Aggiornamenti di rete / In tutto il mondo / 2021-12-06

Il CCAC lancia progetti per combattere gli inquinanti climatici di breve durata:

www.era.com
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 6 verbale

La Climate and Clean Air Coalition (CCAC) ha selezionato cinque progetti dopo un invito a presentare proposte aperto e competitivo come parte del programma della Coalizione Programma d'azione per affrontare la sfida 1.5˚C. La scienza è chiara: il riscaldamento deve essere rallentato il più rapidamente possibile per evitare gli effetti più catastrofici del cambiamento climatico e per farlo è necessario che ogni paese adotti subito un'azione ambiziosa sugli inquinanti climatici di breve durata (SLCP). Il programma d'azione della coalizione sta aprendo la strada, aiutando i paesi a migliorare l'ambizione e sostenere gli obiettivi dell'accordo di Parigi agendo rapidamente per ridurre questi inquinanti.

Piano d'azione dell'India sulla riduzione degli inquinanti climatici di breve durata

Dei 2.4 milioni di morti premature e dei 52 milioni di tonnellate di perdita di raccolto che potrebbe essere evitato in tutto il mondo con la mitigazione dell'SLCP, il 33% e il 19% sarebbero solo in India.

In collaborazione con la Climate and Clean Air Coalition (CCAC), il paese svilupperà il Piano d'azione indiano sulla riduzione degli inquinanti climatici di breve durata, che identificherà le fonti primarie di SLCP emissioni, sviluppare analisi e proiezioni per i migliori percorsi di mitigazione, sviluppare percorsi specifici per settore e valutare i benefici sanitari e socioeconomici della mitigazione.

"Una maggiore implementazione delle misure di mitigazione SLCP nel paese fornirebbe una grande opportunità per ottenere benefici per la salute, la resa delle colture e il cambiamento climatico", ha affermato il dott. N. Hema, ricercatore presso il Center for Climate Change presso il Istituto di ricerca politica e gestione ambientale (EMPRI). “L'India ha una notevole capacità di pianificazione sull'inquinamento atmosferico e sui cambiamenti climatici e sta intraprendendo azioni a livello nazionale, statale e comunale per migliorare l'inquinamento atmosferico e mitigare i cambiamenti climatici. Tuttavia, questo viene per lo più implementato in strategie separate e questa è un'opportunità per sviluppare una valutazione principale di punta per affrontare le future emissioni di SLCP e sviluppare percorsi per l'azione più rapida possibile".

Questo progetto, che durerà dal 2022 al 2023, sosterrà la definizione delle politiche dell'India e svilupperà la capacità del paese di prevenire l'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico. Si baserà sui risultati esistenti in materia di clima e aria pulita, compresi quelli dell'India Programma nazionale per l'aria pulita (NCAP), una strategia per combattere l'inquinamento atmosferico riducendo le concentrazioni di particolato dal 20 al 30% entro il 2024.

Il progetto sarà realizzato in collaborazione con EMPRI, Karnataka e the Ministero dell'Ambiente, delle Foreste e dei Cambiamenti Climatici, Governo dell'India. Utilizzerà le risorse CCAC, incluso il Strumento per il percorso della temperatura CCAC e la Valutazione globale del metano determinare i migliori scenari di emissioni, nonché identificare i benefici della mitigazione per la salute, l'agricoltura e la produttività del lavoro. Questo lavoro si allineerà con le politiche esistenti in India per il clima e l'aria pulita, tra cui l'NCAP, il Piano d'azione nazionale sui cambiamenti climatici (NAPCC), i piani d'azione degli Stati sui cambiamenti climatici (SAPCC), i contributi determinati nazionali (NDC) e l'azione di raffreddamento dell'India. Piano (ICAP).

