Aggiornamenti di rete / Nairobi, Kenya / 2021-04-08

Veicoli elettrici, parte dell'equazione per un sistema di trasporto sostenibile:

L'elettrificazione dei trasporti sta migliorando la qualità dell'aria, ma più importante è affrontare l'espansione incontrollata e la segregazione spaziale nelle città. Ciò inizia progettando le nostre città in modo che siano più compatte, con tutti, poveri e ricchi, vecchi e giovani, che vivono vicino alle loro destinazioni quotidiane.

Nairobi, Kenya
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

L'elettrificazione è per molti la risposta al problema dell'inquinamento atmosferico urbano della società. Promette di "rendere ecologici" motociclette, taxi, autobus e veicoli che attraversano quotidianamente le nostre città, riducendo il rumore e l'inquinamento atmosferico, garantendo al contempo l'accesso a un comodo trasporto su ruote.

Un balzo in avanti globale verso i veicoli elettrici è già in corso, con paesi come la Norvegia in testa, poiché ben il 70% delle auto vendute nel paese nel 2020 erano elettriche. In altri luoghi, i responsabili politici stanno pilotando le prime flotte elettriche, ma i consulenti sanitari urbani sottolineano che le città sostenibili sono più del semplice trasporto elettrico.

"L'elettrificazione dei trasporti, riducendo al contempo l'inquinamento atmosferico, non può essere ipervenduta", ha affermato Thiago Herick de Sa, un funzionario tecnico del Dipartimento per l'ambiente, i cambiamenti climatici e la salute presso l'Organizzazione mondiale della sanità. "Vogliamo che le persone camminino, vadano in bicicletta o utilizzino i mezzi pubblici per la maggior parte dei viaggi il più possibile, compresi quelli motorizzati".

Negli ultimi dieci anni, l'Africa subsahariana ha visto una crescita significativa dell'urbanizzazione e successivamente è cresciuto l'uso delle motociclette come mezzo di trasporto pubblico commerciale. Pur offrendo alcuni vantaggi, come il servizio su richiesta, i taxi in moto hanno portato ad un aumento degli incidenti stradali, del traffico, del rumore e dell'inquinamento atmosferico. Le imprese e la società civile hanno cercato di regolamentare e migliorare l'uso dei motocicli attraverso vari programmi. Sebbene non sia certamente una soluzione sostenibile per il trasporto urbano, il motociclismo può aiutare a risolvere alcune sfide di viaggio in contesti specifici. Una di queste iniziative è in Kenya, dove il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) ha collaborato con la Shenzhen Shenling Car Company per donare 49 motociclette elettriche ai ranger nella foresta di Karura a Nairobi.

lancio del trasporto elettrico UNEP

L'UNEP lancia un'iniziativa per fornire 99 motociclette elettriche a quattro partner: Karura Forest, Kenya Power and Lighting company, Power Hive e Kisumu County

Il progetto pilota, che sarà replicato in Uganda, Etiopia, Filippine, Thailandia e Vietnam, mira a dimostrare la capacità delle moto di combattere l'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico, oltre a contribuire a colmare il divario di viaggio in aree remote con una rete stradale scarsa mentre passano a una pianificazione territoriale più sostenibile.

Nel caso della foresta di Karura, invece di utilizzare motociclette a benzina, i ranger, che devono attraversare la foresta di 1000 ettari ogni giorno, sfrecciano su una bici elettrica.

"Poiché è veloce e non emette rumore e inquinamento atmosferico, come il motore diesel, ci consentono di fornire una migliore sicurezza nella foresta e di affrontare uno dei peggiori problemi ambientali di Nairobi", ha affermato John Chege, coordinatore delle infrastrutture di Friends of Karura Forest.

In Kenya, il numero di motociclette di nuova immatricolazione è stato di 1.5 milioni nel 2018 e si prevede che crescerà fino a cinque milioni entro il 2030. Ma mentre l'elettrificazione delle motociclette migliorerà senza dubbio la qualità dell'aria, le motociclette continuano a rappresentare un rischio per la salute pubblica in termini di incidenti stradali. Secondo l'OMS, più della metà di tutti i decessi per incidenti stradali sono tra utenti della strada vulnerabili, come i motociclisti.

Ancora più importante, afferma Herick de Sa, è affrontare l'espansione incontrollata e la segregazione spaziale nelle città. In un ambiente urbano ideale, i cittadini non dovrebbero percorrere quei chilometri per raggiungere luoghi di lavoro, scuola o servizi essenziali, poiché sarebbero a una distanza ravvicinata da dove vivono.

“Abbiamo bisogno di città più compatte; la città di 15 minuti ", ha detto riferendosi a un concetto in cui tutto ciò di cui un residente ha bisogno può essere raggiunto entro un quarto d'ora a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici. "Le moto elettriche sono un modo migliore per superare la segregazione spaziale rispetto a quelle alimentate a carburante, ma alla fine non vogliamo che quei chilometri vengano percorsi in primo luogo".

Il concetto di città di 15 minuti è stato sperimentato in luoghi come Barcellona, ​​dove i "superblocchi" - quartieri di nove isolati - limitano il traffico alle strade esterne, mentre aprono le strade interne a pedoni e ciclisti. I superblocchi riducono l'inquinamento provocato dai veicoli e offrono ai residenti uno spazio per incontrarsi e svolgere le attività quotidiane.

Uno studio condotto dall'Istituto per la salute globale di Barcellona ha rilevato che se, come previsto, vengono creati 503 superblocchi in tutta la città, i viaggi con auto private diminuirebbero di 230,000 a settimana mentre le persone camminerebbero o andrebbero in bicicletta.

"Affinché le città siano più sicure e pulite, abbiamo bisogno che i cittadini evitino del tutto viaggi motorizzati non necessari", ha affermato Herick de Sa. "Questo inizia progettando le nostre città in modo che siano più compatte, con tutti, poveri e ricchi, vecchi e giovani, che vivono vicino alle loro destinazioni quotidiane".

Cinque soluzioni per le emissioni dei trasporti urbani