Città, regioni e paesi celebrano i successi dell'aria pulita nella prima Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Nairobi, Kenya / 2020-09-07

Città, regioni e paesi celebrano i successi dell'aria pulita nella prima Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu:

Leader e governi descrivono le loro esperienze nell'affrontare le sfide per la salute e il clima attraverso l'azione dell'aria pulita

Nairobi, Kenya
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Storie di successo ed esperienze sulla lotta all'aria pulita per la salute, l'ambiente e il clima sono arrivate da città, regioni e paesi mentre il mondo segna il primo Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu.

Da Addis Abeba in Etiopia a Washington, DC negli Stati Uniti, attraverso città, regioni e paesi in Asia, Africa, America Latina e Caraibi e Nord America, i governi * hanno condiviso i loro successi, lotte e piani nei rispettivi viaggi nell'aria pulita mentre corrono verso l'obiettivo di ottenere un'aria sicura e sana da respirare.

Tra le storie di successo c'erano gli sforzi congiunti dei governi della Mongolia e della sua capitale Ulaanbaatar per migliorare l'isolamento degli edifici, migliorare l'efficienza delle stufe e sostituire il carbone grezzo con bricchette di carbone raffinato, che insieme hanno visto concentrazioni di inquinamento da particolato fine (PM2.5 ) calano del 52% nell'inverno del 2019.

"Abbiamo fissato un obiettivo enorme per ridurre l'inquinamento atmosferico dell'80% nei prossimi anni", ha affermato il vice sindaco di Ulaanbaatar Munkhjargal Dashnyam.

Un'altra è la prima zona a bassissime emissioni continue al mondo, che ha contribuito a ridurre del 44% i livelli di biossido di azoto nel centro di Londra; Il governo della città calcola che questa e altre politiche volte ad affrontare l'inquinamento atmosferico faranno risparmiare al suo Servizio Sanitario Nazionale circa 5 miliardi di sterline e oltre un milione di ricoveri ospedalieri nei prossimi 30 anni.

A Kigali, in Ruanda, durante le Giornate senza auto bimestrali del Consiglio comunale, le concentrazioni di particolato (PM2.5 e PM10) vicino alle strade pedonali diminuiscono di circa la metà, con il sindaco di Kigali, Rubingisa Pudence, che osserva che questo impatto sull'aria la qualità “non passa inosservata”, offrendo un'opportunità di sensibilizzazione viscerale.

Altre città stanno offrendo una vittoria per un trasporto pulito e attivo. Le strutture per ciclisti e pedoni vengono aumentate in molte città per facilitare l'allontanamento sociale sicuro; alcuni, come Barranquilla, Bogotá e Città del Messico, continuano ad accelerare l'espansione delle reti ciclabili, enfatizzano i trasporti pubblici e la connettività tra i due. Bogotá sta investendo miliardi di dollari in azioni per ridurre l'inquinamento atmosferico.

La città di Iloilo nelle Filippine ha contribuito con un'esperienza di apprendimento, cambiando con successo la rotta e adattando gli interventi quando il suo inventario delle emissioni è stato una sorpresa: l'inquinamento interno dovuto alla combustione di combustibili solidi si è rivelato una delle principali fonti di inquinanti atmosferici nella città, in precedenza nemmeno considerato come un problema, con i media e l'attenzione del pubblico formati in gran parte sulle emissioni dei veicoli.

Molte amministrazioni cittadine notano che le reti per condividere storie ed esperienze come queste sono fondamentali per lavorare insieme per risolvere la sfida comune dell'inquinamento atmosferico e, più che mai, lo stanno collegando ai suoi significativi impatti sulla salute, i cambiamenti climatici e la vivibilità.

Agendo su questa convinzione, la città di Suwon ha preso l'iniziativa di unire gli 80 governi metropolitani / provinciali e locali della Corea del Sud per superare la sfida combinata nell'ambito di una nuova coalizione dei governi locali coreani per azioni nette zero, che richiede azioni pratiche verso città zero nette entro il 2050 ; ha anche guidato la Dichiarazione di emergenza climatica, in cui tutti i 226 governi locali si uniscono verso la neutralità del carbonio.