Aumentare l'attuazione delle azioni per raggiungere gli obiettivi SLCP della Nigeria

Questo progetto garantirà alla Nigeria il sostegno e la capacità per raggiungere la sua recente serie di impegni audaci in materia di clima e aria pulita. Nel 2019, la Nigeria ha approvato il suo Piano d'azione nazionale sugli SLCP, individuando 22 azioni di mitigazione per ridurre il black carbon di circa l'80% e il metano del 60%. Nel 2021, il paese ha presentato la sua aggiornato NDC all'UNFCCC, aumentando la sua ambizione di mitigazione includendo gli SLCP. Ciò ridurrà il black carbon del 42% e il metano del 28% entro il 2030, se pienamente attuato, eviterà potenzialmente 30,000 morti per inquinamento atmosferico, la maggior parte dei quali sarebbero morti infantili.

"Mitigare gli SLCP in Nigeria è importante per soddisfare sia gli impegni internazionali della Nigeria sui cambiamenti climatici, sia per migliorare la salute dei nigeriani attraverso il miglioramento della qualità dell'aria", ha affermato Chris Malley, ricercatore presso lo Stockholm Environment Institute presso l'Università di York. “Il carico sanitario dell'inquinamento atmosferico non si riduce allo stesso modo in Nigeria e colpisce in modo sproporzionato i bambini. Secondo il Global Burden of Disease, si stima che quasi il 20% della mortalità infantile globale dovuta all'esposizione all'inquinamento atmosferico avvenga in Nigeria. Pertanto, i progetti che possono ridurre gli SLCP in Nigeria andranno a beneficio in modo sproporzionato dei bambini nigeriani”.

Questo progetto aiuterà la Nigeria a integrare gli SLCP nei propri sistemi di monitoraggio, comunicazione e verifica dei cambiamenti climatici (MRV), incluso il Nigeria Climate Registry. Faciliterà inoltre il coordinamento tra le agenzie governative e svilupperà una valutazione dettagliata e un piano di attuazione per il settore energetico domestico che includerà percorsi di mitigazione locali e una valutazione dell'impatto sulla salute.

Questo lavoro sarà realizzato con l'assunzione di un coordinatore nazionale per sovrintendere all'attuazione degli obiettivi SLCP, migliorando i sistemi MRV in Nigeria e sviluppando un piano di attuazione per il lavoro del paese nell'energia domestica.

Il contributo dell'intensificazione sostenibile del bestiame alla riduzione delle emissioni di metano (in America centrale)

Il bestiame occupa il 20% della terra a Panama e il 25% nella Repubblica Dominicana. Molte di queste mandrie sono a bassa produttività a causa di mangimi, malattie e pratiche di riproduzione scadenti, il che significa che la produzione di carne e latticini è troppo bassa e le emissioni di metano sono troppo alte.

Questo progetto aiuterà, mappando gli allevamenti di bestiame a Panama e nella Repubblica Dominicana, a identificare le regioni con la più alta concentrazione di bestiame, il livello di innovazione tecnologica in ciascuna regione e l'ubicazione delle più alte concentrazioni di metano.

“I co-benefici che questo progetto otterrà includono una maggiore resilienza degli allevamenti da una migliore conservazione degli alberi, un reddito più elevato per le famiglie rurali, una maggiore qualità di beni e servizi, uno sviluppo completo dei territori agricoli, il rafforzamento delle organizzazioni di produttori, migliori catene di valore per le attività commerciali di beni e servizi e una maggiore parità di genere", ha affermato Cristobal Villanueva del Centro di ricerca e insegnamento dell'agricoltura tropicale (CATIE) in Costarica. "I vantaggi per i cittadini includeranno l'istruzione, la consapevolezza del contributo dei consumatori alla mitigazione dell'SLCP e il miglioramento della salute pubblica".

Il progetto aiuterà le aziende agricole a sviluppare modelli di business rilevanti e ad accedere a opzioni di finanziamento per il clima. Svilupperà un programma di formazione per aiutare gli agricoltori a utilizzare pratiche di allevamento che riducono le emissioni di metano aumentando al contempo il reddito e migliorando la resilienza agli impatti dei cambiamenti climatici. Il progetto sarà collegato con input tecnici attraverso il SICA (sistema di integrazione centroamericano) allo sviluppo di strategie zootecniche a basse emissioni di carbonio con particolare attenzione al metano.

