Aggiornamenti di rete / Global / 2022-01-14

Cosa ha ottenuto la COP26 per la salute?:

La comunità sanitaria presenta l'argomento della salute per l'azione per il clima alla COP26

globali
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 6 verbale

La conferenza COP26 delle Nazioni Unite sul clima ha visto oltre 40,000 delegati riuniti a Glasgow nell'arco di due settimane, dal 31 ottobre al 13 novembre 2021. Rappresentanti di 197 paesi si sono riuniti per concordare le regole per attuare l'Accordo di Parigi del 2015 sui cambiamenti climatici, nonché un miglioramento pacchetto di sostegno per i paesi vulnerabili. I rappresentanti dell'OMS si sono uniti a un numero record di leader sanitari alla COP26 con l'obiettivo di influenzare positivamente un risultato ambizioso con la loro argomentazione sanitaria per l'azione per il clima.

Di seguito sono riportati alcuni dei punti salienti.

I paesi si impegnano nel programma sanitario COP26

Insieme al governo del Regno Unito e ad altri partner, l'OMS ha istituito il Programma sanitario COP26, un'iniziativa faro per portare una maggiore attenzione e ambizione alla salute alla COP26.

Come parte del programma, finita 50 paesi si sono impegnati a costruire sistemi sanitari resilienti al clima e a basse emissioni di carbonio. I paesi hanno concordato di intraprendere passi concreti verso la creazione di sistemi sanitari resilienti ai crescenti impatti climatici, mentre molti paesi si sono anche impegnati a trasformare i loro sistemi sanitari in modo che siano più sostenibili e a basse emissioni di carbonio. Quattordici paesi hanno anche fissato una data obiettivo per raggiungere le emissioni nette di carbonio zero nel loro sistema sanitario prima del 2050.

Si prevede che più paesi aderiranno al programma sanitario COP26 nei prossimi mesi e il team di presidenza della COP26 del Regno Unito, l'OMS e i partner istituiranno un segretariato per supportare l'attuazione delle iniziative. Fornirà coordinamento, aiuterà ad aumentare la finanza e fornirà supporto tecnico ai paesi creando una comunità di pratica.

mappa di una panoramica dell'elenco iniziale dei paesi che si sono impegnati a costruire sistemi sanitari e strutture resilienti al clima e sostenibili dal punto di vista ambientale

Immagine: una panoramica dell'elenco iniziale dei paesi che si sono impegnati a costruire sistemi sanitari e strutture resilienti al clima e sostenibili dal punto di vista ambientale, nell'ambito del programma sanitario COP26. Credito: FCDO del Regno Unito

L'argomento della salute per l'azione per il clima

In vista della COP26, l'OMS e la comunità sanitaria globale hanno pubblicato un rapporto speciale sui cambiamenti climatici e la salute, intitolato "L'argomento della salute per l'azione per il clima". Il rapporto fornisce 10 raccomandazioni ai governi su come massimizzare i benefici per la salute derivanti dalla lotta ai cambiamenti climatici in una varietà di settori, come l'energia, i trasporti, la finanza e i sistemi alimentari, al fine di evitare i peggiori impatti sulla salute della crisi climatica.

Le 10 raccomandazioni sono state sviluppate attraverso ampie consultazioni con professionisti sanitari, organizzazioni e parti interessate a livello globale e rappresentano un'ampia dichiarazione di consenso sulle azioni prioritarie che i governi devono intraprendere per affrontare la crisi climatica, ripristinare la biodiversità e proteggere la salute.

Gli appelli per l'azione per il clima sono stati presentati alla COP26 ai leader dei paesi, ai rappresentanti di vari settori e al Evento di alto livello delle Nazioni Unite sull'azione per il clima per la salute il 9 novembre. In futuro guideranno i paesi verso la loro sana e verde ripresa dalla pandemia di COVID-19.

Il direttore generale dell'OMS, il dott. Tedros, con gli operatori sanitari che chiedono un'azione per il clima più ambiziosa

Immagine: il direttore generale dell'OMS, il dottor Tedros, con gli operatori sanitari che chiedono un'azione per il clima più ambiziosa. Credito: CHI

Gli operatori sanitari parlano del clima

Il rapporto dell'OMS è stato lanciato contemporaneamente all'an lettera aperta, firmato da organizzazioni che rappresentano oltre 46 milioni di professionisti sanitari, che costituiscono i due terzi della forza lavoro sanitaria globale. La lettera aperta invita i leader nazionali e le delegazioni nazionali della COP26 a intensificare con urgenza l'azione per il clima.

