature ogni anno. Nuovo slancio politico nel contesto di G7, G20, e nuovi impegni finanziari assunti al Summit sulla cucina pulita in Africa incoraggiano le prospettive di progressi più consistenti verso la fine di questo decennio. Tuttavia, gli sforzi rimangono insufficienti per raggiungere l’accesso universale all’elettricità o alla cucina pulita entro il 2030.

Altre parti dell’agenda dell’SDG 7 hanno avuto risultati migliori di recente. L’energia rinnovabile ha registrato una crescita robusta negli ultimi due anni e i miglioramenti in termini di efficienza energetica stanno gradualmente migliorando dopo un calo durante la pandemia, anche se non ancora sufficienti per raggiungere l’obiettivo dell’SDG 7. Nuovi obiettivi globali promessi da oltre 130 paesi nel Consenso degli Emirati Arabi Uniti rafforzare gli obiettivi dell’SDG 7 puntando a triplicare la capacità di generazione rinnovabile e raddoppiare il tasso di efficienza energetica. Per raggiungere questi obiettivi sono necessarie azioni concrete immediate, soprattutto per affrontare la grande disparità negli investimenti nell’energia pulita, di cui l’80% rimane concentrato in soli 25 paesi nel 2022.

Principali risultati del rapporto:

  • Il 2022 ha visto un’inversione di tendenza, con il numero di persone che vivono senza elettricità in crescita per la prima volta in oltre un decennio. Oggi, 685 milioni di persone vivono senza accesso, 10 milioni in più rispetto al 2021. Nel 2022, 570 milioni di persone nell’Africa sub-sahariana vivranno senza elettricità, rappresentando oltre l’80% della popolazione mondiale senza accesso. Il deficit di accesso nella regione ha registrato un aumento rispetto ai livelli del 2010.
  • Il mondo resta lontano dalla strada per raggiungere l’accesso universale alla cucina pulita entro il 2030. Fino a 2.1 miliardi di persone utilizzano ancora combustibili e tecnologie inquinanti per cucinare, soprattutto nell’Africa sub-sahariana e in Asia. L’uso tradizionale della biomassa significa anche che le famiglie trascorrono fino a 40 ore settimanali a raccogliere legna da ardere e cucinare, il che rende difficile per le donne cercare lavoro o partecipare agli organi decisionali locali e per i bambini andare a scuola.
  • L’inquinamento atmosferico domestico creato dall’utilizzo di combustibili e tecnologie inquinanti per la cucina provoca 3.2 milioni di morti premature ogni anno.
  • Il consumo di elettricità rinnovabile è cresciuto di oltre il 6% su base annua nel 2021, portando la quota delle energie rinnovabili nel consumo globale di elettricità al 28.2%.
  • La capacità installata di generazione di energia rinnovabile pro capite ha raggiunto un nuovo record nel 2022 con 424 watt pro capite a livello globale. Esistono tuttavia notevoli disparità. I paesi sviluppati (con 1,073 watt pro capite) hanno una capacità installata 3.7 volte maggiore rispetto ai paesi in via di sviluppo (con 293 watt pro capite).
  • Il tasso di miglioramento dell’intensità energetica ha registrato un leggero aumento dello 0.8% nel 2021 rispetto allo 0.6% dell’anno precedente. Tuttavia, questo rimane ben al di sotto della media a lungo termine. I lenti progressi nel 2021 si sono verificati nel contesto della robusta ripresa economica successiva alla pandemia di Covid-19, che ha visto il maggiore aumento annuo del consumo energetico degli ultimi 50 anni. I miglioramenti medi annuali fino al 2030 devono ora accelerare fino a oltre il 3.8% per raggiungere l’obiettivo SDG 7.3.
  • I flussi finanziari pubblici internazionali a sostegno dell’energia pulita nei paesi in via di sviluppo sono aumentati nel 2022, raggiungendo i 15.4 miliardi di dollari, con un aumento del 25% rispetto al 2021. Tuttavia, si tratta ancora di circa la metà del picco del 2016 di 28.5 miliardi di dollari.
  • Entro il 2030, con le politiche attuali, ci saranno ancora 660 milioni di persone senza accesso all’elettricità e circa 1.8 miliardi senza accesso a tecnologie e combustibili puliti per cucinare. Anche i progressi nei tassi di efficienza energetica sono in ritardo, raggiungendo solo il 2.3%, ben al di sotto del livello necessario per raggiungere l’obiettivo SDG 7.

