Montreal si unisce alla campagna BreatheLife - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Montreal, Canada / 2019-09-06

Montreal si unisce alla campagna BreatheLife:

Montreal, la prima città canadese a approvare una legge contro l'inquinamento atmosferico quasi un secolo e mezzo fa, si unisce alla campagna BreatheLife

Montreal, Canada
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

La campagna BreatheLife accoglie Montreal, una città di 1.7 milioni di residenti che spesso si colloca tra i più vivibili al mondo, famosa per le sue estati indiane, inverni agghiaccianti e vasta città sotterranea.

La sua qualità dell'aria si colloca bene anche nelle classifiche delle aree urbane di tutto il mondo, con livelli medi annui di inquinanti particolati fini (PM2.5) che rientrano nei limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità a partire da 2014.

Né è successo per caso; Montreal ha una storia di azioni a sostegno della buona qualità dell'aria.

In 1872, divenne la prima città canadese ad adottare un regolamento per ridurre l'inquinamento atmosferico, in un momento in cui il carbone era il re e il fumo nero soffocava la città.

Man mano che lo smog denso si sollevava, Montreal sostituì gradualmente anche l'energia del carbone con l'energia idroelettrica.

“Ma il gioco è tutt'altro che finito e la posta in gioco è oggi più complessa che mai. Ecco perché la mia amministrazione è fermamente impegnata nella lotta contro i gas a effetto serra, uno che affronteremo su più fronti ", ha affermato il sindaco di Montreal, Valérie Plante.

Questa complessità ha portato la città ad avere una visione olistica dello sviluppo urbano.

"Quando si tratta di trasporti, non stiamo affrontando direttamente l'inquinamento atmosferico, ma i nostri approcci di pianificazione mirano a ridurre la durata del viaggio, la dipendenza dalle automobili e l'impronta dei trasporti nel tessuto urbano", ha affermato il sindaco Plante.

Tali approcci di pianificazione mirano a sviluppare e trasformare i settori urbani in modi che li rendono ambienti di vita completi in cui l'uso di auto di routine non è necessario.

Una grande parte delle strade pubbliche è riservata a biciclette, pedoni e trasporti pubblici, rispettivamente sotto forma di piste ciclabili e stazioni pubbliche di condivisione di biciclette, marciapiedi allargati e corsie riservate.

La città ha creato "nodi di mobilità" che collegano diverse modalità di trasporto.

Montreal abbina la mobilità sostenibile alla gestione della domanda di utilizzo di veicoli privati ​​attraverso la disponibilità di parcheggi nel centro città.

Montreal era anche un adozione anticipata nell'introduzione di autobus elettrici alla sua rete di trasporto pubblico - anche se molte altre città sono state trattenute - con l'obiettivo di rendere tutti i nuovi autobus elettrici di 2025.

Montreal è firmataria della Carta di Chicago, che esorta tutte le città firmatarie a fornire ai propri residenti opzioni di trasporto attivo e pubblico sicure e accessibili.

“La Carta di Chicago richiede ai governi municipali di investire nei loro sistemi di transito e nella loro flotta di veicoli per ridurre la loro impronta di carbonio. Pertanto, siamo fermamente impegnati a rispettare la nostra parola, ad essere proattivi e a garantire una migliore qualità dell'aria per le generazioni future ", disse Sindaco Plante.

In effetti, la città sta lavorando all'elettrificazione dei trasporti per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili, una strategia che include l'installazione di una rete di stazioni di ricarica pubbliche e la conversione graduale dei veicoli aziendali in elettrici.

Dopo le emissioni dei veicoli, la combustione del legno è stata la fonte più significativa di inquinamento da particelle fini a Montreal, portando la città a approvare rigide normative sulla combustione di biomassa nelle abitazioni nell'ottobre dello scorso anno: sono consentite solo le stufe e i caminetti più puliti, certificati per non emettere più di 2.5 grammi di particelle fini all'ora.

Sta anche lavorando per raggiungere la neutralità del carbonio negli edifici. In 2018, Montreal si è impegnata ad adottare regolamenti o politiche di pianificazione che vedrebbero i nuovi edifici operare su un'impronta netta di carbonio pari a zero di 2030, una misura che sarebbe stata estesa a tutti gli edifici da 2050.

La mossa ha fatto parte degli sforzi per rispettare la dichiarazione "Net Zero Carbon Buildings" al Vertice globale sull'azione per il clima, che la città ha sostenuto.

Altri sforzi per ridurre l'inquinamento atmosferico da parte della città comprendono un focus sulla gestione efficiente e innovativa dei rifiuti solidi e l'adozione di un piano ecologico per aumentare il baldacchino verde e ridurre l'effetto "isola di calore".

Montreal lavora anche sull'educazione pubblica e sulla sensibilizzazione, condividendo informazioni sulla qualità dell'aria attraverso i social media e il suo sito Web e incoraggiando azioni e cambiamenti comportamentali tra i suoi cittadini che supportano una migliore qualità dell'aria.

"La qualità dell'aria è il business di tutti gli abitanti di Montreal", ha dichiarato il sindaco Plante. "Sebbene la situazione stia migliorando in tutta l'isola, tutti i quartieri e le famiglie hanno ancora un ruolo da svolgere nella riduzione dell'inquinamento atmosferico, anche se solo attraverso la scelta dei mezzi per rendere più verdi le loro strade".

Tutto ciò continua a dare i suoi frutti, poiché la qualità dell'aria di Montreal ha una tendenza positiva.

Tra 2009 e 2016, gli abitanti di Montreal hanno visto un calo dell'38 per cento nelle concentrazioni di inquinamento da particolato fine (PM2.5) nella loro atmosfera.

Tra 2000 e 2016, le concentrazioni di biossido di azoto nella città sono diminuite del 43 per cento, quelle di monossido di carbonio per 53 per cento, diossido di zolfo per 81 per cento, idrogeno solforato per 75 per cento, ossido di azoto per 77 per cento e benzene per 90 per cento.

Questi sono i risultati più recenti degli anni 50 di monitoraggio della qualità dell'aria: nell'ultimo mezzo secolo, la città ha misurato la qualità dell'aria utilizzando analizzatori continui installati nelle stazioni di campionamento 15, strategicamente situati nell'agglomerato di Montreal. Questi monitor funzionano 365 giorni all'anno, 24 ore al giorno e i risultati sono disponibili sulla città sito web.

I dati supportano anche il ruolo di Montreal come partner nel programma Info Smog, che pubblica quotidianamente una previsione della qualità dell'aria e la comunica al pubblico.

La campagna BreatheLife dà il benvenuto a Montreal nel suo viaggio di aria pulita, azione per il clima e vivibilità.

Segui il viaggio di Montreal qui.