Oltre un miliardo di persone sono state coperte dall'impegno di aria pulita man mano che crescono i problemi di salute durante la conferenza globale sul clima - BreatheLife2030
Aggiornamenti rete / Madrid, Spagna / 2019-12-07

Oltre un miliardo di persone coperte dall'impegno di aria pulita man mano che crescono i problemi di salute alla conferenza globale sul clima:

Cinquantatre governi nazionali e subnazionali 87 hanno ora aderito alla Clean Air Initiative, impegnandosi in politiche che portano all'aria salutare da 2030

Madrid, Spagna
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Più di un miliardo di persone in tutto il mondo vivono attualmente in paesi che si sono impegnati a perseguire la qualità dell'aria "sicura" di 2030 come parte dei loro piani di cambiamento climatico, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità.

Cinquantatre governi nazionali hanno ora aderito al Iniziativa sull'aria pulita, quale, tra le altre specifiche, li impegna a raggiungere i valori guida dell'OMS sulla qualità dell'aria e a valutare vite salvate, guadagni di salute e risparmi nei sistemi di politiche sanitarie.

L'impegno ha preso piede al vertice di azione per il clima di quest'anno di settembre, riflettendo l'aumento della consapevolezza degli impatti dei cambiamenti climatici sulla salute umana e sui sistemi sanitari, ma anche degli stretti legami tra azione per il clima, inquinamento atmosferico e salute umana.

“La salute sta pagando il prezzo della crisi climatica. Perché? Perché i nostri polmoni, il nostro cervello, il nostro sistema cardiovascolare soffrono moltissimo delle cause dei cambiamenti climatici che si sovrappongono moltissimo con le cause dell'inquinamento atmosferico ", ha dichiarato la dott.ssa Maria Neira, direttore dell'OMS, Dipartimento per l'ambiente, i cambiamenti climatici e la salute.

2030 si impegna a raggiungere i valori guida dell'OMS sulla qualità dell'aria e ad allineare la politica sul clima e l'inquinamento atmosferico. Immagine: OMS.

Mentre i paesi si incontrano a Madrid, in Spagna, per l'ultima iterazione della Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP), l'OMS è stata raggiunta da altre organizzazioni - dalla Federazione internazionale delle associazioni degli studenti di medicina, che rappresenta i futuri dottori del mondo, alle agenzie delle Nazioni Unite come l'Organizzazione meteorologica mondiale e l'UNICEF - sollecitando un'azione da tutte le parti della società per agire più rapidamente sui cambiamenti climatici in nome della salute umana, poiché decenni di prove stabiliscono solidi legami tra i due.

“È assolutamente essenziale che come comunità sanitaria, veniamo qui e parliamo, e diciamo: 'Questo non è solo un problema ambientale, sebbene sia importante; questo non è solo un problema economico, per quanto importante sia: è il fatto che il cambiamento climatico sta minando tutti i progressi che abbiamo fatto nella salute globale negli ultimi anni ", ha affermato il coordinatore dell'OMS, Cambiamenti climatici, dott. Diarmid Campbell-Lendrum, in un'intervista con Connect4Climate.

Si scopre, tuttavia, che affrontare insieme le sfide del cambiamento climatico, dell'inquinamento atmosferico e di altri aspetti dello sviluppo sostenibile ha comunque senso economico.

Il Rapporto sul gap delle emissioni 2019 del Programma ambientale delle Nazioni Unite, un'importante riserva annuale che mette a confronto la direzione delle emissioni di gas serra rispetto a dove devono essere, evidenzia che “un corpus crescente di ricerche ha documentato che l'ambiziosa azione per il clima, la crescita economica e lo sviluppo sostenibile possono andare di pari passo mano se ben gestita ”.

Cita uno studio di a Analisi 2018 della Commissione globale per l'economia e il clima, che stima che l'ambiziosa azione per il clima potrebbe generare tra 26 e trilioni di dollari di benefici economici tra ora e 2030 e creare 65 milioni di posti di lavoro a quel tempo, evitando 700,000 morti premature a causa dell'inquinamento atmosferico.

Il rapporto menziona anche uno studio che rileva che "un abbandono globale dei combustibili fossili potrebbe evitare oltre 3 milioni di morti premature ogni anno a causa dell'inquinamento dell'aria esterna o ben oltre 5 milioni di morti premature all'anno se si tagliano altri gas serra causati dall'uomo" , comprese le emissioni provenienti dall'agricoltura e dall'industria che non provengono dalla combustione di combustibili fossili, come il metano.

Si è scoperto che i costi annuali per affrontare insieme queste sfide erano circa 40 inferiori ai costi totali delle politiche per il superamento di ciascuna di esse separatamente.

Il 2019 Lancet Countdown su salute e cambiamenti climatici scoperto che se il miglioramento dell'inquinamento atmosferico da particolato causato dall'attività umana sperimentato dall'Europa da 2015 a 2016 è rimasto lo stesso nel corso della vita di una persona, si tradurrebbe in una riduzione annuale degli anni di vita persi per un valore di 5.2 miliardi di euro.

A livello globale, i due terzi dei danni alla salute causati dall'inquinamento atmosferico esterno provengono dalla combustione di combustibili fossili.

“Il raggiungimento degli obiettivi dell'Accordo di Parigi consentirebbe di salvare circa 1 milioni di vite all'anno da parte di 2050. Non possiamo permetterci non per farlo ", ha detto il dott. Campbell-Lendrum.

Il miliardo di persone coperte da Impegno di Clean Air Initiative non include ancora quelli guidati dai governi subnazionali 87 che hanno commesso, alcuni dei quali governi nazionali non l'hanno firmato.

Numerosi leader governativi subnazionali, tra cui quello di Glasgow, l'ospite della COP 2020, hanno spiegato i loro sforzi e piani in corso per decarbonizzare le loro economie, descrivendo aria più pulita, maggiore giustizia sociale e mobilità più attiva tra i "co-benefattori", tutto ciò arriva al cuore della prevenzione delle malattie e dei killer non trasmissibili più importanti del mondo.

Tuttavia, non è ancora la norma costare e contare i benefici per la salute quando vengono prese decisioni con costi sommersi elevati e decenni di impatto - decisioni in aree di pianificazione urbana, ambienti costruiti, fonti energetiche, infrastrutture e reti, trasporti, tra l'altro, qualcosa che include l'impegno di Clean Air Initiative.

"Se riusciamo a mantenere i paesi in tale impegno, possiamo salvare milioni di vite e combattere i cambiamenti climatici", ha affermato Campbell-Lendrum.

Ora stanno succedendo altre cose su clima e salute a COP25 al Vertice globale su clima e salute, Madrid, Spagna, 2019.