La mobilità elettrica potrebbe aiutare a pulire l'aria e dare impulso ai lavori ecologici nell'ambito della ripresa di COVID-19 in America Latina e Caraibi - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Nairobi, Kenya / 2020-07-20

La mobilità elettrica potrebbe aiutare a pulire l'aria e aumentare i lavori ecologici nell'ambito della ripresa di COVID-19 in America Latina e Caraibi:

Il nuovo rapporto del programma ambientale delle Nazioni Unite chiama a dare priorità all'elettrificazione del trasporto pubblico, in particolare durante l'aggiornamento delle vecchie flotte di autobus.

Nairobi, Kenya
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale
  • Il settore dei trasporti è responsabile del 15% delle emissioni di gas serra nella regione.
  • Nuove chiamate di report dare la priorità all'elettrificazione del trasporto pubblico, in particolare durante l'aggiornamento di vecchie flotte di autobus.
  • La mobilità elettrica potrebbe favorire nuovi investimenti e nuovi posti di lavoro, che sono fondamentali per gli sforzi di recupero di COVID-19.

Panama, 2 luglio 2020 - Il passaggio alla mobilità elettrica potrebbe aiutare i paesi dell'America Latina e dei Caraibi a ridurre le emissioni e adempiere ai loro impegni ai sensi dell'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, generando al contempo posti di lavoro verdi nell'ambito dei loro piani di ripresa dalla crisi COVID-19, secondo un nuovo studio .

La relazione del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP), "Mobilità elettrica 2019: status e opportunità di collaborazione regionale in America Latina e Caraibi" analizza gli ultimi sviluppi in 20 paesi della regione ed evidenzia la crescente leadership di città, aziende e associazioni civili nella promozione di nuove tecnologie di mobilità elettrica.

Sebbene sia ancora uno sviluppo recente, l'elettrificazione del settore dei trasporti pubblici sta avvenendo ad alta velocità in diversi paesi della regione, afferma lo studio finanziato dalla Commissione europea attraverso il programma EUROCLIMA + e l'Agenzia spagnola per la cooperazione internazionale allo sviluppo (AECID) e rinnovabile compagnia energetica Acciona.

Il Cile si distingue per la più grande flotta di autobus elettrici della regione, con oltre 400 unità, mentre la Colombia dovrebbe incorporare quasi 500 autobus elettrici a Bogotà, la sua capitale. Altre città colombiane, come Cali e Medellín, si sono unite al Guayaquil dell'Ecuador e al Brasile di San Paolo per introdurre autobus elettrici.

L'aumento dell'efficienza, la riduzione dei costi di esercizio e di manutenzione degli autobus elettrici, nonché la crescente preoccupazione del pubblico in merito agli impatti delle emissioni dei trasporti stradali sulla salute umana e sull'ambiente sono i principali motori di questa transizione nel trasporto pubblico, secondo lo studio.

Il settore dei trasporti è responsabile del 15% delle emissioni di gas a effetto serra in America Latina e nei Caraibi ed è uno dei principali motori della scarsa qualità dell'aria nelle città, che provoca oltre 300,000 morti premature all'anno nelle Americhe, secondo il mondo Organizzazione sanitaria.

"Negli ultimi mesi abbiamo assistito a una riduzione dell'inquinamento atmosferico nelle città della regione a causa di blocchi per impedire la diffusione di COVID-19. Ma questi miglioramenti sono solo temporanei. Dobbiamo intraprendere un cambiamento strutturale affinché i nostri sistemi di trasporto contribuiscano alla sostenibilità delle nostre città ", afferma Leo Heileman, direttore regionale dell'UNEP in America Latina e nei Caraibi.

Il rapporto invita i decisori a dare priorità all'elettrificazione del trasporto pubblico, in particolare durante l'aggiornamento delle vecchie flotte di autobus che attraversano le grandi città della regione. C'è il timore di un "blocco tecnologico" nei prossimi 7-15 anni se le autorità scelgono di rinnovare vecchie flotte con nuovi veicoli a combustione interna che continueranno a inquinare l'aria e causare gravi danni alla salute.

Alcuni paesi stanno già aprendo la strada per garantire una transizione verso un trasporto sostenibile. Cile, Colombia, Costa Rica e Panamá hanno progettato strategie nazionali sulla mobilità elettrica, mentre Argentina, Repubblica Dominicana, Messico, Paraguay stanno finalizzando i propri piani, secondo il rapporto.

Più di 6,000 nuovi veicoli elettrici leggeri (veicoli elettrici) sono stati immatricolati in America Latina e nei Caraibi, tra gennaio 2016 e settembre 2019, secondo il rapporto. La necessità di caricare le infrastrutture ha potenziato nuove iniziative e servizi. Ad esempio, i corridoi elettronici, già in esecuzione in Brasile, Cile, Messico e Uruguay, consentono agli utenti di estendere l'autonomia dei loro veicoli elettrici utilizzando reti pubbliche di punti di ricarica rapida.

In almeno nove paesi della regione si stanno sviluppando attività di mobilità condivisa incentrate su biciclette elettriche e skateboard.

Lo sviluppo dell'infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici ha il potenziale per favorire nuovi investimenti e posti di lavoro, che sono fondamentali per gli sforzi di recupero di COVID-19 nella regione.

La relazione invita i governi a sviluppare una chiara tabella di marcia a medio e lungo termine che garantisca la certezza del diritto per gli investimenti privati ​​e sottolinei il ruolo della mobilità sostenibile nei piani di espansione della rete elettrica, in linea con gli impegni climatici previsti dall'accordo di Parigi.

L'accordo del 2015, firmato fino ad oggi da quasi 200 paesi, mira a mantenere l'innalzamento della temperatura globale ben al di sotto dei 2 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali entro la fine del secolo e a proseguire gli sforzi per limitare ulteriormente l'aumento della temperatura a 1.5 gradi Celsius .

Il rapporto è stato prodotto con contributi dell'Associazione latinoamericana per la mobilità sostenibile (ALAMOS) e contributi del Center for Urban Sustainability in Costa Rica.

Questa è una versione mediatica del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente. Per i dettagli di contatto vai al Sito web dell'UNEP.

Leggi il rapporto (in spagnolo) qui: Stabilimento de La Movilidad Eléctrica: America Latina e Caribe 2019