Il rapporto sarà presentato ai principali decisori politici in occasione di uno speciale evento di lancio il 15 luglio presso il Forum politico di alto livello (HLPF) sullo sviluppo sostenibile, che supervisiona i progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Gli autori sollecitano la comunità internazionale a concentrare nuovamente gli sforzi sulla fornitura del sostegno finanziario, tecnologico e politico necessario per colmare il deficit di accesso e garantire che tutti i paesi e le comunità possano beneficiare di una diffusione accelerata delle energie rinnovabili e di una migliore efficienza energetica.

Fatih Birol, Direttore esecutivo, Agenzia internazionale per l'energia: “Per raggiungere l’Obiettivo di sviluppo sostenibile 7, avremo bisogno di molti più investimenti nelle economie emergenti e in via di sviluppo per espandere l’accesso all’elettricità e alle tecnologie e ai combustibili puliti per cucinare. Oggi, solo una frazione degli investimenti energetici totali è destinata ai paesi in cui i problemi di accesso all’elettricità e di cucina pulita sono critici, non ultima l’Africa sub-sahariana. Oltre ai benefici climatici e ambientali, affrontare queste sfide porterà una serie di vantaggi sociali ed economici, legati all’uguaglianza di genere, alla salute, all’istruzione e all’occupazione. Il nostro recente vertice sulla cucina pulita in Africa ha mobilitato 2.2 miliardi di dollari, dando slancio per ulteriori progressi”

Francesco La Camera, Direttore Generale, Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili: “Anno dopo anno, le energie rinnovabili dimostrano di essere un attore leader nell’aumento dell’accesso all’energia e all’elettricità attraverso la costante espansione della capacità di energia rinnovabile. Ma la disparità distributiva rimane notevole, come si evince dai flussi finanziari pubblici internazionali a sostegno dell’energia pulita. La ripresa dei flussi indica un segnale positivo, ma non si avvicina nemmeno lontanamente alla quantità necessaria per raggiungere l’SDG7. Ciò dovrebbe servire a ricordare con forza che non solo stiamo correndo contro il tempo per raggiungere l’obiettivo, ma continuiamo a deludere anche i più svantaggiati del mondo. Ci deve essere un forte senso di urgenza da parte della comunità internazionale per accelerare gli investimenti nelle infrastrutture rinnovabili e nelle tecnologie sostenibili, con particolare attenzione alle economie meno sviluppate e in via di sviluppo”.

Stefan Schweinfest, Direttore, Divisione Statistica delle Nazioni Unite: "L’Obiettivo di sviluppo sostenibile 7 è stato una stella polare nella mobilitazione degli sforzi per fornire energia pulita e a prezzi accessibili a un numero sempre maggiore di persone, mentre le tendenze attuali fanno sembrare sfuggenti gli obiettivi dell’Obiettivo di sviluppo sostenibile 7. L’accesso all’elettricità e alla cucina pulita è progredito dal 2015, ma ora sembra che la maggior parte dei frutti a portata di mano siano stati raccolti. La diffusione dell’elettricità rinnovabile è in crescita, mentre altri tipi di fonti rinnovabili sono in ritardo e i miglioramenti dell’efficienza energetica sembrano aver raggiunto un collo di bottiglia. Il tempo stringe e politiche e investimenti più mirati sono fondamentali per garantire la fornitura di energia sostenibile per tutti entro il 2030."

Guangzhe Chen, vicepresidente per le infrastrutture, Banca mondiale: “L’accesso all’elettricità è essenziale per lo sviluppo e dobbiamo lavorare molto duramente per i 685 milioni di persone private di questa risorsa – 10 milioni in più rispetto all’anno precedente. Esistono soluzioni per invertire questa tendenza negativa, tra cui l’accelerazione della diffusione delle minireti solari e dei sistemi solari domestici. La Banca Mondiale sta lavorando attivamente per sostenere questa accelerazione e, insieme alla Banca Africana di Sviluppo, ci siamo impegnati a fornire elettricità ad altri 300 milioni di persone entro il 2030”.

Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale, Organizzazione Mondiale della Sanità: “L’inquinamento atmosferico e la povertà energetica stanno mietendo vite umane, infliggendo sofferenze e ostacolando lo sviluppo. Una transizione più rapida verso l’energia pulita e le tecnologie di cottura è essenziale per proteggere la salute dei 2.1 miliardi di persone che non vi hanno accesso e la salute del pianeta da cui dipende tutta la vita”.