Oltre un secolo di politiche e ricerche sull'inquinamento atmosferico dell'India ora disponibili nel nuovo repository online - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Delhi, India / 2019-11-13

Oltre un secolo di politiche e ricerche sull'inquinamento atmosferico in India sono ora disponibili nel nuovo repository online:

Per la prima volta, i politici e il pubblico hanno un facile accesso online a oltre un secolo di ricerche e politiche indiane sull'inquinamento atmosferico

Delhi, India
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

“Il fumo denso pende basso, nel freddo del mattino, sopra un oceano di tetti e, mentre la città si sveglia, sale al fumo un boom profondo e pieno di vita, movimento e umanità. Per questo motivo chi vede Calcutta per la prima volta pende gioiosamente fuori dalla ticca gharri e annusa il fumo, e gira la faccia verso il tumulto, dicendo: 'Questa è, finalmente, una parte della mia eredità restituita a me. Questa è una città Qui c'è vita e dovrebbero esserci cose piacevoli per l'avere, attraverso il fiume e sotto il fumo. ""

Sede della "terribile notte" di Rudyard Kipling, sede del potere dell'Impero britannico in India, e il retaggio duraturo di Madre Teresa, Calcutta, quando ancora si chiamava così, è anche accreditato per una distinzione meno conosciuta: era la sede della prima aria dell'India legge sulla qualità.

Passato in 1905, 17 anni dopo che Rudyard Kipling scrisse quelle parole evocative, fu chiamato il Legge del fastidio del fumo del Bengalae ha ispirato diversi atti legislativi nei decenni successivi.

Quindi, i funzionari hanno usato le polveri e la carta di Ringelmann per studiare il pennacchio dalle pile di fumo e dedurre i livelli di inquinamento, ma dagli 1970, è diventato chiaro per i politici e i ricercatori che l'inquinamento dell'aria e i suoi impatti avevano bisogno di ricerche scientifiche.

Entra nel Bhabha Atomic Research Center (BARC), nel Central Public Health Engineering Research Institute (CPHERI) e nel National Productivity Council (NPC), a cui, in 1970, è stato assegnato il compito di creare e produrre apparecchiature di monitoraggio dell'inquinamento atmosferico.

Mentre gli studi sono stati condotti già negli 1950 da vari ricercatori chiave in India, è stato negli 1970 che seminari ed eventi per discutere i mali dell'inquinamento atmosferico sono iniziati sul serio e i ricercatori hanno prodotto una vera serie di studi sulla qualità dell'aria, tra cui BARC PK Zutshi, autore di "Prospettiva sui problemi attuali dell'inquinamento atmosferico" per suscitare interesse e comprensione della natura, degli effetti e dei problemi dell'inquinamento atmosferico e per aiutare a sviluppare un piano d'azione per combattere le terribili conseguenze dell'inquinamento atmosferico nel paese.

Ora, quel patrimonio - e altro - è stato catturato, digitalizzato e reso facilmente accessibile dal Consiglio di ricerca scientifica e industriale (CSIR) - National Environmental Engineering Research Institute (NEERI), il nuovo nome dell'Istituto centrale di ricerca di ingegneria sanitaria pubblica.

La scorsa settimana NEERI ha lanciato il Interactive Repository degli studi sulla qualità dell'aria indiana, o IndAIR, il primo repository web del paese che archivia circa 700 scannerizzati dall'era pre-internet (1950-1999), nonché articoli di ricerca 1,215, rapporti 170 e case study, 100 casi e oltre gli statuti 2,000, che forniscono la storia della ricerca e della legislazione sull'inquinamento atmosferico nel paese.

È uno dei primi nel suo genere, secondo il Senior Program and Science Officer della Climate & Clean Air Coalition, Valentin Foltescu, che ha descritto il repository come "davvero unico al mondo", con "pochi paesi" in possesso di tale biblioteca di studi sull'inquinamento atmosferico.

"Mentre il sito web ci consentirebbe di ottenere informazioni sulle ragioni dell'inquinamento atmosferico e sugli sforzi che sono stati fatti per affrontare tali problemi in passato, si prevede che sarà anche una piattaforma utile per la comunità scientifica per condividere il suo lavoro attuale e per scambiare idee ", ha dichiarato Sh SPS Parihar, presidente della commissione centrale per il controllo dell'inquinamento in India.

