Aggiornamenti di rete / Accra, Ghana / 2021-10-21

Nuove stazioni di monitoraggio per aiutare a contrastare l'inquinamento atmosferico ad Accra:

Accra, Ghana
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 2 verbale

La scorsa settimana ad Accra sono state installate tre nuove stazioni di monitoraggio della qualità dell'aria, che dovrebbero generare dati in tempo reale sulla qualità dell'aria per la sensibilizzazione del pubblico e la formulazione delle politiche.

I monitor, che sono stati installati su iniziativa congiunta del Agenzia del Ghana per la protezione dell'ambiente e l'ambasciata degli Stati Uniti in Ghana, saranno posizionati presso il campus dell'Università del Ghana, il complesso della scuola cattolica di base Adabraka St Joseph Roman Catholic e presso l'ambasciata degli Stati Uniti ad Accra.

Henry Kokofu, direttore esecutivo dell'EPA, ha affermato che l'inquinamento atmosferico ambientale e domestico sono attualmente i più significativi fattori ambientali che contribuiscono alle morti premature in Africa, superando quello della malaria e dell'HIV. Ha aggiunto che attualmente, il 100 per cento della popolazione del Ghana, sia nelle aree urbane che rurali, è stata esposta a livelli di concentrazione di particolato superiori al Linee guida dell'OMS.

"C'è, quindi, l'urgente necessità di controllare lo stato attuale dell'inquinamento atmosferico, delle malattie e dei decessi correlati", ha affermato Kokofu.

Inaugurazione delle stazioni di monitoraggio della qualità dell'aria

Stephanie Sullivan, l'ambasciatore degli Stati Uniti, ha affermato che l'ambasciata ha deciso di collaborare con l'EPA per stabilire le stazioni di monitoraggio in modo da informare le decisioni politiche che contribuiranno a fornire un ambiente più pulito per tutte le persone che vivono nella capitale e oltre.

"La crescente tendenza globale all'urbanizzazione, come vediamo nella regione della Grande Accra e in molte città degli Stati Uniti, continua a creare maggiori concentrazioni di inquinanti atmosferici, con effetti dannosi sulla salute", ha affermato.

Le stazioni di monitoraggio, ha aggiunto, aiuterebbero scienziati, ricercatori, funzionari governativi e il pubblico a comprendere i dati in tempo reale "mentre lavoriamo insieme per identificare e mitigare le fonti di inquinamento atmosferico dannoso".

Emmanuel Appoh, Local Focal Person e the World Health Organization Temporary Advisor on Air Quality Guidelines Development, ha affermato che gli sforzi combinati in Ghana negli ultimi 15 anni, comprese le stazioni di monitoraggio istituite ad Accra, Tema, Kumasi, Takoradi e Tarkwa per monitorare lo zolfo anidride carbonica, monossido di carbonio, fumo nero e particolato totale, erano stati in grado di ridurre i livelli di inquinamento da 78 particolato a 44.

"Tuttavia, dobbiamo lavorare di più per arrivare a 35 sotto l'obiettivo tre e poi a 25 sotto l'obiettivo due del requisito dell'OMS", ha affermato.