L'esperimento della zona a emissioni ultra basse di Londra è un vincitore per l'aria pulita: BreatheLife2030
Aggiornamenti rete / Londra, Regno Unito / 2020-09-09

L'esperimento della zona a bassissime emissioni di Londra è un vincitore per l'aria pulita:

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha messo in atto politiche che hanno portato a grandi riduzioni nell'aria pericolosamente inquinata della città.

Londra, Regno Unito
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Questa storia è stato contribuito dalla Greater London Authority come parte delle celebrazioni dell'inaugurale Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu.

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha messo in atto politiche che hanno portato a grandi riduzioni nell'aria pericolosamente inquinata della città.

Nel 2016, Londra ha superato di oltre 4,000 ore il limite legale orario per il biossido di azoto. L'anno scorso, questo è sceso a poco più di 100 ore, una riduzione del 97%. Da quando il sindaco Khan è entrato in carica nel 2016, i livelli di biossido di azoto nel centro di Londra sono stati cinque volte inferiori alla media nazionale. Londra sta ora dando l'esempio da seguire per il resto del Regno Unito.

La politica al centro di questo successo è la prima Ultra Low Emission Zone (ULEZ) al mondo che opera nel centro di Londra 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. I veicoli che guidano nella ULEZ devono soddisfare i suoi severi standard sulle emissioni o pagare una tariffa giornaliera. Sin dal suo inizio, la zona ha ridotto del 44% il biossido di azoto lungo le strade del centro di Londra.

Lo schema è stato estremamente efficace e i tassi di conformità sono saliti all'80%, dal 39% nel febbraio 2017, quando sono iniziati i cambiamenti associati all'ULEZ.

Gli standard di emissioni più rigorosi hanno anche portato a un minor numero di veicoli più vecchi e più inquinanti che circolano nel centro di Londra. Da febbraio 2017 a gennaio 2020 44,100 veicoli inquinanti in meno hanno attraversato la zona in una giornata media. Non solo ci sono meno veicoli più vecchi e inquinanti, ma i flussi di traffico ridotti nel centro di Londra sono stati ridotti del 3-9% dal 2018 al 2020.

Stime preliminari indicano che entro la fine del 2019 le emissioni di ossido di azoto dal trasporto su strada sono state ridotte del 35% (230 tonnellate) e le emissioni di anidride carbonica del 6% (12,300 tonnellate) rispetto a uno scenario senza ULEZ.

È significativo che nessuna delle stazioni di monitoraggio della qualità dell'aria situate sulle strade di confine della ULEZ abbia misurato un aumento delle concentrazioni di biossido di azoto dall'introduzione della zona. Allentando le preoccupazioni che l'ULEZ si tradurrebbe in un aumento del traffico “sfollato” più inquinante al di fuori della zona.

Altre politiche di riduzione dell'inquinamento atmosferico messe in atto da Londra includono:

  • 12 zone di autobus a basse emissioni - consegnate un anno prima del previsto.
  • Investire in autobus elettrici: la città non acquista più autobus diesel e ora ha una flotta di autobus elettrici di quasi 300 veicoli, la più grande di qualsiasi città dell'Europa occidentale e del Nord America. Ciò ha aumentato gli investimenti nelle fabbriche di Leeds, Falkirk, Scarborough e Ballymena.
  • Ridurre il limite di età per i taxi inquinanti e non autorizzare più nuovi taxi diesel. Ora ci sono oltre 3,500 taxi elettrici autorizzati e il taglio dell'età dei taxi più vecchi ha messo Londra sulla buona strada per ridurre le emissioni di ossido di azoto dai taxi del 65% entro il 2025.
  • Investire nell'infrastruttura dei veicoli elettrici. Londra ha ora 5,000 punti di ricarica, il 25% del totale del Regno Unito e uno ogni sei veicoli elettrici immatricolati a Londra.
  • Ripulire l'aria intorno a scuole e asili. La città ha verificato la qualità dell'aria in 50 scuole primarie nelle aree più inquinate della città e ha fornito finanziamenti per aiutare le scuole ad affrontare l'inquinamento atmosferico. Questo e ha ampliato l'approccio a 20 asili nido. Cinque distretti londinesi hanno esteso il programma a 200 scuole.
  • Presentazione del Fondo per la qualità dell'aria del sindaco (22 milioni di sterline): l'ultimo round ha finanziato 15 progetti, tra cui quattro nuovi quartieri a basse emissioni che forniranno un pacchetto completo di misure a sostegno di passeggiate, ciclismo, inverdimento, veicoli a bassissime emissioni e emissioni ridotte dal trasporto merci
  • Miglioramento degli avvisi di inquinamento atmosferico: l'azione intrapresa nell'agosto 2016 garantisce che l'ente di trasporto del governo locale, Transport for London, trasmetta consigli sulla qualità dell'aria in tutta Londra ogni volta che l'inquinamento è alto o molto alto.
  • Organizzazione di vertici sulla qualità dell'aria: Londra ha ospitato due vertici nazionali sull'aria pulita e un vertice internazionale, che hanno riunito i leader della città, i ministri, l'Organizzazione mondiale della sanità, il servizio sanitario nazionale (NHS) del Regno Unito e dirigenti aziendali.

La zona a bassissime emissioni del sindaco Sadiq Khan e altre audaci politiche di riduzione dell'inquinamento atmosferico faranno risparmiare all'NHS circa 5 miliardi di sterline e oltre un milione di ricoveri ospedalieri nei prossimi 30 anni. Le azioni del Sindaco supportano il Dichiarazione delle città dell'aria pulita di C40 per soddisfare le linee guida sulla qualità dell'aria dell'Organizzazione mondiale della sanità entro il 2030.

Per altre storie di successo ed esperienze sull'aria pulita da città, regioni e paesi, visita la pagina web della Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu: VIDEO e CARATTERISTICHE.