Medici per Clean Air guida la comunità medica indiana nella lotta contro l'inquinamento atmosferico - BreatheLife 2030
Aggiornamenti di rete / Nuova Delhi, India / 2018-12-04

Medici per Clean Air guida la comunità medica indiana nella lotta contro l'inquinamento atmosferico:

Quando si tratta di ciò che l'inquinamento atmosferico fa ai polmoni, il dottor Arvind Kumar ha visto tutto - e sta guidando la carica per una migliore aria

New Delhi, India
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

La signora Simran Kaur si è presentata all'ospedale del Dr Arvind Kumar, nella città di Delhi, lamentandosi di una protuberanza al collo.

La casalinga 34 di anni e mamma di tre non aveva mai fumato, e nemmeno suo marito, quindi i risultati del test sono stati uno shock, anche per la dottoressa Kumar: lei aveva il cancro al polmone Stage 4.

"Stava per morire, non importa quello che hai fatto", ha ricordato il Dr Kumar, rivolgendosi ad un pubblico ad alto livello alla prima conferenza mondiale dell'OMS sull'inquinamento atmosferico e la salute il mese scorso.

La tragica storia della sig.ra Kaur faceva parte di una tendenza crescente che segnalava il pericolo di un aumento dell'inquinamento atmosferico nella città di Nuova Delhi al chirurgo toracico di 30 anni, che gestisce il più grande dipartimento di chirurgia toracica in India che tratta i pazienti con 1,000 al torace ogni anno.

"Quando ho iniziato a lavorare su 1998, vedevo per lo più fumatori - 80 a 90 per cento di questi casi sarebbero fumatori - e se vedessimo un paziente che non fumava, ci chiedevamo perché questa persona avesse il cancro" ha detto, "quindi dovremmo equiparare il cancro ai polmoni al fumo".

Ma, negli ultimi sette o otto anni, il dottore e il suo team iniziarono a notare che la distribuzione stava cambiando: vedevano il numero di non fumatori che erano fumatori.

"Il bambino nato a Nuova Delhi inala sulle sigarette 15 il primo giorno della sua vita"

C'erano altre tendenze inquietanti.

Per prima cosa, i suoi pazienti stavano diventando più giovani.

"Ho molti pazienti nei loro 30 e 40. Prima, l'esposizione iniziava, per esempio, negli anni 20, quando inizi a fumare, ma oggi l'esposizione inizia dal primo respiro della tua vita ", ha spiegato il dott. Kumar.

"Così, il bambino che è nato nella città di Nuova Delhi, passando per la qualità dell'aria oggi, nel primo giorno della sua vita, inalerà circa le sigarette 15", ha detto.

"C'erano pochissimi (donne) pazienti con cancro ai polmoni prima, ma ora, quasi l'40% dei miei pazienti sono donne", ha detto.

Ha tracciato il legame con l'inquinamento atmosferico a Nuova Delhi, che è diventato famoso per la sua intensa intensità di smog, in particolare a novembre, quando enormi fasce di stoppie vengono bruciate per accogliere rapidamente un nuovo ciclo di coltivazione.

Medici: una nuova forza per l'aria pulita

Le osservazioni hanno convinto il dott. Kumar a uscire dalla sala operatoria e ad avvocarla pubblicamente per una migliore qualità dell'aria, raggiungendo decine di migliaia di bambini in India attraverso la sua Fondazione per l'assistenza ai polmoni.

Oggi, medici di ogni stato dell'India e associazioni nazionali 14 che rappresentano gli specialisti medici 150,000 si è unito al dott. Kumar nel lancio di Medici per l'aria pulita, a un evento a cui ha partecipato anche l'ex segretario esecutivo della Convenzione sui cambiamenti climatici dell'ONU Christiana Figueres.

La visione del dott. Kumar è che Medici per Clean Air sia una rete di medici in tutta l'India - tra chirurghi, medici, pneumologi e pediatri - appassionati di aria pulita e che lavorano per questo evidenziando gli effetti negativi dell'inquinamento atmosferico e sostenendo vari gruppi che lavorano sull'aria inquinamento.

Lancio di Medici per l'aria pulita. Foto di Fondazione Lung Care

La nuova organizzazione si unisce a una forza formidabile e in ascesa: medici e altri operatori sanitari di tutto il mondo, che si occupano della maggior parte dei costi nascosti dell'inquinamento atmosferico nei loro ospedali, si stanno unendo per contrastare l'inquinamento atmosferico e i suoi effetti sulla salute umana.

"Questo è il motivo per cui anche l'inquinamento atmosferico è la nostra lotta, perché le persone muoiono e si ammalano per le malattie causate dall'inquinamento atmosferico", ha detto la direttrice dell'OMS, Salute pubblica, fattori sociali e ambientali della salute, la dott.ssa Maria Neira.

"È la nostra lotta perché siamo i pazienti che si fidano di aiutarli a salvaguardare la loro salute e quelli a cui si rivolgono per un consiglio - questa fiducia arriva con grandi responsabilità, e non possiamo rinnegarla", ha detto.

"Siamo i migliori sostenitori dell'azione preventiva per migliori risultati sanitari, ed è chiaro che il taglio dell'inquinamento atmosferico è parte di un'azione preventiva in cui sono coinvolte le malattie non trasmissibili", ha affermato il dott. Neira.

Quella difesa sta andando forte e in crescita: un recente commento nel British Medical Journal lo ha indicato l'inquinamento atmosferico sta aumentando nell'agenda della salute, un'osservazione sostenuta da un importante rapporto di Lancet pubblicato la scorsa settimana, che ha dimostrato che la copertura delle implicazioni per la salute dei cambiamenti climatici - compresi i luoghi in cui si intersecano con l'inquinamento atmosferico - è aumentata drammaticamente nelle riviste scientifiche.

Gruppi che rappresentano migliaia di medici e operatori sanitari attuali e futuri - tra cui Medici del mondo, Healthcare Without Harm, l'alleanza mondiale per il clima e la salute, la salute e l'ambiente e la Federazione internazionale delle associazioni di studenti di medicina - hanno preso la parola presso l'Organizzazione mondiale della sanità globale Conferenza sull'inquinamento atmosferico e la salute per dichiarare impegni che potrebbero contribuire a migliorare la qualità dell'aria in tutto il mondo.

Anche se potrebbe essere uno sfortunato bambino di poster per l'aria nociva, New Delhi non è affatto la sola: il rapporto Lancet ha scoperto che le persone nel 90 per cento delle città del mondo respirano aria inquinata che è tossica per la loro salute cardiovascolare e respiratoria. Sette milioni di persone morirono in 2016 da malattie causate da inquinamento atmosferico - 600,000 di loro erano bambini.