Prime vittorie per la zona di emissioni ultra basse di Londra - BreatheLife2030
Aggiornamenti rete / Londra, Regno Unito / 2019-10-25

Prime vittorie per la zona di emissioni ultra basse di Londra:

Il pluripremiato ULEZ di Londra ha visto un rapido calo delle concentrazioni di biossido di azoto, inquinamento da polveri sottili e anidride carbonica

Londra, Regno Unito
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 5 verbale

La prima zona di emissioni ultrabasse 24 al mondo sta raggiungendo i suoi obiettivi finora e i progressi sono stati più rapidi del previsto, secondo un rapporto pubblicato dalla City di Londra.

Dal suo calcio d'inizio su 8 aprile 2019 fino alla fine di settembre, la zona centrale di Londra ha visto le concentrazioni di biossido di azoto scendere di un terzo (31 per cento), secondo il rapporto, rilasciato giorni prima di un Conferenza mondiale sulla qualità dell'aria tenuto nella capitale del Regno Unito mercoledì.

Tutte le emissioni di ossidi di azoto sarebbero state 31 per cento più alte di quanto non sarebbero state se l'ULEZ non fosse esistito - ed è in anticipo sul programma per soddisfare la riduzione delle emissioni di ossidi di azoto 45 per cento prevista nel primo anno di ULEZ.

Riduzioni del particolato fine o PM2.5, erano più modesti: un calo dell'13 per cento rispetto ai livelli che Londra avrebbe sperimentato senza l'UDLEZ.

"Queste cifre dimostrano senza dubbio che ULEZ sta superando le aspettative, riducendo i veicoli inquinanti e ripulendo la nostra aria letale", ha affermato il sindaco di Londra, Sadiq Khan.

“Sono determinato a impedire ai londinesi di respirare aria così sporca da danneggiare i polmoni dei nostri bambini e causare migliaia di morti premature.

"La ULEZ mostra cosa possiamo ottenere se siamo abbastanza coraggiosi da attuare politiche così ambiziose", ha detto.

In 2010, L'inquinamento atmosferico di Londra ha causato una serie di problemi di salute nella capitale che si stima abbiano ridotto la vita di 140,743 anni - l'equivalente di decessi fino a 9,400 e che rappresenta un costo economico fino a £ 3.7 miliardi.

Il direttore generale della British Lung Foundation, Dr Penny Woods, ha dichiarato: “Il successo della zona di emissione ultra bassa (ULEZ) è un fantastico esempio della differenza che le zone di aria pulita, che caricano i veicoli più inquinanti, possono fare nel ridurre i livelli di inquinamento. Vogliamo ora vedere l'ULEZ espandersi in ogni quartiere inquinato di Londra per proteggere i polmoni di ogni londinese.

“E criticamente, sappiamo che l'aria sporca non è solo un problema a Londra. La maggior parte delle città del Regno Unito ha livelli di inquinamento illegali e non sicuri, che incidono gravemente sulla salute e sulla qualità della vita di milioni di persone che hanno una malattia polmonare e mettono i bambini a rischio di sviluppare una condizione polmonare.

"Ecco perché zone di aria pulita simili devono essere estese con urgenza in tutto il paese per proteggere i polmoni di tutti."

Prestando forza per segnalare che l'azione sull'inquinamento atmosferico, i cambiamenti climatici e la salute sono indissolubilmente legati, l'introduzione della zona ha causato un calo 4 per cento delle emissioni di anidride carbonica nella zona centrale di Londra o una riduzione della tonnellata 9,800, nei suoi primi sei mesi, secondo stime preliminari.

All'inizio di questo mese, l'UGLEZ ha vinto uno dei sette C40 Cities Bloomberg Philanthropies Awards lodando "i progetti più ambiziosi e di impatto dei sindaci per affrontare la crisi climatica globale", battendo diverse altre città per raggiungere il primo posto nella categoria, "Il futuro che vogliamo respira aria pulita".

Ma l'impatto della ULEZ è iniziato ancor prima che venisse introdotto, dal momento del suo annuncio in 2017, attraverso i preparativi di persone, aziende e governo per conformarsi alla zona, compresi la fine delle autorizzazioni per i taxi diesel e gli investimenti in autobus più puliti.

Tra l'annuncio di febbraio 2017 e 2019 di settembre, il rapporto ha rilevato una riduzione 36 per cento delle concentrazioni lungo la strada del biossido di azoto nella zona centrale di Londra.

Il rapporto ha anche alleviato i timori di alcuni quartieri secondo cui l'ULEZ avrebbe causato un aumento delle emissioni nella sua periferia, scoprendo che nessuna delle stazioni di monitoraggio della qualità dell'aria situate sulle strade di confine della zona ha misurato un aumento delle emissioni di biossido di azoto dalla sua introduzione.