"Ovunque forniamo assistenza, nei nostri ospedali, cliniche e comunità in tutto il mondo, stiamo già rispondendo ai danni alla salute causati dai cambiamenti climatici”, si legge nella lettera degli operatori sanitari. “Chiediamo ai leader di ogni paese e ai loro rappresentanti alla COP26 di scongiurare l'imminente catastrofe sanitaria limitando il riscaldamento globale a 1.5°C e di rendere la salute umana e l'equità centrali in tutte le azioni di mitigazione del cambiamento climatico e adattamento. "

La lettera aperta è stata consegnata ai decisori della COP26, inclusi i rappresentanti dei paesi del Regno Unito (Regno Unito), dell'Egitto e del segretariato delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC).

i firmatari della lettera di prescrizione salutare consegnano la lettera al ministro della salute scozzese e ad altri decisori alla COP26

Immagine: i firmatari della sana lettera di prescrizione consegnano la lettera al ministro della salute scozzese e ad altri decisori alla COP26. Credito: Alessandra Egorova.

Viaggiare in modo ecologico e salutare da Ginevra a Glasgow

Il rapporto dell'OMS e la lettera aperta degli operatori sanitari sono stati consegnati alla COP26 in un modo unico; sono andati dalla sede dell'OMS a Ginevra alla COP26 di Glasgow in bicicletta. Il team leader dell'OMS sui cambiamenti climatici, il dottor Diarmid Campbell-Lendrum, ha pedalato il primo tratto da Ginevra a Londra, dopodiché un gruppo di pediatri si è recato in bicicletta fino a Glasgow per consegnare il rapporto e la lettera di persona, all'insegna di Cavalca per la loro vita. L'iniziativa ha attirato molta attenzione e ha contribuito a sensibilizzare sui pericoli dell'inquinamento atmosferico e sui benefici per la salute e il cambiamento climatico di modi di trasporto più attivi, come la bicicletta.

I ciclisti di "Ride for their Lives" hanno consegnato a Glasgow sia una lettera di 46 milioni di operatori sanitari, sia il rapporto speciale dell'OMS COP26 sui cambiamenti climatici e la salute

Immagine: i ciclisti di "Ride for their Lives" hanno consegnato a Glasgow sia una lettera di 46 milioni di operatori sanitari, sia il rapporto speciale dell'OMS COP26 sui cambiamenti climatici e la salute. Credito: studi di accettazione del clima

Il padiglione della salute alla COP26

Per la prima volta, la comunità sanitaria ha avuto un proprio padiglione a una conferenza delle Nazioni Unite sul clima. Nell'arco di due settimane sono stati organizzati oltre 60 eventi, che hanno messo in mostra le argomentazioni sanitarie per un'azione ambiziosa per il clima in molti settori e argomenti diversi. Il padiglione ha fornito uno spazio per la comunità sanitaria per riunirsi alla COP26 e ha aiutato a integrare le considerazioni sulla salute in aree d'azione al di là del settore sanitario. Le registrazioni di tutti gli eventi sanitari COP26 possono essere trovate su Sito web dell'OMS.

In uno degli eventi collaterali, l'OMS e il Research Subcommittee del WHO-Civil Society Working Group to Advance Action on Climate and Health hanno lanciato il suo rapporto "Cambiamenti climatici e ricerca sanitaria: tendenze attuali, gap e prospettive per il futuro”, che costituisce una rassegna della ricerca su clima e salute attuata nell'ultimo decennio.

COP26 Padiglione della Salute

Immagine: uno degli oltre 60 eventi collaterali che si sono svolti nel padiglione Salute della COP26 nelle prime 2 settimane di novembre 2021. Credit: Alexandra Egorova

Salute e cambiamento climatico una priorità per molti paesi

I paesi hanno iniziato a dare priorità alla salute nei loro sforzi per proteggere le persone dall'impatto dei cambiamenti climatici, ma l'attuazione è stata finora limitata. I risultati di a nuovo sondaggio dell'OMS, che sono stati lanciati alla COP26, mostrano che i paesi devono affrontare grandi ostacoli al progresso in materia di clima e salute, inclusa la mancanza di finanziamenti; l'impatto del COVID-19; e insufficiente capacità di risorse umane.

Circa la metà dei paesi riferisce che l'emergenza COVID-19 ha rallentato i progressi nell'affrontare i cambiamenti climatici deviando personale e risorse sanitarie e continua a minacciare le capacità delle autorità sanitarie nazionali di pianificare e prepararsi a stress e shock sanitari legati al clima.

