Le Filippine ospitano una tavola rotonda ministeriale del sud-est asiatico su aria pulita, salute e clima - BreatheLife 2030
Aggiornamenti di rete / Manila, Filippine / 2019-08-14

Le Filippine ospitano una tavola rotonda ministeriale del sud-est asiatico su aria pulita, salute e clima:

Leader, esperti e scienziati si sono riuniti per condividere iniziative locali e approfondimenti sull'azione globale per il clima, l'aria pulita e la salute

Manila, Filippine
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Questa articolo è la di Climate and Clean Air Coalition.

Ministri e alti funzionari del sud-est asiatico si sono riuniti nelle Filippine su 24-25 luglio 2019 per la tavola rotonda ministeriale dell'ASEAN sulla discussione su aria pulita, salute e clima. È stato ospitato dal governo filippino, attraverso il Dipartimento dell'ambiente e delle risorse naturali (DENR), la Commissione sui cambiamenti climatici e il Dipartimento della salute (DOH), e co-organizzato con l'Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN) e il Clima e Clean Air Coalition (CCAC).

"Attraverso questa speciale riunione ministeriale, riuniamo i governi della regione dell'ASEAN e oltre per affrontare il nesso dell'inquinamento atmosferico, della salute pubblica e dell'azione globale per il clima", ha affermato il segretario della Commissione per i cambiamenti climatici Emmanuel De Guzman quando ha dato il benvenuto ai delegati. “Ora più che mai, dobbiamo massimizzare i benefici sociali ed economici derivanti dalla riduzione degli inquinanti climatici di breve durata. Questo è ciò che ci ispira a riunirci oggi. Nella cultura dell'ASEAN di cooperazione e unità, vogliamo promuovere una comunità di professionisti per affrontare il clima e l'inquinamento atmosferico in modo integrato per offrire un futuro più sicuro e sostenibile. "

Emmanuel De Guzman, segretario della Commissione sui cambiamenti climatici per le Filippine, ha presieduto la discussione

L'incontro ha anche riunito esperti e scienziati nella regione dell'ASEAN e non solo per condividere iniziative locali e approfondimenti sull'azione globale per il clima, l'aria pulita e la salute che possono simultaneamente raggiungere gli obiettivi del punto di riferimento dell'accordo sul clima di 2015 Parigi e dell'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile attraverso i contributi determinati a livello nazionale (NDC) di ciascun paese.

Durante l'evento, i paesi membri dell'ASEAN hanno condiviso informazioni su come stanno rispondendo al Rapporto speciale sul riscaldamento globale 1.5 ° C pubblicato dal gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) in ottobre 2018. Questo rapporto ha sottolineato la necessità di un'azione tempestiva su TUTTE le emissioni forzate del clima, compresi gli inquinanti climatici di breve durata (SLCP) come parte del percorso per rimanere ben al di sotto di 2 ° C, come concordato dalle parti dell'accordo di Parigi.

Il professor Frank Murray ha presentato il "Inquinamento atmosferico in Asia e nel Pacifico: soluzioni basate sulla scienza"Pubblicato l'anno scorso. Questo rapporto ha identificato le misure di aria pulita di 25 che se implementate in tutta la regione porterebbero 1 miliardi di persone a godere di aria pulita ai più severi standard ambientali dell'Organizzazione mondiale della sanità di 2030. Queste misure proposte porterebbero anche a 0.3 ° C un riscaldamento globale ridotto rispetto a 2015 - riduzione delle emissioni di anidride carbonica del 19 percento, metano del 44 percento e carbonio nero del 77 percento di 2040-2050.

“La buona notizia è che i governi asiatici hanno adottato e implementato con successo politiche volte a controllare i livelli di inquinamento atmosferico e, se attuati integralmente, consentirebbero la crescita economica di 80% da parte di 2030 senza peggiorare l'inquinamento atmosferico. La cattiva notizia è che non migliorerà se non verranno prese ulteriori misure ", secondo il Prof. Murray.

In 2015 meno dell'8% della popolazione asiatica è stata esposta all'aria salubre - all'interno del PM dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS)2.5 valore indicativo di 10 µg / m3. Circa 4 miliardi di persone in Asia in 2015 sono state esposte a livelli di PM2.5ciò ha comportato rischi significativi per la loro salute.

Maria Neira, direttore del Dipartimento di sanità pubblica, determinanti ambientali e sociali della salute, spiega perché non possiamo più permetterci di aspettare di agire sull'inquinamento atmosferico.

