Il Cile accresce l'ambizione dei cambiamenti climatici con obiettivi che migliorano contemporaneamente la qualità dell'aria e la salute: BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Cile / 2020-06-30

Il Cile aumenta l'ambizione dei cambiamenti climatici con obiettivi che migliorano contemporaneamente la qualità dell'aria e la salute:

Il contributo rivisto a livello nazionale rivisto dal Cile si impegna a ridurre le emissioni di carbonio nero del 25% entro il 2030, fornendo importanti benefici per la salute e mitigazione del clima.

Cile
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Questa è una caratteristica a cura di Climate and Clean Air Coalition.

Chile is particularly vulnerable to climate change and is already experiencing climate change impacts, including a long-standing drought in central and southern Chile, which began in 2010.  These impacts are projected to increase in the future, impacting agricultural productivity, forest fires, indigenous communities and biodiversity.

Il presidente del Cile, Sebastian Piñera, riconosce che è necessaria un'azione sostanzialmente più ambiziosa a livello globale per ridurre i gas a effetto serra ed evitare catastrofici cambiamenti climatici, affermando:

“Persino nell'adempiere a tutti gli impegni dell'accordo di Parigi ora, la temperatura supererebbe in modo significativo l'obiettivo stabilito, raggiungendo un aumento di quasi 3.4 gradi, il che è disastroso. Abbiamo bisogno di impegni e misure molto più impegnativi e ambiziosi per limitare al massimo l'aumento della temperatura a 1.5 gradi. "

Nell'aprile 2020, riconoscendo la necessità per tutti i paesi di intraprendere azioni drastiche per mitigare i cambiamenti climatici, il Cile ha presentato il proprio revisione del contributo determinato a livello nazionale (NDC), which outlines their updated commitment to mitigating climate change. Chile’s commitment involves greenhouse gas (GHG) emissions peaking by 2025 at the latest, and then a decrease to emit no more than 95 million tonnes of greenhouse gases by 2030. These medium-term emission pledges are made in the context of a long-term vision and goal of GHG neutrality by 2050.

“We need much more demanding and ambitious commitments and measures to limit temperature rise to 1.5 degrees at most.”
Sebastian Piñera, presidente del Cile

Il Cile si impegna inoltre a ridurre il NDC riveduto carbone nero emissioni del 25% nel 2030 rispetto ai livelli del 2016. Il carbonio nero è un "inquinante climatico di breve durata" (SLCP), cosiddetto perché ha una breve durata atmosferica (da pochi giorni a una settimana) e perché contribuisce direttamente al riscaldamento atmosferico (attraverso l'assorbimento delle radiazioni in entrata e attraverso deposizione su neve e ghiaccio). È anche un inquinante atmosferico pericoloso.

Come componente del particolato fine o PM2.5, il carbonio nero è anche un pericoloso inquinante dell'aria.  Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità PM2.5 è responsabile di circa 7 milioni di morti premature all'anno, di cui cinquemila in Cile nel 2017. Le principali fonti di carbonio nero in Cile sono veicoli diesel, macchine fuoristrada, legna da ardere per riscaldamento e cottura residenziale e biomassa utilizzata come energia fonte nel settore industriale. Questi settori emettono anche altri inquinanti atmosferici, come ossidi di azoto, composti organici volatili, altri particolati e in alcuni casi gas serra come l'anidride carbonica. La riduzione delle emissioni provenienti dalle principali fonti di carbonio nero è quindi una strategia efficace per mitigare contemporaneamente i cambiamenti climatici, ottenendo al contempo qualità dell'aria locale e benefici per la salute.

“Boosting Chile’s climate change commitment, including a target to reduce black carbon highlights the importance of linking local policies with international policies,” said Jenny Mager, Head of mitigation and inventories, Climate Change Office, at Chile’s Ministry of Environment. “Achieving this black carbon target will improve air quality and human health. It will require various actions, including atmospheric decontamination plans, transport regulations, improvement in household energy efficiency; and emission standards for the main industrial polluters.”

Un'analisi completa was conducted to assess Chile’s potential to reduce black carbon across all sources.  It showed that, in 2030, with no new policies implemented, black carbon levels would remain at 2016 levels, and then increase by 30% by 2050. However, a ‘carbon neutrality’ scenario will substantially reduce black carbon emissions, 13% in 2030, and 35% in 2050 compared to 2016 levels. This emphasises the important additional benefits that decarbonisation has for improved air quality.  A second scenario ‘carbon neutrality +’, included additional actions that specifically targeted black carbon sources, which would reduce black carbon emissions even further, up to 75% in 2050, compared to 2016 levels (see Figure 1 below).

“Questi due scenari sono stati sviluppati tenendo conto dei documenti di politica pubblica nazionali e internazionali. La "neutralità del carbonio + scenari" mostra i maggiori vantaggi dell'azione nei settori chiave del carbonio nero, come il teleriscaldamento nel settore residenziale e la riduzione delle emissioni nei macchinari fuoristrada e nei settori industriali ", ha affermato Kevin Basoa dell'Universidad Tecnológica Metropolitana a Santiago, in Cile.

La professoressa Laura Gallardo, Università del Cile, e che ha guidato il lavoro sul carbone nero nella revisione del NDC in Cile, ha dichiarato: "Agire per ridurre il carbone nero fornisce un modo sostenibile per portare aria pulita nelle città del Cile, affrontando contemporaneamente due dei problemi più urgenti del Cile, povertà energetica e disuguaglianza ambientale ".

Per raggiungere gli obiettivi del Cile in termini di GHG e riduzione delle emissioni di carbonio nero, è necessario attuare un'ampia gamma di politiche e misure (vedere la Figura 2 di seguito).

"Abbiamo condotto una valutazione economica delle politiche e delle misure pertinenti nell'ambito del processo di revisione del NDC", ha affermato Jenny Mager. "Ha dimostrato che molte delle azioni in grado di ridurre simultaneamente il carbonio nero e i gas a effetto serra sono state tra le più convenienti".

Esempi di tali azioni comprendono il riscaldamento elettrico nel settore residenziale e il passaggio a combustibili più puliti (elettricità e idrogeno) nel settore dei trasporti.

 

“The updated climate change commitment submitted by Chile is an important milestone as it recognises the additional value of taking action on black carbon alongside ambitious goals to reduce both short-lived and long-lived greenhouse gases and achieving carbon neutrality,” Helena Molin Valdés, Head of the Climate and Clean Air Coalition Secretariat said. “This message has been at the heart of the Climate and Clean Air Coalition since its foundation. We look forward to working with Chile to make their ambition a reality, and encourage all countries revising their NDCs to consider actions that can both maximise local benefits for air quality and provides the ambitious action needed to achieve the Paris Agreement’s goals.”

Il Cile è partner della coalizione per il clima e l'aria pulita dal 2012 e partecipa al programma Coalition's National Planning Initiative (SNAP), che fornisce metodologie e supporto tecnico sugli SLCP e sulla pianificazione integrata dell'inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici. Il sostegno fornito è personalizzato per ciascun paese, che va dalle valutazioni iniziali delle principali fonti di emissione allo sviluppo di piani d'azione nazionali, all'integrazione degli SLCP nei processi di pianificazione dei cambiamenti climatici.