Aggiornamenti di rete / Global / 2022-08-13

In che modo la tecnologia digitale e l'innovazione possono aiutare a proteggere il pianeta:
strumenti che sono pronti ora

globali
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Mentre una fitta foschia è scesa su Nuova Delhi il mese scorso, i monitor della qualità dell'aria nella capitale indiana hanno iniziato a dipingere un quadro cupo.

Il fumo, alimentato dalla combustione stagionale dei raccolti nell'India settentrionale, stava causando un aumento dei livelli della particella tossica PM 2.5, una tendenza che i residenti potevano tracciare in tempo reale sul Sistema di monitoraggio ambientale globale per l'aria (GEMS Air).

All'inizio di novembre, GEMS Air ha mostrato che le concentrazioni di PM 2.5 al di fuori dell'iconica India Gate di Nuova Delhi erano "pericolose" per la salute umana. In una zona industriale a nord della capitale indiana, l'aria era 50 volte più inquinata.

GEMS Air è uno dei numerosi nuovi strumenti digitali utilizzati dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) per tracciare lo stato dell'ambiente in tempo reale a livello globale, nazionale e locale. Negli anni a venire, un ecosistema digitale di piattaforme di dati sarà fondamentale per aiutare il mondo a comprendere e combattere una serie di rischi ambientali, dall'inquinamento atmosferico alle emissioni di metano, affermano gli esperti.

"Vari attori del settore privato e pubblico stanno sfruttando i dati e le tecnologie digitali per accelerare l'azione ambientale globale e interrompere sostanzialmente il business come al solito", afferma David Jensen, il coordinatore della task force sulla trasformazione digitale dell'UNEP.

"Queste partnership meritano l'attenzione della comunità internazionale in quanto possono contribuire al cambiamento sistemico a una velocità e una scala senza precedenti".

Il mondo sta affrontando ciò che il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiamato a tripla crisi planetaria del cambiamento climatico, dell'inquinamento e della perdita di biodiversità. Gli esperti dicono di evitare quelle catastrofi e raggiungere il Sviluppo Sostenibile Obiettivi richiederà una trasformazione fondamentale dell'economia globale entro un decennio. È un compito che normalmente richiederebbe generazioni. Ma una serie di dati e tecnologie digitali stanno invadendo il pianeta con il potenziale per promuovere importanti trasformazioni strutturali che miglioreranno la sostenibilità ambientale, l'azione per il clima, la protezione della natura e la prevenzione dell'inquinamento.

Una nuova era

L'UNEP contribuisce a tale onere attraverso un nuovo programma sulla trasformazione digitale e co-promozione della Coalizione per la sostenibilità ambientale digitale come parte della tabella di marcia per la cooperazione digitale del Segretario generale.

UNEP studi mostralo per 68 per cento degli indicatori dell'obiettivo di sviluppo sostenibile relativi all'ambiente, non ci sono dati sufficienti per valutare i progressi. Le iniziative digitali sfruttano la tecnologia per fermare il declino del pianeta e accelerare la finanza, i prodotti, i servizi e gli stili di vita sostenibili.

GEMS air è stato tra i primi di questi programmi. Gestito dall'UNEP e dalla società tecnologica svizzera IQAir, è la più grande rete di inquinamento atmosferico al mondo, che copre circa 5,000 città. Nel 2020, oltre 50 milioni di utenti hanno avuto accesso alla piattaforma e i suoi dati vengono trasmessi in streaming in cartelloni digitali per avvisare le persone in tempo reale sui rischi per la qualità dell'aria. In futuro, il programma mira ad estendere questa capacità direttamente alle applicazioni sanitarie dei telefoni cellulari.

Basandosi sulle lezioni apprese da GEMS Air, l'UNEP ha sviluppato altre tre piattaforme digitali faro per mostrare la potenza dei dati e delle tecnologie digitali, tra cui il cloud computing, l'osservazione della terra e l'intelligenza artificiale.

Gestione dell'acqua dolce

Uno è il Esploratore dell'ecosistema d'acqua dolce, che fornisce uno sguardo dettagliato allo stato di laghi e fiumi in ogni paese della Terra. Frutto di una partnership tra UNEP, il Centro comune di ricerca della Commissione europea e Motore di Google Earth, fornisce dati liberi e aperti su acque superficiali permanenti e stagionali, bacini idrici, zone umide e mangrovie.

