La Mongolia aumenta l'ambizione dei cambiamenti climatici con azioni che migliorano la qualità dell'aria e la salute umana - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Mongolia / 2020-04-20

La Mongolia aumenta l'ambizione dei cambiamenti climatici con azioni che migliorano la qualità dell'aria e la salute umana:

Il contributo rivisto a livello nazionale rivisto dalla Mongolia si impegna a ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 22.7% nel 2030. Il raggiungimento di questo obiettivo ridurrebbe anche le emissioni di inquinanti atmosferici chiave e di inquinanti climatici di breve durata.

Mongolia
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Questa funzione è apparsa per la prima volta sul Sito di coalizione per il clima e l'aria pulita.

Quasi la metà (45%) dei 3.2 milioni di persone della Mongolia vive nella capitale, Ulaanbaatar, che come altre città mongole, ha concentrazioni di inquinamento dell'aria quasi sei volte superiori rispetto alle linee guida sulla qualità dell'aria dell'Organizzazione mondiale della sanità per la protezione della salute umana. Ciò ha spinto il governo mongolo a identificare il miglioramento della qualità dell'aria come una priorità di sviluppo chiave.

Nel 2019, in Mongolia Revisione nazionale volontaria sull'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile, Il primo ministro Khurelsukh Ukhnaa ha descritto l'inquinamento atmosferico come una "sfida di sviluppo complessa e sfaccettata".

L'esposizione all'inquinamento atmosferico nelle città mongole ha aumentato la prevalenza di malattie respiratorie e cardiovascolari e ha aumentato la spesa sanitaria. La salute dei bambini mongoli è significativamente influenzata, con livelli di inquinamento dell'aria 3-10 volte più alti nelle aule di Ulaanbaatar rispetto allo standard di qualità dell'aria della Mongolia.

Questo inverno (2019/2020), la qualità dell'aria a Ulaanbaatar è stata migliore rispetto agli anni precedenti a causa del divieto del governo sul consumo di carbone grezzo nei quartieri ger e delle famiglie della città, ma problemi di inquinamento dell'aria a Ulaanbaatar e aimag (suddivisioni amministrative) rimangono difficili.

La Mongolia è anche vulnerabile agli impatti dei cambiamenti climatici, che minacciano la sicurezza idrica e alimentare del Paese e la biodiversità. Il governo ha riconosciuto che esiste una sostanziale opportunità di migliorare la qualità dell'aria, mitigando contemporaneamente i cambiamenti climatici e sta lavorando per affrontare entrambe le questioni attraverso ambiziosi impegni climatici.

L'inquinamento atmosferico e i cambiamenti climatici sono strettamente collegati. Alcuni inquinanti, come ad esempio carbone nero e metano (Sia inquinanti climatici di breve durata) contribuiscono direttamente all'inquinamento atmosferico e ai cambiamenti climatici e molte fonti di gas a effetto serra (GHG) sono anche fonti di inquinanti atmosferici. In Mongolia, questo è anche il caso, il consumo di carbone da parte delle famiglie e per la produzione di energia, nonché le emissioni dall'industria, dall'agricoltura e dal trasporto su strada sono la fonte principale sia di gas a effetto serra, inquinanti climatici di breve durata (SLCP), sia di altri tipi di aria inquinanti.

Con il supporto del CCAC Supportare l'iniziativa nazionale e pianificazione sull'iniziativa di mitigazione SLCP (SNAP), è stata intrapresa una valutazione per identificare i benefici dell'inquinamento atmosferico che potrebbero essere raggiunti quando la Mongolia ha rivisto il proprio impegno in materia di cambiamento climatico Contributo determinato a livello nazionale (NDC).

La valutazione, "Opportunità di intraprendere azioni integrate sull'inquinamento atmosferico e sui cambiamenti climatici in Mongolia ”, ha prima identificato le principali fonti di SLCP, gas a effetto serra e inquinanti atmosferici. Ciò include l'agricoltura, i trasporti e il consumo di carbone per il riscaldamento e la cottura delle famiglie (responsabile di oltre il 50% delle emissioni di carbonio nero in Mongolia) e per la produzione di elettricità e calore.