Salute per l'azione per il clima a Glasgow

Gli eventi e le attività all'interno della sede della COP26 sono stati supportati da azioni ed eventi nella città di Glasgow. Un gran numero di professionisti della salute si è unito agli scioperi per il clima che hanno avuto luogo a margine della conferenza sul clima e molti si sono uniti agli eventi sul clima che si svolgono nella città di Glasgow.

L' conferenza mondiale sui cambiamenti climatici e la salute è stato organizzato da OMS, GCHA e partner sabato 6 novembre presso la Glasgow Caledonian University. Ha riunito leader sanitari e rappresentanti di vari settori per invitare governi, imprese, istituzioni e attori finanziari a guidare una ripresa verde, sana e giusta da COVID-19. Tra i relatori figurano Mary Robinson, ex presidente dell'Irlanda e presidente di The Elders; la sig.ra Julia Gillard, ex primo ministro australiano e presidente del Wellcome Trust; Susan Aitken, leader del consiglio comunale di Glasgow; Rosamund Adoo-Kissi-Debrah, madre del primo figlio a cui l'inquinamento atmosferico è stato ufficialmente riconosciuto come causa di morte; Nick Watts, Chief Sustainability Officer del Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito; rappresentanti dell'OMS; ministri della salute dei paesi vulnerabili e molti altri.

Gli organizzatori e i relatori principali della conferenza globale del 2021 sui cambiamenti climatici e la salute presso la Glasgow Caledonian University, in piedi di fronte all'installazione artistica "il baccello dell'inquinamento"

Immagine: gli organizzatori e i relatori principali della conferenza globale del 2021 sui cambiamenti climatici e la salute presso la Glasgow Caledonian University, in piedi di fronte all'installazione artistica "il baccello dell'inquinamento". Credito: Arthur Wyns

I paesi adottano il patto per il clima di Glasgow

Sabato 13 novembre, e dopo settimane di negoziati, i paesi hanno adottato il Glasgow Climate Pact, una serie di regole per rendere operativo l'accordo di Parigi, nonché numerosi impegni e processi per fornire maggiore sostegno ai paesi vulnerabili.

Un certo numero di rappresentanti della salute ha partecipato ai negoziati, incluso un gruppo di rappresentanti di paesi africani che sono stati supportati dall'OMS.

Nel plenaria di chiusura, Patricia Espinosa, segretario esecutivo dell'UNFCCC, ha riconosciuto che la conferenza ha espresso: "... più impegni per l'adattamento, più azioni nel settore sanitario".

Quindi, mentre il risultato della COP26 è meno ambizioso di quanto sperato o previsto, il personale sanitario globale si sente ascoltato ed è mobilitato per costruire un futuro più sostenibile e resiliente al clima.

"L'OMS e la comunità sanitaria rimangono impegnati nell'azione per il clima e continuano a lavorare per proteggere la nostra salute e il pianeta dalla crisi climatica", ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS in merito ai risultati della COP26.

La zona d'azione per il clima alla COP26 di Glasgow

Immagine: il patto di Glasgow per il clima e il regolamento dell'accordo di Parigi sono stati adottati alla COP26 il 13 novembre. Credit: IISD/Kiara Worth

Prossimi passi

Il patto per il clima di Glasgow lascia l'azione per il clima a un punto critico. Fornisce punti di accesso su questioni critiche come il finanziamento, il destino del carbone e i sussidi ai combustibili fossili, ma li lascia irrisolti o con avvertimenti. La comunità sanitaria deve quindi agire con la stessa chiarezza di intenti e coordinamento di quando un paziente arriva in condizioni critiche, ma con segni di vita.

I prossimi passi immediati sono lavorare con i partner per fornire supporto tecnico e finanziario ai molti paesi che hanno firmato nuovi impegni per aumentare la resilienza del settore sanitario e ridurre le emissioni di carbonio dell'assistenza sanitaria. L'OMS lavorerà con partner governativi e ONG come UKNHS, Healthcare Without Harm e Aga Khan Foundation per fornire supporto tecnico e con i governi nazionali e partner di sviluppo bilaterali e multilaterali per rimuovere le barriere all'accesso ai finanziamenti necessari.

A lungo termine, tuttavia, il successo o il fallimento della COP26 dipende in definitiva dal fatto che le persone in tutto il mondo continuino a mobilitarsi per sostenere l'azione per il clima più ambiziosa possibile.

Il ruolo più importante dei professionisti della salute è quindi quello di continuare a fornire le prove, gli esempi e la loro voce fidata per sostenere l'azione per il clima per proteggere la salute e il benessere delle persone che servono, piuttosto che ritardare e distrarre per proteggere gli interessi acquisiti. Torneremo prima, durante e dopo la COP27, per continuare a difendere il diritto a un ambiente sano e sostenibile.