"L'introduzione dell'UGLEZ per ridurre l'inquinamento atmosferico legato al veicolo sta già mostrando un marcato cambiamento nel comportamento di viaggio in coloro che entrano in questa zona di Londra e la riduzione dell'uso del veicolo con conseguenti grandi riduzioni delle emissioni di NO2", ha affermato il professor Stephen T Holgate, specialista delle vie respiratorie.

“Poiché NO2 è un inquinante indice dell'inquinamento del traffico a livello stradale, la riduzione di questo ordine sarà di grande beneficio soprattutto per le persone più vulnerabili come i giovani e gli anziani, e quelle con malattie polmonari e cardiache coesistenti.

"È anche piacevole vedere che un cambiamento di comportamento così drammatico non è compensato da un aumento dei veicoli alla periferia dell'UDLEZ", ha detto.

Le autorità di Londra sperano che i risultati del rapporto indichino un passaggio a forme di mobilità più sane a supporto di un'aria più pulita.

Quasi quattro veicoli su cinque che entrano ora nella zona soddisfano i suoi standard sulle emissioni e il centro di Londra ha visto una riduzione dei flussi di traffico tra 2019 tra maggio e settembre compresa tra il 3 e il 9% rispetto a 2018.

"Le prime prove suggeriscono che la ULEZ non sta solo incoraggiando le persone a utilizzare auto private più pulite, ma anche a utilizzare alternative più sostenibili come camminare, andare in bicicletta e i trasporti pubblici", ha dichiarato Alex Williams, direttore del dipartimento di pianificazione urbana di Londra.

Il rapporto riconosce che la ULEZ è una delle molte politiche che incidono sulla qualità dell'aria a Londra, con altre politiche tra cui la zona a bassa emissione a livello di Londra per veicoli pesanti e controlli di scarico progressivamente più severi a livello UE per i nuovi veicoli.

Ma ha anche messo in evidenza le limitazioni del governo locale al miglioramento della qualità dell'aria.

Mentre il trasporto su strada è la più grande fonte unica di particolato a Londra, con circa il 30 percento delle emissioni, oltre la metà dei suoi PM2.5 le emissioni provengono da fuori Londra, ovvero da fonti regionali e non britanniche.

Una grande percentuale di PM2.5 proviene dalla combustione del legno - la cui regolamentazione esula dalla giurisdizione del governo della città - e da una parte crescente del trasporto su strada PM2.5 le emissioni provengono da emissioni senza tubo di scappamento, come usura della strada, risospensione della polvere stradale e usura di pneumatici e freni.

A Relazione 2017 scoperto che tutti i londinesi erano esposti al PM2.5 concentrazioni che hanno superato i valori guida dell'OMS per l'inquinante, inserendoli tra gli 9 nelle persone 10 nel mondo che respirano aria malsana, la maggior parte dei quali si trova nei paesi in via di sviluppo in Asia e Africa.

Il rapporto 2017 ha anche scoperto che “se PM2.5 le misure di riduzione nell'ambito della strategia dei trasporti del sindaco e della strategia ambientale di Londra sono accompagnate dalla cooperazione a livello nazionale e internazionale, il limite delle linee guida è raggiungibile da 2030. "

I suoi risultati sono stati rafforzati da un altro rapporto pubblicato questa settimana, che ha confermato la capacità di Londra di rispettare il proprio impegno nel raggiungere le linee guida dell'OMS per il PM2.5 di 2030 - ma potrebbe farlo solo se avesse poteri e misure aggiuntivi.

L'impegno della City è assunto nell'ambito della strategia ambientale di Londra e come parte della sua partecipazione a BreatheLife; in 2017, Londra è diventata la prima megalopoli al mondo a unirsi a BreatheLife e impegnarsi a raggiungere le linee guida dell'OMS sull'inquinamento atmosferico da polveri sottili.

"Ora spero che il governo corrisponda alle mie ambizioni e modifichi la loro proposta di legge sull'ambiente per garantire che 2030 limiti giuridicamente vincolanti che l'NNXX deve raggiungere per proteggere la salute pubblica", ha affermato il sindaco Khan.

Le sfide della qualità dell'aria non sono certamente limitate a Londra, e lo è il Regno Unito lottando con alti livelli di emissioni di biossido di azoto, spingendo le autorità locali in tutto il paese a seguire l'esempio della capitale.

Nel mese di settembre, i leader delle città in tutta l'Inghilterra hanno invitato il governo nazionale e il settore privato spendere £ 1.5 miliardi in una 'rete nazionale' di 30 Clean Air Zones, che potrebbe vedere £ 6.5 miliardi in rendimenti economici.

Leggi il comunicato stampa: ULEZ riduce le auto 13,500 quotidianamente e riduce di un terzo l'inquinamento atmosferico tossico

Leggi il rapporto (PDF): Zona di emissione ultra bassa del centro di Londra - Rapporto semestrale

Foto di striscioni di Harry Mitchell_AP Immagini per C40