La valutazione ha quindi modellato l'implementazione di otto misure di mitigazione che costituiscono l'impegno riveduto in Mongolia per la mitigazione dei cambiamenti climatici. Questi includono azioni sulla generazione di elettricità e calore, efficienza energetica nell'industria e negli edifici e riduzione del numero di capi di bestiame in agricoltura.

"Il NDC rivisto della Mongolia aumenterà l'obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra fino al 22.7% nel 2030 rispetto a uno scenario aziendale come al solito", ha affermato il dott. Batjargal Zamba, punto focale nazionale della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC). "Tuttavia, l'importante risultato di questa valutazione è che raggiungendo gli obiettivi di mitigazione dei cambiamenti climatici riusciremo anche ad avere benefici in diverse aree tra cui una migliore qualità dell'aria".

La piena attuazione delle otto azioni di mitigazione identificate in questa valutazione porterà a una riduzione del 12% delle emissioni di carbonio nero, una riduzione del 9% delle emissioni di particolato fine primario (PM2.5) e una riduzione del 10% delle emissioni di ossido di azoto (NOx) nel 2030 rispetto a uno scenario aziendale come al solito.

"I benefici dell'inquinamento atmosferico che possono essere ottenuti implementando il NDC riveduto in Mongolia sono in aggiunta alle azioni esistenti che sono state intraprese o pianificate per affrontare in modo specifico la qualità dell'aria a Ulan Bator", ha affermato il dott. Damdin Davgadorj, autore principale della valutazione. "Quando abbiamo valutato l'implementazione del NDC della Mongolia e pianificato azioni di qualità dell'aria, i benefici attesi sono stati ancora maggiori".

Attuando sia l'impegno in Mongolia per i cambiamenti climatici sia le azioni programmate di inquinamento dell'aria vengono ulteriormente ridotte: emissioni di carbonio nero del 26%, emissioni di PM2.5 del 17% e emissioni di NOx del 22% nel 2030 rispetto a uno scenario aziendale come al solito.

"La valutazione evidenzia importanti ulteriori passi successivi per la Mongolia per i cambiamenti climatici e la mitigazione dell'inquinamento atmosferico", ha affermato il dott. Jargal Dorjpurev, autore dello studio.

"Per quanto riguarda la mitigazione dell'inquinamento atmosferico, una parte significativa delle emissioni di inquinanti atmosferici si verifica nelle città al di fuori di Ulaanbaatar, e in questi casi devono essere pianificate anche azioni per migliorare la qualità dell'aria in tutto il paese", ha affermato Dorjpurev. "In materia di cambiamenti climatici, nella NDC rivista viene comunicato un chiaro percorso verso il 2030. Ora è necessaria una strategia a lungo termine fino al 2050 per decarbonizzare l'economia mongola, che massimizzi i benefici per i cittadini mongoli, inclusa la garanzia di aria pulita per tutti ".

“I vantaggi per la qualità dell'aria locale derivanti dall'aumento delle ambizioni del cambiamento climatico sono chiaramente dimostrati nelle valutazioni globali e regionali. Mi congratulo con la Mongolia per averlo messo in atto e aver aumentato l'ambizione di mitigazione nel loro NDC in un modo che contribuirà a risolvere il loro sostanziale inquinamento atmosferico ", ha affermato Helena Molin Valdés, capo del segretariato per la coalizione per il clima e l'aria pulita. "Tutti i paesi che stanno ora rivedendo i loro NDC dovrebbero valutare quali azioni aggiuntive per migliorare la qualità dell'aria possano essere incorporate per aumentare l'ambizione di mitigazione dei cambiamenti climatici e raggiungere lo sviluppo locale e benefici per la salute".

La Mongolia è uno degli oltre 20 paesi che ricevono sostegno sugli SLCP e sulla pianificazione integrata dell'inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici nell'ambito dell'iniziativa SNAP della Coalizione. Il sostegno fornito è personalizzato per ciascun paese, che va dalle valutazioni iniziali delle principali fonti di emissione, allo sviluppo di piani d'azione nazionali, all'integrazione degli SLCP nei processi di pianificazione dei cambiamenti climatici.

La Mongolia è membro della Climate and Clean Air Coalition dal 2014.