Aggiornamenti di rete / Nairobi, Kenya / 2021-09-13

I cartelloni di Nairobi mostrano i dati sull'inquinamento atmosferico:

Nairobi, Kenya
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

I cartelloni digitali in giro per la capitale del Kenya hanno iniziato a trasmettere in streaming L'inquinamento atmosferico in tempo reale di Nairobi nel tentativo di aumentare la consapevolezza sulla qualità dell'aria tra i 4.7 milioni di abitanti della città.

L'iniziativa – a cura del Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP), in collaborazione con IQAir, una società svizzera di tecnologia per la qualità dell'aria, Safaricom, un fornitore di telecomunicazioni in Kenya, Alpha and Jam Ltd e Metropolitan Star Lite Ltd, Out Of Home (OOH) media – fornisce informazioni sulla qualità dell'aria in tempo reale per alcuni dei tipi più dannosi di inquinamento atmosferico, le particelle sottili nell'aria, note come PM2.5. Il progetto pilota mira a coinvolgere il pubblico trasmettendo in tempo reale informazioni sull'inquinamento atmosferico su cartelloni digitali in 4 punti critici della città: Moi Avenue, University Way, Mbagathi Way e Jomo Kenyatta International Airport.

PM2.5 provoca gravi problemi di salute, tra cui asma, cancro ai polmoni e malattie cardiache. L'esposizione al PM2.5 è stata anche associata a basso peso alla nascita, aumento delle infezioni respiratorie acute e ictus.

Traffico a Nairobi di Keshie Muchai.

"Il monitoraggio della qualità dell'aria in tempo reale ci aiuterà con l'emissione di avvisi sanitari e per la formulazione di controlli intelligenti del traffico che riducano al minimo la congestione", ha affermato Lawrence Mwangi, assistente del direttore dell'ambiente responsabile del controllo dell'inquinamento presso il governo della contea di Nairobi. “Gli avvisi dinamici dimostrati attraverso questa collaborazione aiuteranno le persone a limitare la loro esposizione a inquinanti nocivi”.

Art Around 3 miliardi di persone cucinare e riscaldare le loro case utilizzando caminetti e semplici stufe che bruciano biomassa (legna, sterco animale e scarti delle colture) e carbone. Oltre il 50% delle morti premature dovute a polmonite tra i bambini sotto i 5 anni è causato dal particolato (fuliggine) inalato dall'inquinamento atmosferico domestico. Si stima che l'inquinamento dell'aria esterna sia nelle città che nelle aree rurali abbia causato 3 milioni di morti premature in tutto il mondo nel 2012 con l'88% di queste morti premature che si verificano nei paesi a basso e medio reddito.

Le politiche e gli investimenti a sostegno di trasporti più puliti, alloggi efficienti dal punto di vista energetico, produzione di energia, industria e una migliore gestione dei rifiuti urbani ridurrebbero le principali fonti di inquinamento dell'aria esterna urbana. La maggior parte dei residenti della città non ha accesso a dati sulla qualità dell'aria in tempo reale e, di conseguenza, spesso non è consapevole dei livelli dannosi di aria che respira.

"L'azione sull'inquinamento atmosferico, responsabile di milioni di morti premature all'anno, è fondamentale: gli sforzi dovrebbero concentrarsi sulle comunità ad alto rischio, come le persone che vivono in insediamenti urbani informali", ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell'UNEP. “Le innovazioni per raggiungere e coinvolgere allo stesso modo la comunità locale e i decisori possono solo elevare la comprensione degli impatti della qualità dell'aria e aiutare a creare un ambiente favorevole per migliorare la salute umana e dell'ecosistema”.

Il progetto dimostrativo di sensibilizzazione sulla qualità dell'aria di Nairobi è il risultato di una collaborazione unica tra le Nazioni Unite, il settore privato, il mondo accademico, le organizzazioni governative non governative e locali e si prevede che acceleri gli sforzi per cambiare il modo in cui i trasporti, la gestione dei rifiuti e altri servizi sono gestiti in città in modo che l'inquinamento atmosferico derivante da queste attività sia significativamente ridotto, se non eliminato.

“Questa partnership è al centro della nostra agenda di sostenibilità che cerca di affrontare questioni ambientali come l'inquinamento atmosferico, che rimane una sfida importante soprattutto nei centri urbani. Intendiamo utilizzare le nostre piattaforme digitali e l'infrastruttura di rete espansiva per supportare il progetto di monitoraggio della qualità dell'aria per espandersi in più aree urbane in Kenya", ha affermato Peter Ndegwa, CEO di Safaricom.

Il progetto dimostrativo arriva mentre il mondo celebra il 2° Giornata internazionale per l'aria pulita e il cielo azzurro il 7 settembre, quest'anno tenuto sotto il tema, Aria sana, pianeta sano. La Giornata chiede una maggiore cooperazione internazionale a livello globale, regionale e subregionale. Fornisce una piattaforma per rafforzare la solidarietà globale e lo slancio politico per l'azione contro l'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico, compresa la maggiore raccolta di dati sulla qualità dell'aria, lo svolgimento di ricerche congiunte, lo sviluppo di nuove tecnologie e la condivisione delle migliori pratiche.