Il suo tempismo è impeccabile: l'inquinamento atmosferico è ora tra le principali cause di morte e malattie non trasmissibili e gli scienziati hanno scoperto quanto sia pervasivo il suo danno al corpo umano dal grembo materno alla tomba, attraverso quelli che ora sono più di 70,000 scientific documenti sugli impatti dell'inquinamento atmosferico sulla salute.

In tutto il mondo 9 nelle persone 10 respira aria sporca, che raccoglie un bilancio delle vittime premature di 7 milioni di persone, ma Esistono soluzioni scientificamente provate, così come stretti legami tra miglioramento della qualità dell'aria e mitigazione dei cambiamenti climatici, dando sempre più governi, da quelli subnazionali a quelli nazionali, gli strumenti e l'impulso per agire.

Mentre Delhi combatte la qualità dell'aria malsana cronica e l'inquinamento atmosferico a livello di emergenza stagionale, e Le città indiane occupano una buona percentuale delle migliori città 10 più inquinate al mondo, le autorità e la comunità scientifica dell'evento di lancio hanno dato il benvenuto al repository.

“A loro merito, gli scienziati di NEERI sono stati in grado di evidenziare le sfide che devono affrontare le città, le città e gli spazi rurali in India al momento. Che si tratti di gestire le acque reflue, trattare i rifiuti solidi e trovare una soluzione al problema dell'inquinamento atmosferico, i loro studi non solo hanno aiutato molto a mettere in mostra i problemi esistenti, ma anche a far luce su ciò che può essere fatto per risolvere loro ", ha detto Parihar.

Il programma nazionale per l'aria pulita in India (NCAP), lanciato nel gennaio di quest'anno per prevenire, controllare e ridurre l'inquinamento atmosferico, enfatizza le azioni della città, richiedendo lo sviluppo di piani d'azione specifici per città per tutte le città 122 che superano gli standard nazionali di qualità dell'aria e ha un “concentrarsi su azioni coordinate a livello di città, stato e regione, elaborazione di politiche basate sull'evidenza, sensibilizzazione del pubblico e responsabilità".

Rappresenta la prima volta che il governo ha inserito nella legislazione un obiettivo a tempo determinato per l'inquinamento da particolato, ma, come dimostra il repository, l'NCAP fa parte di una tradizione di lunga data.

“Sebbene le attività di controllo dell'inquinamento atmosferico in India risalgano a 1900, una spinta maggiore è stata data dopo 1981, in cui la legge sull'inquinamento atmosferico è stata emanata dal Parlamento. Il CPCB ha emanato lo standard di qualità dell'aria ambiente quell'anno e l'attuale programma nazionale per l'aria pulita è una derivazione dei principi della legge sull'aria ", ha dichiarato Nidhi Khare, segretario congiunto, ministero dell'Ambiente, foreste e cambiamenti climatici.

Produrre il repository IndAIR non è stato facile: ci sono voluti persone 22 e 11 mesi per dargli forma. Il lavoro comprendeva l'acquisizione di materiale archiviato da varie istituzioni in tutto il paese, la ricerca di studi disponibili oltre il dominio Internet, lo sviluppo del sito Web e il colloquio di esperti in tutta l'India.

“Sebbene l'inquinamento atmosferico sia una delle questioni più ampiamente deliberate, in India non si sa molto riguardo alle statistiche o alla storia. La convinzione generale è che non si sta facendo molto per affrontare il problema. Abbiamo iniziato IndAIR con l'intento di documentare importanti traguardi nel Paese e renderli disponibili al pubblico ", ha dichiarato il direttore di NEERI, il dott. Rakesh Kumar.

"La nostra speranza è che non solo aiuterà gli accademici a comprendere meglio la questione, ma consentirà anche ai responsabili politici di elaborare normative che incoraggino lo sviluppo", ha affermato.

Tale quadro si basa su una storia di 114 lunga un anno di sforzi per comprendere e salvaguardare la qualità dell'aria dell'India e, mentre il paese inizia a implementare l'NCAP e ad affrontare la sua complessa sfida dell'inquinamento atmosferico, continua quell'eredità.

Foto banner dal Wikimedia Commons.