GEF Global E-Mobility Program per aiutare i paesi in via di sviluppo a diventare elettrici - BreatheLife2030
Aggiornamenti rete / Madrid, Spagna / 2019-12-09

Programma globale di mobilità elettrica GEF per aiutare i paesi in via di sviluppo a diventare elettrici:

Un nuovo programma di mobilità elettrica globale per l'ambiente globale aiuterà una serie iniziale di paesi in via di sviluppo 17 di distribuire veicoli elettrici su larga scala, supportando una migliore qualità dell'aria e una ridotta dipendenza dai combustibili fossili

Madrid, Spagna
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Questo è un comunicato stampa del Strumento per l'ambiente globale e il Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite.

Madrid, 08 dicembre 2019 - Un nuovo programma di mobilità elettronica globale GEF (Global Environment Facility) lanciato alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP25) aiuterà una serie iniziale di paesi in via di sviluppo 17 di distribuire veicoli elettrici su larga scala, a sostegno di una migliore qualità dell'aria e di una ridotta dipendenza dai combustibili fossili .

Il nuovo programma 33 milioni di dollari, lanciato a Madrid in coordinamento con il nuovo progetto E-Mobility Solutions Plus della Commissione europea, rappresenta il primo sforzo globale e coordinato per promuovere e accelerare la diffusione della mobilità elettrica nei paesi in via di sviluppo.

Il programma aiuterà i governi a stabilire politiche di supporto per consentire il trasferimento di tecnologia, l'impegno del settore privato e l'accesso ai finanziamenti commerciali per l'introduzione di flotte di autobus elettrici, due ruote, tre ruote, camion, veicoli leggeri e veicoli privati. Creerà inoltre tre piattaforme regionali per supportare la transizione verso la mobilità elettrica in Africa, Asia e Pacifico, America Latina e Caraibi. Questo lavoro sarà strettamente legato al Programma di impatto sulle città sostenibili di GEF.

"A livello globale, 2050 avrà il doppio dei veicoli sulla strada, con quasi tutta la crescita prevista in atto nei paesi in via di sviluppo, dove l'inquinamento atmosferico è già una grande sfida in molte città", ha dichiarato Gustavo Fonseca, direttore dei programmi GEF . "Vediamo un enorme beneficio da parte dei governi che scelgono di eliminare gradualmente i motori a combustione interna, sia in termini di riduzione delle emissioni che di miglioramento della qualità della vita. Il GEF è lieto di contribuire a creare una scala per tali sforzi attraverso questo programma. "

Oltre al finanziamento GEF, il programma E-Mobility dovrebbe sfruttare oltre $ 400 milioni di cofinanziamenti, tra cui la Commissione europea, la Banca asiatica di sviluppo e diverse altre istituzioni nazionali, organizzazioni finanziarie e filantropiche internazionali e il privato settore.

Il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) attuerà il programma in collaborazione con l'Agenzia internazionale dell'energia (AIE).

“Rapporti recenti dell'IPCC e dell'UNEP Emissioni Gap Report hanno dimostrato che senza passare in tutto il mondo a una flotta elettrica a emissioni zero, non raggiungeremo gli obiettivi climatici di Parigi. Abbiamo bisogno di un approccio globale e tutti i paesi devono iniziare il loro passaggio ora ", ha affermato Rob de Jong, Responsabile della qualità dell'aria e della mobilità dell'UNEP. “In qualità di uno dei leader globali nel supportare un passaggio globale alla mobilità elettrica, l'UNEP è molto lieto che il GEF e la Commissione europea abbiano reso questa una delle loro priorità; non vediamo l'ora di lavorare con loro e gli altri per sostenere questa trasformazione globale.

“Secondo l'AIE Global EV Outlook 2019, le economie emergenti potrebbero rappresentare circa lo 60 per cento della flotta mondiale di veicoli elettrici di 2030 ", ha affermato Timur Gül, capo della Divisione politica sulle tecnologie energetiche dell'AIE. "Accogliamo quindi con favore questo nuovo programma globale di mobilità elettrica che si basa su piattaforme esistenti come l'iniziativa sui veicoli elettrici del Ministero dell'energia pulita e riunisce diverse parti interessate per condividere le migliori pratiche basate su prove e analisi".

I paesi iniziali che parteciperanno al programma globale di e-mobilità GEF includono Antigua e Barbuda, Armenia, Burundi, Cile, Costa Rica, Costa d'Avorio, India, Giamaica, Madagascar, Maldive, Perù, Seychelles, Sierra Leone, St. Lucia, Togo, Ucraina e Uzbekistan.

Il GEF ha una lunga esperienza nell'aiutare i singoli paesi con mobilità elettrica, inclusi progetti di trasporto urbano sostenibile in Bhutan, Cile, Cina, Costa Rica, Georgia, Repubblica Democratica Popolare del Laos, Mongolia, Perù e Sudafrica.

NOTE ALLE EDITORI

Informazioni sul programma delle Nazioni Unite per l'ambiente

UNEP è la principale voce globale sull'ambiente. Fornisce la leadership e incoraggia la collaborazione nella cura dell'ambiente ispirando, informando e consentendo alle nazioni e ai popoli di migliorare la loro qualità di vita senza compromettere quella delle generazioni future.

Per maggiori informazioni, si prega di contattare:

Keishamaza Rukikaire, Responsabile delle notizie e dei media, Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, + 254717080753
Laura MacInnis, Senior Communications Officer, Global Environment Facility
Merve Erdil, Addetto stampa, Agenzia internazionale dell'energia