Aggiornamenti di rete / In tutto il mondo / 2021-11-24

Le città del futuro possono fermare il collasso del clima e della natura:

www.era.com
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Le città globali sono fondamentali per superare la crisi climatica, la perdita di biodiversità e l'inquinamento. Una nuova visione delle città future è dettagliata in un rapporto diffuso oggi dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) e il programma delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani (UN-Habitat).

Il Rapporto Global Environment Outlook for Cities: Verso città verdi e giuste  identifica l'urbanizzazione come uno dei principali motori del cambiamento ambientale e chiede un'azione urgente per realizzare città circolari zero-net che siano resilienti, sostenibili, inclusive e giuste. Sottolineando i legami tra calamità sociali ed ecologiche, il rapporto traccia percorsi per superare i principali blocchi socio-politici che perpetuano sia la disuguaglianza che il cambiamento climatico.

“Dopo la COP26, rimaniamo fuori strada dal percorso verso un futuro sostenibile. La portata della sfida significa che nessun singolo attore può risolverlo da solo. Per affrontare il cambiamento climatico, la perdita della natura e l'inquinamento nelle città, la co-creazione di città più verdi ed eque è un imperativo per i leader delle città, gli urbanisti, le comunità locali, le istituzioni nazionali, gli scienziati, il settore privato e la società civile", ha affermato Joyce. Msuya, vicedirettore esecutivo di UNEP.

 

Attraverso una revisione della letteratura esistente e molteplici casi di studio, il rapporto mostra come il degrado ambientale influisca sulla salute fisica e mentale delle persone che vivono nei centri urbani, in particolare danneggiando donne, bambini e anziani. Per ottenere soluzioni efficaci e giuste per contesti particolari, il rapporto richiede processi decisionali e di pianificazione che includano quelli che sono tipicamente esclusi.

“Abbiamo urgente bisogno di includere più voci in un processo decisionale significativo ed efficace. Anche se queste città verdi ed eque potrebbero non esistere ancora, abbiamo bisogno di una forte leadership su scala cittadina e delle giuste politiche abilitanti e impegni di sviluppo su scala nazionale e internazionale per garantire che i centri urbani siano equi e sostenibili", ha affermato Maimunah Mohd Sharif, direttore esecutivo di UN-Habitat.

Le infrastrutture sono un fattore cruciale di trasformazione delle città, che possono bloccare impatti ambientali e sociali per decenni. Questi possono includere, ad esempio, il carbonio emesso a causa di un sistema stradale mal pianificato o i potenziali effetti degli spazi verdi recintati sulla salute pubblica. Le conseguenze di tale infrastruttura fisica sono il risultato dell'inerzia:

  • tra i decisori locali con una propensione a decisioni e budget top-down non trasparenti;
  • negli approcci tradizionali alla pianificazione urbana che perpetuano le disuguaglianze sociali e le elevate emissioni di gas serra;
  • a causa delle limitazioni imposte alle città dalle istituzioni nazionali, come la limitata capacità di decarbonizzare il proprio parco veicoli quando il controllo della rete elettrica spetta esclusivamente al governo statale o federale.

Il rapporto sottolinea come la pandemia di COVID-19 abbia mostrato l'importanza di un pianeta sano per una popolazione sana e guarda alle opportunità presentate dalla ripresa.

“Le risposte di stimolo economico a COVID-19 a tutti gli ordini di governo devono essere focalizzate su soluzioni verdi e giuste e promuovere una pianificazione urbana sostenibile e resiliente, concentrandosi su aree come la riqualificazione degli slum, la fornitura di energia pulita ed efficiente e una mobilità più sana, compreso il trasporto di massa, a piedi e in bicicletta. Tutto questo può essere ottenuto se smettiamo di investire denaro pubblico nelle tecnologie dei combustibili fossili e lo reindirizziamo a piani e progetti di energia rinnovabile", ha affermato David Miller, ex sindaco di Toronto, Canada, e direttore della diplomazia internazionale, C40 Cities Climate Leadership Group, Coordinating autore principale del primo capitolo.

Il rapporto sottolinea che mentre le città del Nord del mondo hanno contribuito maggiormente al cambiamento climatico e alla perdita di biodiversità, hanno le risorse per adattarsi ad alcune delle loro conseguenze, mentre il Sud del mondo sopporta l'urto dell'impatto. Per guidare i progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile, il rapporto chiede un maggiore sostegno alle città del Sud del mondo per azioni di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

“Le città dell'Africa subsahariana continueranno ad affrontare una serie di sfide legate al clima nei prossimi decenni, insieme all'esaurimento delle risorse e alle disuguaglianze socioeconomiche. Alcuni di questi mineranno la nostra capacità di affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici e della rapida urbanizzazione", ha affermato Maria-Helena Jose Correia Langa, sindaco di Mandlakazi, in Mozambico, e autore principale coordinatore del primo capitolo. "Gli sforzi sistemici nella riduzione del rischio di catastrofi e nell'adattamento ai cambiamenti climatici devono essere rafforzati dall'impegno della comunità nel processo di pianificazione, comprese le donne e i giovani".

Molte città stanno già compiendo passi positivi concreti. città 30 che fanno parte di C40 City Climate Leadership Group secondo quanto riferito, le emissioni sono state ridotte in media del 22% entro il 2019. Berlino, Londra e Madrid hanno ridotto le emissioni del 30% e Copenaghen ha raggiunto il 61%. In Argentina, Rosario combinato riabilitazione di insediamenti informali con un piano strategico a basse emissioni e Programma di agricoltura urbana per ottenere molteplici vantaggi. Raggiungere tali trasformazioni su vasta scala continua a essere un'ambizione per le città future negli anni a venire.

 

NOTE PER LA REDAZIONE

Informazioni su GEO-6

Dall'inizio del Global Environment Outlook nel 1995, il processo è stato ampliato, perfezionato e applicato a un'ampia gamma di prodotti diversi, dando vita a una famiglia di rapporti e pubblicazioni globali, regionali e tematici. Ognuno ha il proprio scopo, processo e identità, ma è unificato dalla natura partecipativa e co-creativa dell'approccio Global Environment Outlook. Accanto alla pubblicazione principale GEO (più recentemente, GEO-6), ci sono in genere tre principali prodotti di advocacy, che mirano a comunicare l'analisi scientifica nel rapporto GEO principale a vari tipi di pubblico. Questi gruppi chiave includono i giovani, gli affari e ora le città ei governi locali.