Aggiornamenti di rete / Santiago, Cile / 2021-08-04

Il Cile diventa leader nell'aria pulita:

Da quando ha collaborato con la Climate and Clean Air Coalition, il Cile ha ampliato la sua flotta di autobus elettrici, implementato tasse sugli inquinanti locali e si è impegnato a ridurre le emissioni di carbonio nero.

Santiago, Chile
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 5 verbale

Il governo cileno ha preso un impegno coraggioso nell'aprile del 2020: a ridurre i loro livelli di carbonio nero di un quarto prima della fine del decennio. La risoluzione è stata inclusa nella revisione del contributo determinato a livello nazionale (NDC) del Cile, che ha anche affermato che le emissioni di gas serra del paese raggiungeranno il picco entro il 2025. Includere il black carbon in aggiunta ai loro impegni in materia di gas serra è un risultato significativo che solo altri tre paesi hanno raggiunto.

Il black carbon è una potente forza del cambiamento climatico che rimane nell'atmosfera solo per pochi giorni o settimane. Ciò significa che ridurlo avrà effetti rapidi sul tasso di riscaldamento globale, cruciale nella corsa per mantenere i livelli al di sotto di 1.5 gradi. È anche un componente del particolato fine (PM2.5), un inquinante atmosferico tossico responsabile di alcuni 7 milioni di morti premature in tutto il mondo ogni anno. Ciò significa che la sua riduzione è anche una priorità per la salute globale.

Dal 2015, il Cile ha lavorato a stretto contatto con il Climate and Clean Air Coalition (CCAC) per integrare l'azione su clima e aria pulita. È una strategia che il Cile ha trovato particolarmente efficace perché agire sui due temi insieme migliora i risultati di entrambi e fornisce non solo benefici futuri per il pianeta, ma anche benefici immediati per ciascuno dei suoi cittadini.

"Il cambiamento climatico può sembrare davvero generale e può essere difficile per le persone vedere i modi in cui li influenza, ma quando lo colleghi all'aria pulita e ai suoi effetti diretti sulle persone, vedi come influenza i bambini, come colpisce le persone anziane , puoi vedere l'inquinamento nell'aria e fornire un obiettivo concreto per migliorarlo, quindi puoi davvero convincere le persone", ha affermato Maria Carolina Urmeneta Labarca, capo dell'Ufficio per i cambiamenti climatici del Ministero dell'Ambiente del Cile.

Il Ministero dell'Ambiente e l'azienda elettrica Saesa all'avvio di un impianto di riscaldamento elettrico per una scuola di Osorno. Immagine: Ministero dell'Ambiente, Cile

I contributi del Cile alle emissioni globali sono piccoli, ma deve affrontare alcuni dei peggiori impatti e soddisfa sette dei requisiti dell'UNFCCC nove criteri per la vulnerabilità ai cambiamenti climatici. In Cile, l'inquinamento atmosferico provoca 4,000 morti premature all'anno — oltre un terzo dei decessi per malattie respiratorie — principalmente per gli alti livelli di particolato fine emessi nell'aria dai veicoli e per la combustione di legna per il riscaldamento e la cottura.

"L'inquinamento atmosferico dà un volto umano al cambiamento climatico", ha affermato Marcelo Mena Carrasco, ex ministro cileno dell'Ambiente che, durante il suo periodo come copresidente del CCAC, ha messo in moto gran parte delle azioni del Cile.

Crede che mostrare i chiari benefici per lo sviluppo delle azioni per il clima e l'aria pulita e come possono aiutare a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile aumenterà il sostegno per questo lavoro tra politici e leader del settore.

“L'inquinamento atmosferico consente di vedere il cambiamento climatico attraverso gli occhi dei paesi in via di sviluppo. Molte persone pensano che l'azione per il clima riguardi i pannelli solari e le auto elettriche, ma in realtà riguarda la povertà energetica e la mancanza di elettrificazione”, ha affermato Mena. “Dobbiamo mostrare alla gente che questa agenda per combattere il cambiamento climatico ci consente di avere più elettrificazione del riscaldamento e dei trasporti, che consentirà a più persone di connettersi, farà uscire carburante sporco dalle nostre case e aiuterà a fermare il pervasivo negativo effetti sulla salute delle donne dalla cottura sul fuoco all'interno delle loro case”.

Neutralità del carbonio in Cile aumenterebbe l'elettrificazione del trasporto terrestre dal 2020% nel 61 al 2050% nel 23 e porterebbe l'industria dal 38% al XNUMX% nello stesso periodo.

I politici e i leader del settore sono stati spinti a sostenere l'azione perché l'investimento iniziale nella mitigazione degli inquinanti climatici di breve durata si ripaga da solo a lungo termine attraverso risparmi sanitari e uno sviluppo rapido.

Marcello Mena Carrasco
Marcelo Mena Carrasco, ex ministro cileno dell'Ambiente, ha messo in moto gran parte delle azioni del Cile durante il suo periodo come copresidente del CCAC.

“Questo lavoro è conveniente per il Cile perché è un'opportunità. Abbiamo una grande opportunità per crescere, per migliorare la qualità della vita e per avere buone opportunità economiche”, ha detto Urmeneta. “Richiede un investimento, ovviamente, ma i risparmi saranno molto maggiori rispetto a se continuiamo a fare quello che stiamo facendo. Questo è stato davvero un messaggio chiave".

