Lima, Perù si unisce alla campagna BreatheLife - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Lima, Perù / 2019-10-31

Lima, Perù si unisce alla campagna BreatheLife:

La terza città più grande delle Americhe si concentra sulle emissioni dei trasporti e del suo settore alimentare e delle bevande di fama mondiale, sviluppando un monitoraggio e un'analisi più forti

Lima, Perù
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Lima, la capitale peruviana di 8.6 milioni di persone, ha aderito alla campagna BreatheLife, in vista del Summit sull'azione per il clima 2019.

Probabilmente la terza città più grande delle Americhe (come definita da "città propria") dietro San Paolo e Città del Messico, Lima si concentra sulla creazione di una più forte rete di monitoraggio che riporta i valori in tempo reale e per sensibilizzare l'opinione pubblica sugli impatti di scarsa qualità dell'aria sulla salute.

Sul campo, la città si è concentrata sulla riduzione delle emissioni dei trasporti in vari modi, tra cui la realizzazione di campagne per sensibilizzare i conducenti su questi impatti sulla salute e lavorare con il settore privato per diffondere la tecnologia di riduzione delle emissioni nei veicoli diesel e limitare l'accesso ai veicoli intorno alla piazza principale del centro storico della città (originariamente destinato a migliorare l'accesso e la mobilità dei pedoni).

La congestione del traffico è un problema a Lima, in particolare nelle ore di punta, e l'uso di veicoli privati ​​è elevato, anche se la città ha un sistema di metropolitana delle stazioni 26, un sistema di transito rapido degli autobus, il Metropolitano e in 2012 ha offerto incentivi economici ai comuni in atto percorsi ciclabili nei loro distretti.

Quest'ultimo sforzo ha visto le piste ciclabili ricreative create nei distretti 39 di Lima, che si estendono per chilometri 71, e utilizzate da 1.5 milioni stimati in 2012, secondo Proyecto Especial Metropolitano de Transporte No Motorizado (PEMTNM).

Nel frattempo, la città sta studiando l'impatto dei trasporti sulla qualità dell'aria nell'ambito di una sovvenzione 50,000 da US C40 Cities.

La capitale culinaria di fama mondiale sta anche adottando misure preventive nel suo settore alimentare e delle bevande, monitorando le emissioni dei camini nei ristoranti che usano carbone per cucinare fino a luglio del prossimo anno, nell'ambito di un più ampio progetto sostenuto da C40 che mira a migliorare i meccanismi di controllo delle emissioni attraverso lo sviluppo di tecnologie pertinenti.

La città sta rafforzando la precisione del processo decisionale come parte del gruppo tecnico di aria pulita MINAM incaricato di preparare un rapporto, "Diagnosi della qualità dell'aria a Lima e Callao", sullo stato attuale degli inquinanti e dei gas particolati, l'influenza delle variabili meteorologiche su inquinamento atmosferico e proiezioni degli effetti delle politiche di riduzione delle emissioni in città.

La città sta lavorando a una sovvenzione di 10,000 euro dall'Unione delle capitali dell'America Latina (UCCI) per la comunicazione e la consapevolezza della popolazione, dello stato attuale della qualità dell'aria.

Aggiungeranno dati all'attuale rete di monitoraggio della qualità dell'aria nella provincia di Lima, gestita da due entità: la direzione generale della salute ambientale (DIGESA), che ha sette stazioni di monitoraggio, e il servizio nazionale di meteorologia e idrologia (SENAMHI), che ha stazioni di monitoraggio in posizioni 10.

Gli standard di qualità dell'aria sono stabiliti dal governo nazionale e piani di qualità dell'aria per ciascuna provincia preparato e approvato dal Ministero dell'Ambiente nazionale.

I piani d'azione per il miglioramento della qualità dell'aria per le province di Lima e Callao sono stati formulati dalla Commissione multisettoriale per la gestione dell'iniziativa per l'aria pulita per Lima e Callao e approvati dal ministero dell'Ambiente.

Lima, ospitante della Conferenza ONU sui cambiamenti climatici dell'ONU 2014 nel viaggio verso l'accordo di Parigi in 2015, sta sviluppando un piano d'azione per il clima del metropolita Lima, il cui completamento è previsto per settembre 2020. La preparazione è nella sua seconda fase, che prevede l'istituzione di basi tecniche per le azioni di adattamento, mitigazione e inclusione e lo sviluppo di scenari di emissioni di gas a effetto serra per 2030, 2040 e 2050.

Tale responsabilità spetta alla Commissione ambientale metropolitana - composta da rappresentanti dei ministeri dell'istruzione, dell'ambiente, della produzione, dei trasporti e delle comunicazioni, nonché della National Society of Industries, Sedapal (il servizio di acqua potabile e fognaria di Lima) e le autorità civili - il la stessa commissione municipale si occupava di qualità dell'aria, gestione e conservazione degli ecosistemi, gestione delle risorse idriche e aree verdi urbane e smaltimento dei rifiuti solidi.

BreatheLife dà il benvenuto a Lima, in Perù, nel suo viaggio verso la realizzazione dei suoi piani d'azione puliti e climatici.

Lima sta lavorando all'interno del Gruppo tecnico della Metropolitan Environmental Commission (del Grupo Técnico de la Comisión Ambiental Municipal - CAM) per determinare lo stato della flotta automobilistica a Lima, come parte degli sforzi del Gruppo per misurare le emissioni dei veicoli nella capitale e dieci altri comuni (Miraflores, Surquillo, Villa El Salvador, La Molina, Santa Anita, Villa María del Triunfo, Jesús María San Isidro, La Victoria e Cercado de Lima).

Segui il viaggio per l'aria pulita di Lima qui.