"Il mondo è in un punto critico in cui vi è sia un'emergenza sanitaria per l'inquinamento atmosferico che una crisi climatica", ha affermato la responsabile della segreteria del CCAC, Helena Molin Valdes. “Siamo incoraggiati a lavorare con la regione e i paesi dell'ASEAN per rendere questo una priorità condivisa che supporta anche le priorità di sviluppo dei paesi della regione.

“La nostra visione è un'atmosfera che consente alle persone e al pianeta di prosperare. Il vertice dell'azione per il clima del Segretario generale delle Nazioni Unite a New York a settembre è un'opportunità per presentare gli impegni e i piani dei paesi della regione che aumenteranno l'ambizione su clima, salute e inquinamento atmosferico, raffreddamento efficiente e altre iniziative per intensificare l'azione. "

I delegati dell'incontro hanno discusso dei messaggi e delle opportunità per impegnarsi individualmente a migliorare le azioni per il clima durante il vertice dell'azione per il clima del segretario generale delle Nazioni Unite a New York a settembre e durante la riunione dei tre ministri dell'ambiente dell'ASEAN 15 Plus a ottobre.

La dott.ssa Amy Khor, Senior Minister of State for the Environment and Water Resources, Singapore, ha affermato che il suo governo prende sul serio le questioni relative all'inquinamento atmosferico e ai cambiamenti climatici e ha preso le prime misure sull'inquinamento atmosferico, che fanno parte di una serie di misure di mitigazione cambiamento climatico. Il dott. Khor ha suggerito a 4 passi significativi che i paesi dell'ASEAN possono intraprendere. In primo luogo, i paesi devono confrontare gli sforzi per affrontare l'inquinamento atmosferico con le linee guida dell'OMS; In secondo luogo, i paesi devono fissare obiettivi e monitorarli attentamente. In terzo luogo, i paesi devono adottare una serie completa di misure per controllare l'inquinamento atmosferico e i cambiamenti climatici. Infine, i paesi devono rafforzare la cooperazione e ridurre l'inquinamento atmosferico transfrontaliero.

Choup Paris, vice segretario generale, segretariato generale del Consiglio nazionale per lo sviluppo sostenibile della Cambogia, ha sottolineato che il suo paese è fortemente impegnato nell'azione globale per il clima e ha stabilito priorità nazionali relative all'aria pulita, alla salute e al clima. Paris ha sottolineato l'importanza della cooperazione regionale delle nazioni e ha chiesto la creazione di un meccanismo adeguato nell'ASEAN per mobilitare risorse per aiutare i paesi

Il Giappone ritiene che uno dei modi più efficaci per ottenere un'ulteriore riduzione delle emissioni sia implementare la gestione del ciclo di vita dei fluorocarburi, che comprende sia misure a monte, come lo sviluppo di nuovi refrigeranti e la facilitazione della transizione, sia misure a valle, compresa la corretta gestione delle perdite e dei rigetti HFC. “La nuova iniziativa di raffreddamento efficiente del CCAC può essere una delle buone opportunità per realizzare questo concetto. Il Giappone vorrebbe collaborare con i paesi dell'ASEAN, il CCAC e tutti i partecipanti qui ", ha dichiarato Satoru Morishita, Vice Ministro degli affari ambientali globali, Ministero dell'Ambiente, Giappone.

Ovais Sarmad, vice segretario esecutivo dell'UNFCCC, ha ribadito che gli attuali sforzi globali non sono sufficienti per raggiungere gli obiettivi e gli obiettivi degli obiettivi di Parigi concordati dai governi. “L'inquinamento atmosferico è al centro della giustizia sociale e della disuguaglianza globale e, affrontando ciò, affronteremo anche l'aspetto molto critico delle questioni sociali ed economiche. L'inquinamento atmosferico fa parte dell'emergenza climatica ", ha affermato Sarmad.

Questa tavola rotonda di alto livello fa parte del contributo delle Filippine alProgramma d'azione CCAC per affrontare la sfida 1.5˚C"A Katowice, in Polonia, lanciato durante COP24 in 2018. Questo programma è stato sviluppato dai partner della Coalizione in risposta al rapporto speciale IPCC 1.5˚C pubblicato su 2018 che ha sottolineato la necessità di un'azione tempestiva su tutte le emissioni forzate del clima, compresi gli inquinanti climatici di breve durata (SLCP), come parte del percorso per rimanere ben al di sotto di 2˚C.