Discriminazione nell'aria - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / New York / 2020-10-23

Discriminazione nell'aria:

Nove persone su 10 nel mondo respirano aria inquinata, causando circa 7 milioni di morti premature ogni anno. Il 7 settembre 2020, le Nazioni Unite hanno celebrato la prima Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli azzurri. Questo articolo fa parte della copertura continua dell'UNEP sull'inquinamento atmosferico e sul suo impatto a livello globale.

New York
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 2 verbale

Cross pubblicato da UNEP

Nove persone su 10 nel mondo respirano aria inquinata, causando circa 7 milioni di morti premature ogni anno. Sopra 7 settembre 2020, le Nazioni Unite hanno osservato il primo Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu. Questo articolo fa parte della copertura continua dell'UNEP sull'inquinamento atmosferico e sul suo impatto a livello globale.

Secondo l'American Lung Association, oltre il 40% della popolazione statunitense - circa 134 milioni di persone - deve affrontare rischi per la salute derivanti dall'inquinamento atmosferico. Il l'onere è tutt'altro che equamente condiviso. Gli studi dimostrano che negli Stati Uniti, le persone di colore e le comunità a basso reddito affrontano un rischio significativamente più elevato di effetti sulla salute ambientale, evidenziando che gli impatti dell'inquinamento atmosferico sono sperimentati in modo diseguale in tutto il paese.

Le persone di colore hanno maggiori probabilità di vivere in aree colpite da inquinamento e alta densità di traffico stradale, aumentando i rischi per la loro salute. Come eminente attivista e leader americano per la giustizia ambientale Robert D. Bullard sottolinea, gareggiare e posizionare la materia.

Ad esempio, lungo il fiume Mississippi negli Stati Uniti meridionali, c'è un'area con il peggior inquinamento atmosferico del paese. Nel tratto tra New Orleans e Baton Rouge, in Louisiana, molte persone vivono proprio accanto a diversi impianti industriali altamente inquinanti. I residenti, che sono prevalentemente neri, hanno visto significativi cluster di cancro, con rischi di cancro nell'area che arrivano fino a 50% in più rispetto alla media nazionale. Nella sola parrocchia di San Giovanni Battista, su un'area di circa 2 miglia quadrate, il il tasso di cancro è circa 800 volte superiore rispetto alla media americana.

Allo stesso modo, il quartiere Mott Haven di New York City, che ospita principalmente famiglie LatinX e Black, ha un livello molto alto di inquinamento atmosferico dovuto al traffico, ai magazzini e all'industria. I residenti a Mott Haven affrontano alcuni dei tassi più alti di casi di asma e ricoveri correlati all'asma nel paese, soprattutto tra i bambini.

Spesso, le comunità che registrano alti livelli di inquinamento atmosferico sono tra le più vulnerabili, affrontando uno scarso accesso ai servizi sanitari, limitate opportunità economiche, ambienti di lavoro più inquinati e ingiustizie razziali. Sono necessarie politiche globali per affrontare queste sfide correlate.

"Esiste una forte correlazione tra fattori socioeconomici e rischio di inquinamento atmosferico", ha affermato la dott.ssa Barbara Hendrie, direttrice regionale del Programma ambientale delle Nazioni Unite per il Nord America. "Riconoscere questo e gli impatti sproporzionati dell'inquinamento atmosferico negli Stati Uniti è una parte fondamentale dello sviluppo di soluzioni efficaci".

Nel primo in assoluto Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu a settembre, il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente ha invitato i governi, le società, la società civile e gli individui ad agire per ridurre l'inquinamento atmosferico e realizzare un cambiamento trasformativo.

L'inquinamento atmosferico non deve far parte del nostro futuro collettivo. Abbiamo le soluzioni e dobbiamo intraprendere le azioni necessarie per affrontare questa minaccia ambientale e fornire #CleanAirForAll.

Credito fotografico Unsplash / Ale Alvarez