Le città si battono in bicicletta per evitare il traffico quando le restrizioni alla pandemia si attenuano - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Lombardia, Italia; Parigi, Francia; Bogotà, Colombia; Catalogna, Spagna / 2020-05-11

Le città si battono in bicicletta per evitare il traffico quando le restrizioni alla pandemia si attenuano:

Man mano che le città sollevano gradualmente i blocchi, alcuni stanno cercando di estendere misure temporanee a sostegno dei ciclisti e scoraggiare l'affollamento nel trasporto pubblico, prevenendo al contempo le ondate anticipate nell'uso dell'auto

Lombardia, Italia; Parigi, Francia; Bogotà, Colombia; Catalogna, Spagna
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 5 verbale

Solo due mesi fa, quando i casi di COVID-19 hanno iniziato a decollare in tutto il mondo, i pendolari di molte città, temendo di viaggiare in treni e autobus della metropolitana stretti, si sono rivolti alle biciclette per spostarsi - i propri, ma anche quelli in programmi di bike sharing, che sono aumentati in popolarità praticamente da un giorno all'altro.

Autorità comunali rispose rapidamente con piste ciclabili temporanee, programmi gratuiti di condivisione delle biciclette o installazione di maggiore capacità e persino consentendo ai servizi di manutenzione di base delle biciclette di rimanere aperti mentre i blocchi si estendevano in tutto il mondo.

Ma mentre le città iniziano a concentrarsi sui piani di uscita per facilitare i blocchi, alcuni sindaci stanno cercando di rendere i cambiamenti più permanenti, per aiutare a scaricare il carico dal trasporto pubblico mentre le misure di distanza sicure continuano mentre scoraggiano coloro che ancora diffidano del trasporto pubblico dal precipitarsi di nuovo verso macchine.

“Abbiamo lavorato per anni per ridurre l'uso dell'auto. Se tutti guidano un'auto, non c'è spazio per le persone, non c'è spazio per muoversi, non c'è spazio per attività commerciali al di fuori dei negozi ", un vice sindaco di Milano, Marco Granelli, ha detto The Guardian.

"Certo, vogliamo riaprire l'economia, ma pensiamo che dovremmo farlo su una base diversa da prima", ha detto.

La sua città, la capitale della Lombardia - una delle regioni più colpite in Europa da Covid-19 e la capitale finanziaria dell'Italia - è destinata a trasformare 35 chilometri (22 miglia) di strade per favorire ciclisti e pedoni, mentre la città rilassa una rigida nazione blocco e riavvio graduale delle aziende.

Secondo il piano Strade Aperte ("Open Streets"), i lavori su piste ciclabili temporanee a basso costo, marciapiedi allargati, limiti di velocità ridotti (30 km / h; 20 miglia all'ora) e le strade prioritarie per pedoni e ciclisti dovrebbero essere in piena attività durante l'estate.

In questa "fase 2" delle restrizioni allentate, i servizi della metropolitana dovrebbero funzionare al 30%, per consentire una distanza di sicurezza, il che porta la sua capacità di spostare i passeggeri da 1.4 milioni a 400,000 al giorno.

Con il 55% dei milanesi che usano i mezzi pubblici ogni giorno (almeno prima della pandemia), il governo teme che ciò significherebbe più traffico in una città immersa in una regione che respirava l'aria più inquinata d'Europa, buona parte del traffico; sotto blocco, quando la congestione del traffico è diminuita drammaticamente, prendendo inquinamento dell'aria verso il basso con esso, il contrasto era netto.

"Non possiamo pensare a questo significato un milione di auto in più sulla strada", il consigliere dei trasporti di Milano Marco Granelli ha detto a Radio Lombardia, secondo CityLab.

“Per evitare ciò, dovremo rafforzare il trasporto su due ruote. Questo è il motivo per cui stiamo mettendo in atto un piano straordinario per creare nuove piste ciclabili " disse.

Granelli disse che il Comune stava "preparando documenti e piani per aggiungere circa 35 chilometri di nuove piste ciclabili ai poco più di 200 già esistenti".

In ogni caso, le circostanze di Milano lo hanno reso un buon candidato per il passaggio: è piccolo, densamente popolato e il viaggio medio fatto in città è inferiore a 4 chilometri.

Parigi riserva 50 chilometri di strada per le biciclette, penzola la carota per attirare i ciclisti

Parigi è un'altra grande città i cui preparativi per l'eliminazione graduale delle restrizioni a livello nazionale (dall'11 maggio) includono cambiamenti per spingere i cittadini nella direzione del trasporto attivo.

Proprio come Milano, la Città della Luce spera che questa mobilità attiva compensi la ridotta capacità del trasporto pubblico con misure di distanza sicure, piuttosto che veicoli privati.

Sta progettando di riservare per le biciclette 50 chilometri di corsie normalmente utilizzate dalle automobili e di girare altre 30 strade solo ai pedoni, "in particolare intorno alle scuole", il sindaco Anne Hidalgo ha detto a Le Parisien.

