L'India spinge per una maggiore diffusione della mobilità elettrica - BreatheLife 2030
Aggiornamenti di rete / Nuova Delhi, India / 2019-03-25

L'India spinge per una maggiore diffusione della mobilità elettrica:

Il governo indiano ha annunciato $ 1.4 miliardi di dollari in sussidi per acquirenti e produttori di veicoli elettrici e imporre tariffe di importazione più elevate per spronare le compagnie nazionali a costruire veicoli

New Delhi, India
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Questo articolo è originariamente apparso su il sito web delle Nazioni Unite.

Nella corsa all'oro per il dominio globale del mercato della mobilità elettrica, l'India ha lanciato il suo cappello sul ring. Il governo di Modi ha annunciato il mese scorso che avrebbe offerto 1.4 miliardi di dollari in sussidi sia per gli acquirenti che per i produttori di veicoli elettrici e imporrà tariffe di importazione più elevate per spronare le compagnie nazionali a costruire veicoli.

Il governo punta a 30 per cento del suo trasporto pubblico per essere elettrico da 2030. Con il primo ministro Narendra Modi sottolineando che vuole che l'India conduca attraverso la catena del valore dalla produzione di batterie alla ricarica intelligente fino alla produzione di veicoli elettrici.

"Le politiche saranno concepite come una soluzione vantaggiosa per tutti coloro che desiderano opportunità nel settore automobilistico", ha affermato Modi. Sebbene abbia sottolineato che il trasporto pubblico rimarrà al centro della spinta alla mobilità elettrica.

Allo stato attuale, l'India ha solo due società di produzione di auto elettriche, motori Tata e Mahindra. I giganti automobilistici internazionali Hyundai e Kia Motors stanno sviluppando flotte elettriche progettate appositamente per il mercato indiano, con Kia che ha firmato un memorandum d'intesa con Andhra Pradesh per aiutare la crescita della mobilità elettrica nello stato. Nel frattempo, molte città pianificarono prove di autobus elettrici tra cui Hyderabad, Chennai e Guwahati.

La questione dell'inquinamento atmosferico in Asia è stata discussa al 2nd Forum sulla politica delle imprese delle Nazioni Unite a Nairobi a marzo 2019. Dechen Tsering, direttore regionale dell'Asia-Pacifico per l'ambiente delle Nazioni Unite, ha detto che il settore privato indiano ha mostrato molto interesse nello sviluppo di auto elettriche, ma il problema era ancora il prezzo della batteria.

"Stanno lottando su come evitare di importare tutto", ha detto Tsering. "Stanno cercando di scoprire quanto è disponibile sul mercato interno".

La questione della disponibilità di componenti di energia rinnovabile nei paesi a reddito medio-basso rimane una sfida. Spesso elementi essenziali come pannelli solari o batterie al litio non sono prodotti localmente, o almeno non su larga scala, il che impedisce al settore privato di entrare nelle infrastrutture per le energie rinnovabili. Eppure il 92 per cento dell'Asia e della popolazione del Pacifico - circa 4 miliardi di persone - sono esposti a livelli di inquinamento atmosferico che rappresentano un rischio significativo per la loro salute.

Secondo il rapporto Inquinamento atmosferico nell'Asia del Pacifico: soluzioni basate sulla scienza, se i governi adottassero le azioni della politica per l'aria pulita 25, compresa la promozione dell'uso di veicoli elettrici, sarebbe meno necessario un costoso controllo dell'inquinamento. Mentre l'investimento in dollari USA di 300-600 per anno sarebbe solo di un ventesimo dell'aumento di 12 di miliardi di dollari USA di aumento della ricchezza da parte di 2030.

Arnico Kumar Panday, direttore del programma regionale per l'atmosfera presso l'International Center for Integrated Mountain Development, ha dichiarato che è possibile creare un rapido aumento dei veicoli elettrici in Asia attraverso le tasse. Ha dato l'esempio del Nepal, dove le auto a benzina e diesel sono tassate al 220 per cento al momento dell'acquisto, mentre le auto elettriche a 10 per cento.

"La stessa auto è più economica di quella elettrica rispetto a benzina o diesel", ha affermato Panday.

Nel frattempo, Nobuyuki Konuma, del Ministero dell'Ambiente giapponese, ha detto che il suo paese ha usato due approcci per affrontare il preoccupante inquinamento atmosferico di 1970s in Giappone.

In primo luogo, hanno messo in atto norme severe sulle fabbriche che emettono gas serra sotto forma di Air Pollution Control Act. In secondo luogo, avevano fissato norme rigorose per le emissioni dei veicoli, sia passeggeri che merci. I veicoli che hanno eliminato i severi regolamenti potrebbero ottenere riduzioni delle tasse, che sono stati un grande incentivo per gli acquirenti poiché il Giappone ha pesanti tasse sui veicoli.

"Quindi i consumatori sono stati incoraggiati a selezionare quelle macchine", ha detto Konuma.

Del miliardo di dollari USA 1.4 emesso dal governo indiano, circa $ 1.2 miliardi è stato stanziato per sussidi, US $ 140 milioni per l'infrastruttura di ricarica, e alcuni $ 5 milioni per spese amministrative e pubblicità.

Il programma di mobilità elettronica delle Nazioni Unite sostiene i paesi, in particolare le economie emergenti, nell'introduzione della mobilità elettrica. Aiuta i governi a sviluppare politiche, scambiare le migliori pratiche, opzioni tecnologiche pilota, tracciare l'assorbimento dei veicoli elettrici e calcolare le emissioni e i benefici economici.


Foto di banner di Ramesh NG / CC BY-SA 2.0