Alcuni governi hanno anche riconosciuto la natura transfrontaliera dell'inquinamento atmosferico e hanno riconosciuto la necessità di collegare l'azione locale a quella regionale e nazionale e di lavorare in diverse giurisdizioni.

E molti di loro hanno gli occhi puntati sull'obiettivo di soddisfare le linee guida sulla qualità dell'aria dell'Organizzazione mondiale della sanità entro il 2030, avendolo promesso nell'ambito di iniziative come Dichiarazione delle città dell'aria pulita di C40, i Iniziativa delle Nazioni Unite per l'aria pulita e BreatheLife.

Le città stanno anche celebrando la giornata stessa con festeggiamenti e attività, cogliendo l'opportunità di aumentare la consapevolezza dell'inquinamento atmosferico e dei problemi correlati all'interno e al di fuori delle loro giurisdizioni attraverso workshop, concorsi di fotografia e design, dialoghi e bazar.

Il debutto del nuova Giornata Internazionale arriva in un momento inaspettatamente appropriato: l'azione per contenere la pandemia COVID-19 ha portato a una diminuzione dell'inquinamento atmosferico in molte città in tutto il mondo, dando luogo a drammatiche rivelazioni di cieli blu come sfondo di punti di riferimento iconici e ha spinto a considerare ciò che costituisce una "ripresa verde" e come ricostruire meglio.

Chiamate da comunità sanitaria globale e la Organizzazione Mondiale della Sanità per un sano recupero evidenziare la necessità di un'azione che favorisca un'aria pulita e un clima vivibile.

L'inquinamento atmosferico è il più grande rischio ambientale per la salute umana e una delle principali cause evitabili di morte e malattie a livello globale in tutto il mondo attribuite all'inquinamento atmosferico interno ed esterno.

L'OMS stima che provochi 7 milioni di morti premature ogni anno, e la Banca Mondiale e l'OCSE stimano che accumuli miliardi di dollari in perdita di manodopera e produttività.

L'onere è in gran parte a carico dei paesi in via di sviluppo, in cui donne, bambini e anziani sono quindi colpiti in modo sproporzionato, soprattutto nelle popolazioni a basso reddito in quanto sono spesso esposte ad alti livelli di ambientale inquinamento atmosferico e interno inquinamento atmosferico da cucina e riscaldamento con combustibile a legna e cherosene.

Scopri cosa stanno facendo i governi * per combattere l'inquinamento atmosferico e migliorare la vita dei loro cittadini:

RACCONTI VIDEO DALLE CITTÀ

STORIE DALLE CITTÀ (INGLESE)

STORIE DI CITTÀ (SPAGNOLO)

È disponibile un elenco completo degli eventi che si svolgeranno dal 7 all'8 settembre qui.

* Le storie stanno ancora arrivando. I governi le cui storie sono disponibili al momento in cui scrivo al link sopra sono:

Le città

Addis Abeba, Etiopia
Valle di Aburra, Colombia
Balikpapan, Indonesia
Barranquilla, Colombia
Bogor City, Indonesia
Bogota, Colombia
Concepcion, Cile
Dakar, Senegal
Guadalajara, Messico
Iloilo City, Filippine
Jambi City, Indonesia
Londra, Regno Unito
Los Angeles, Stati Uniti d'America
Manila City, Filippine
Area metropolitana di Guadalajara, Messico
Città del Messico, Messico
Nuevo Leon, Messico
Quezon City, Filippine
Quito, Ecuador
Suwon City, Repubblica di Corea
Ulan Bator, Mongolia
Varsavia, Polonia
Washington, DC, Stati Uniti d'America

Regioni
Stato di Querétaro, Messico
Provincia di Bataan, Filippine
Stato di Jalisco, Messico

Paesi
Ruanda
Trinidad & Tobago

Foto del banner di WHO / Yoshi Shimizu © WHO