Prima della pandemia, il piano di Hidalgo era stato previsto ogni strada di Parigi per essere in bicicletta entro il 2024, ma il timore della città di un improvviso picco nel traffico automobilistico che ostruisce le sue strade ha portato ad accelerare prevede di aumentare l'attrattiva e la fattibilità del ciclismo.

Secondo France24, le autorità di Parigi prevedono che tra il 20 e il 25% della popolazione della città arriverà dalle case di campagna o da altri luoghi in cui sono fuggiti prima che il blocco fosse iniziato a metà marzo.

“È fuori questione che ci permettiamo di essere invasi dai veicoli. L'inquinamento combinato con il coronavirus è un cocktail pericoloso ", ha detto Hidalgo.

"So che la maggior parte dei parigini non vuole vedere un ritorno di automobili e inquinamento", afferma il sindaco disse.

Il governo francese ha lanciato un regime di € 20 milioni (INT $ 22 milioni) aumentare il ciclismo man mano che le restrizioni alla pandemia si attenuano, coprendo le riparazioni delle biciclette e le regolazioni fino a € 50 per tutti i meccanici registrati, la formazione per imparare a guidare in sicurezza, l'installazione di parcheggi temporanei per biciclette e gli incentivi monetari per incoraggiare i datori di lavoro a convincere il proprio personale a permuta in bicicletta.

Ancora una volta, i modelli di viaggio favoriscono già l'interruttore: Il 60% dei viaggi effettuati in Francia in tempi "normali" erano meno di 5 chilometri, rendendo le biciclette "una vera soluzione di trasporto", secondo Ministro per la transizione ecologica, Elisabeth Borne.

Bogotá rinforza e accelera la rete ciclistica

Dall'altra parte dell'Atlantico, Bogotá, la capitale della Colombia di 7.4 milioni di persone, già campione della rete ciclistica con 550 chilometri (340 miglia) di piste ciclabili che attraversano la città, sta anche accelerando i piani esistenti per potenziare il ciclismo in risposta alla sua improvvisa popolarità.

A marzo, 22 chilometri (13 miglia) di nuove piste ciclabili sono apparsi durante la notte sulle strade di Bogotà, in gran parte alterando le corsie automobilistiche, parte della sua intenzione di aprire 76 chilometri (47 miglia) di piste ciclabili temporanee per ridurre l'affollamento sui trasporti pubblici e migliorare il trasporto aereo qualità, secondo Smart Cities World.

The Associated Press segnalati che il sindaco Claudia López ha affermato che la città ha dovuto affrontare "una tripla minaccia di cattiva qualità dell'aria, malattie respiratorie stagionali e ora il coronavirus, che potrebbe combinarsi per causare un aumento delle visite al pronto soccorso e il collasso del sistema sanitario".

"Non possiamo resistere a quella pressione", lei si dice che abbia detto ai residenti.

Le città europee espandono gli spazi per ciclisti e pedoni

Altre città hanno dato più spazio a ciclisti e pedoni per facilitare l'allontanamento sicuro tra i residenti.

A Barcellona, ​​noto per il suo entusiasmo per gli esperimenti di urbanismo tattico, il Consiglio Comunale si è impegnato ad ampliare marciapiedi e spazi per i pedoni e creare corridoi di piste ciclabili riconfigurando le strade, mentre in alcune aree le auto saranno limitate a una sola corsia e un massimo velocità di 30 km / h, dice La Vanguardia.

Combinati, i pedoni guadagnano 30,000 metri quadrati di spazio pubblico su 12 chilometri di strade nella città densamente popolata.

"La salute dovrebbe motivare tutte le azioni che svolgiamo d'ora in poi" disse Janet Sanz, vice sindaco dell'urbanistica, presenta le misure insieme al sindaco Ada Colau e al consigliere per la mobilità Rosa Alarcón.

Come Milano e Parigi, anche Bruxelles ha recentemente annunciato creerebbe 40 chilometri di nuove piste ciclabili nella speranza di indurre un minor numero di persone a utilizzare i mezzi pubblici poiché le restrizioni sono allentate nella capitale belga.

Per ora, le azioni di molte città sono considerate misure temporanee, ma in altre, città leader come Pierfrancesco Maran, uno dei vice sindaci di Milano, vedono la possibilità di fare le cose diversamente per la salute a lungo termine.

"Dovremmo accettare che per mesi o forse un anno ci sarà una nuova normalità e dobbiamo creare buone condizioni per vivere questa nuova normalità per tutti", ha ha detto al Guardian.

"Penso che nel prossimo mese a Milano, in Italia, in Europa, decideremo parte del nostro futuro per il prossimo decennio".

Per una panoramica delle misure relative ai trasporti che le città di tutto il mondo stanno adottando durante la pandemia di Covid-19, vedere: COVID-19: Centro di risposta ai trasporti dell'Associazione nazionale dei funzionari del trasporto urbano negli Stati Uniti.