La ricerca ha trovato che il costo marginale della riduzione delle emissioni di carbonio in Cile diminuirebbe se si intervenisse sull'inquinamento atmosferico. Ciò include interventi come aumentare il numero di veicoli elettrici e migliorare il riscaldamento e il raffreddamento delle case. In effetti, i benefici economici e sociali di un migliore riscaldamento e raffreddamento domestico farebbero risparmiare oltre $ 1,000 per tonnellata di CO2 ridotta.

Agire insieme su clima e aria pulita moltiplica anche i benefici sociali. La ricerca mostra che i benefici per i cileni, come l'elettrificazione e il miglioramento della salute, potrebbero aumentare di cinque volte integrando le azioni.

Questi argomenti hanno contribuito a sostenere l'azione, ma il paese aveva anche bisogno di dati e prove per prendere decisioni con sicurezza su quali settori mirare, rispondendo a domande come: quali settori emettono più carbonio nero? Quanto potrebbe realisticamente ridurre ciascun settore? Quali azioni porterebbero i maggiori benefici?

"Avevamo un'agenda molto ambiziosa sull'inquinamento atmosferico, ma avevamo dei limiti sulle informazioni necessarie per adempiere davvero a questo mandato", ha affermato Mena. "Il CCAC è stato davvero determinante nell'aumentare la nostra capacità di sviluppare inventari delle emissioni di carbonio nero e misure di mitigazione e nell'aiutarci a vedere le sinergie nelle politiche che puliscono l'aria e riducono il cambiamento climatico".

Il CCAC ha aiutato il Cile a identificare le aree prioritarie di maggior impatto. Ciò includeva lo sviluppo di regolamenti per il trasporto pubblico e privato, la collaborazione con le comunità per migliorare l'efficienza energetica delle famiglie e la definizione di standard di emissioni e qualità dell'aria per i principali emettitori industriali.

Mena afferma che alcune delle conoscenze istituzionali dei modi semplici ed economici per ridurre le emissioni, dal modo in cui la produzione di forni per mattoni più pulita aumenta la produttività e crea un prodotto di migliore qualità riducendo anche l'inquinamento, ai semplici filtri che possono essere montati sui veicoli pesanti per ridurre drasticamente le loro emissioni, grazie al supporto del CCAC.

“Il CCAC ha posto questo problema all'ordine del giorno ai massimi livelli, quindi quando ti rivolgi a politici e leader del settore per intraprendere un'azione sugli inquinanti climatici di breve durata ha senso per loro e sono pronti ad ascoltare perché il CCAC ha già iniziato questa conversazione ", ha detto Urmeneta. "Ci hanno aiutato a sviluppare gli studi e a ottenere le informazioni di cui avevamo bisogno per il nostro NDC rivisto, e questa combinazione è il motivo per cui abbiamo questo impegno".

La flotta di autobus elettrici di Santiago
La flotta di autobus elettrici di Santiago

Tutto questo lavoro ha catalizzato progressi significativi, compresa l'attuazione di una serie di tasse sull'inquinamento che integrano l'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico. Ciò include un disegno di legge di riforma fiscale generale del 2017 che tassava per tonnellata di anidride carbonica equivalente e una tassa sull'inquinamento locale che si rivolge agli inquinanti locali in base alla quantità di danni ambientali che causano e una tassa automobilistica basata sulle emissioni previste di ciascuna auto. Nel complesso, queste tasse hanno ridotto le emissioni di particolato dell'80 per cento nel settore energetico e del 95 per cento nel settore agroindustriale.

La capitale del Cile, Santiago, era anche un leader di punta di BreatheLife, una campagna CCAC che integra la salute pubblica e il cambiamento climatico per migliorare l'inquinamento atmosferico e ulteriori obiettivi di sviluppo. Il programma Santiago Respira ha aggiornato i sistemi di riscaldamento della città, la flotta di trasporto di massa e la gestione dei rifiuti sanitari. Queste attività, insieme ad altri 14 programmi di controllo dell'inquinamento, hanno ridotto le visite al pronto soccorso nazionale di 500,000, un calo del 17%.

Il Cile è anche un pioniere regionale per quanto riguarda gli standard sulle emissioni dei veicoli. Nel 2018, Santiago è diventata la prima città dell'America Latina ad adottare gli standard sulle emissioni Euro VI per il suo sistema di trasporto pubblico. Questo ha posto le basi per le flotte di autobus elettrici. Entro il 2020, Santiago aveva oltre 400 autobus elettrici e entro il 2035 mirano a essere completamente elettrici. Come risultato di questo lavoro, le emissioni di particolato di Santiago sono diminuite del 27.6%.

"Quando sei un paese in via di sviluppo, può essere difficile vedere cosa significa avere obiettivi climatici ambiziosi", ha detto Mena. "La maggior parte dei paesi in via di sviluppo vede il cambiamento climatico come qualcosa causato da grandi emettitori e non pensa che i loro sforzi saranno ciò che muove l'ago".

“Concentrarsi sull'inquinamento atmosferico è una narrativa molto più forte perché c'è molto in essa per i paesi in via di sviluppo. L'aria più pulita riduce la mortalità prematura e aumenta immediatamente la produttività. Allo stesso tempo, si basa su sinergie che ti consentono di fare cose che non avresti fatto altrimenti, se avessi agito su clima e aria pulita separatamente”.