Accelerare le azioni per migliorare la gestione dei rifiuti organici e ridurre il metano in Costa Rica

Per trasformare il settore dei rifiuti in Costa Rica e ridurre le emissioni di metano, questo progetto identificherà progetti finanziabili e meccanismi di finanziamento sviluppando studi di fattibilità e modelli di business. Ciò includerà l'identificazione e la promozione di opportunità commerciali settoriali, compresa la produzione di fertilizzanti dai rifiuti e la cattura delle emissioni dalle discariche da utilizzare come carburante.

"Questa iniziativa contribuirà a rendere visibile che l'investimento finanziario in progetti di mitigazione è redditizio e socialmente responsabile", ​​ha affermato Daira Gómez, direttore esecutivo del partner di attuazione CEGESTI. “Il progetto consentirà agli imprenditori e alle amministrazioni locali di rafforzare i modelli di business per renderli bancabili e gli enti finanziari avranno l'opportunità di avere una visione più ravvicinata delle interessanti opportunità di investimento legate alla mitigazione dei cambiamenti climatici”.

Questo progetto promuoverà anche il dialogo tra le principali parti interessate, inclusi il governo e il settore privato.

Questo lavoro si baserà sul forte quadro ambientale del Costa Rica, compreso il suo Piano Nazionale di Decarbonizzazione, il NAMA 2020 sui Rifiuti Solidi e il Piano Nazionale sul Compostaggio. Lo sviluppo di un modello di business per progetti di recupero dei rifiuti organici e la creazione di alleanze pubblico privato e l'identificazione di meccanismi finanziari aumenterà anche la capacità dei governi nazionali e locali.

"Siamo estremamente lieti di far parte di questa iniziativa e portare sul tavolo l'esperienza di altri paesi della regione in cui CCAC ha già promosso con successo la gestione dei rifiuti organici", ha affermato Gerardo Canales, Direttore del partner di attuazione ImplementazioneSur. “In un momento in cui dobbiamo agire con estrema urgenza per prevenire il più possibile la crisi climatica, l'utilizzo delle conoscenze e delle reti esistenti sulla gestione dei rifiuti organici nella regione può aiutare il Costa Rica a muoversi più velocemente e, si spera, anche motivare i paesi vicini a unirsi a questi sforzi”.

Migliorare e favorire l'ambizione climatica per la gestione SLCP in Pakistan

L'Asia meridionale ha uno dei peggiori livelli di inquinamento atmosferico del mondo, con il bilancio delle vittime nel 2017 che ha raggiunto circa 128,000 persone nel solo Pakistan. Il Pakistan condurrà una valutazione delle capacità e dei bisogni sulla tecnologia e le risorse richieste da ciascuna provincia per effettuare la mitigazione SLCP rilevante a livello locale.

“L'indice di qualità dell'aria di Lahore è attualmente 27 volte superiore alla linea guida dell'OMS sulle 24 ore e 83 volte superiore alla raccomandazione annuale. Attualmente in una stazione, il valore è ben 174 volte quello delle linee guida dell'OMS. Ora indossiamo maschere per il viso N-95 all'interno delle nostre case", ha affermato il dott. Aazir Khan, direttore del Centro di eccellenza di ingegneria integrata presso L'Università di Lahore. "Gli impatti sulla salute di questa pericolosa qualità dell'aria sono visibili: occhi gonfi, tosse, mal di testa incessanti e problemi generali di benessere richiedono un approccio aggressivo alla riduzione dell'inquinamento atmosferico".

Questo progetto si svilupperà in Pakistan lavoro esistente con il CCAC sviluppare una base di riferimento per le emissioni di carbonio nero mappando le parti interessate chiave e individuando lacune e opportunità e identificando punti importanti per l'azione futura. Con queste informazioni, il Pakistan svilupperà piani d'azione locali, una serie di tabelle di marcia, strategie di comunicazione e obiettivi specifici del settore. Questo lavoro culminerà in un obiettivo nazionale di riduzione degli SLCP in Pakistan e nella futura inclusione dell'abbattimento degli SLCP negli NDC del paese.

"Con un quinto della popolazione mondiale che vive in Asia meridionale, è essenziale combattere questo problema che sta mettendo in pericolo la vita dei cittadini e causando danni economici irreparabili a lungo termine", ha affermato Khan.