"Viene presentato in modo favorevole alle politiche in modo che cittadini e governi possano facilmente valutare cosa sta realmente accadendo alle risorse di acqua dolce del mondo", afferma Stuart Crane, un esperto di acqua dolce dell'UNEP. “Questo aiuta i paesi a tenere traccia dei loro progressi verso il raggiungimento di Obiettivo di sviluppo sostenibile Obiettivo 6.6. "

I dati possono essere visualizzati utilizzando mappe geospaziali con grafica informativa di accompagnamento e scaricati a scala nazionale, subnazionale e di bacino idrografico. I dati vengono aggiornati annualmente e descrivono le tendenze a lungo termine, nonché i record annuali e mensili sulla copertura dell'acqua dolce.

Lotta al cambiamento climatico

L'UNEP sta inoltre utilizzando il processo decisionale basato sui dati per guidare una profonda riduzione delle emissioni di metano attraverso il Osservatorio Internazionale sulle Emissioni di Metano (IMEO). Il metano è un potente gas serra, responsabile di almeno un quarto del riscaldamento globale odierno.

L'osservatorio è progettato per far luce sulle origini delle emissioni di metano raccogliendo dati da varie fonti, inclusi satelliti, sensori a terra, rendicontazione aziendale e studi scientifici.

Il Valutazione globale del metano pubblicato da UNEP e il Climate and Clean Air Coalition (CCAC) ha scoperto che ridurre del 45% il metano causato dall'uomo in questo decennio eviterebbe quasi 0.3°C di riscaldamento globale entro il 2040 e contribuirebbe a prevenire 255,000 morti premature, 775,000 visite ospedaliere legate all'asma e 26 milioni di tonnellate di perdite di raccolto a livello globale.

"L'Osservatorio internazionale sulle emissioni di metano supporta partner e istituzioni che lavorano sulla riduzione delle emissioni di metano per aumentare l'azione ai livelli necessari per evitare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici", afferma Manfredi Caltagirone, esperto di emissioni di metano dell'UNEP.

Attraverso la Oil and Gas Methane Partnership 2.0, l'Osservatorio sul metano collabora con le compagnie petrolifere per migliorare l'accuratezza e la trasparenza della rendicontazione delle emissioni di metano. Le attuali aziende associate riportano asset che coprono oltre il 30% della produzione di petrolio e gas a livello globale. Collabora inoltre con la comunità scientifica per finanziare studi che forniscono dati solidi e pubblicamente disponibili.

Preservare la natura

L'UNEP sostiene anche il Laboratorio di biodiversità delle Nazioni Unite 2.0, una piattaforma gratuita e open source che contiene dati e oltre 400 mappe che mettono in evidenza l'estensione della natura, gli effetti del cambiamento climatico e la portata dello sviluppo umano. Tali dati spaziali aiutano i responsabili delle decisioni a mettere la natura al centro dello sviluppo sostenibile, consentendo loro di visualizzare i sistemi naturali che trattengono i disastri naturali, immagazzinano gas che riscaldano il pianeta, come l'anidride carbonica, e forniscono cibo e acqua a miliardi di persone.

 

Un primo piano di una lucertola
Il Laboratorio di Biodiversità delle Nazioni Unite 2.0 presenta più di 400 mappe che mostrano l'estensione della natura e la diffusione degli insediamenti umani. Foto: Unsplash / Igor Kamelev

 

Più di 61 paesi hanno avuto accesso ai dati sul Laboratorio di Biodiversità delle Nazioni Unite nell'ambito del loro rapporto nazionale alla Convenzione sulla diversità biologica, un accordo internazionale progettato per salvaguardare la fauna selvatica e la natura. La versione 2.0 del laboratorio è stata lanciata nell'ottobre 2021 come partenariato tra l'UNDP, il World Conservation Monitoring Centre dell'UNEP, il Segretariato della Convenzione sulla biodiversità e l'Osservatorio di impatto.

Tutte le piattaforme digitali dell'UNEP vengono federate in quelle dell'UNEP Sala della situazione ambientale mondiale, un ecosistema digitale di dati e analisi che consente agli utenti di monitorare i progressi rispetto ai principali obiettivi di sviluppo sostenibile ambientali e agli accordi multilaterali a livello globale, regionale e nazionale.

"La capacità tecnica di misurare il cambiamento ambientale globale, quasi in tempo reale, è essenziale per un processo decisionale efficace", afferma Jensen.

"Avrà implicazioni rivoluzionarie se questi dati possono essere trasmessi agli algoritmi e alle piattaforme dell'economia digitale, dove possono spingere gli utenti ad apportare le modifiche personali così necessarie per preservare il mondo naturale e raggiungere lo zero netto".