"Lo chiamiamo cambiamento climatico. È più simile a una crisi sanitaria globale" - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Ginevra, Svizzera / 2019-12-30

“Lo chiamiamo cambiamento climatico. È più come una crisi sanitaria globale ”:

Come l'inquinamento che lo provoca, il cambiamento climatico non osserva i confini nazionali; non salva i suoi effetti solo per coloro che inquinano, afferma la dott.ssa Maria Neira dell'Organizzazione mondiale della sanità.

Ginevra, Svizzera
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Questo commento è della dott.ssa Maria Neira, direttore dell'Organizzazione mondiale della sanità, sanità pubblica, determinanti ambientali e sociali della salute. È apparso per la prima volta su Project Syndicate.

GINEVRA - Anche la crisi climatica è una crisi sanitaria. Le stesse emissioni che causano il riscaldamento globale sono in gran parte responsabili dell'inquinamento dell'aria che respiriamo, causando malattie cardiache, ictus, cancro ai polmoni e infezioni, e colpisce ogni organo nei nostri corpi. L'inquinamento atmosferico è il nuovo tabacco che causa tante morti quante fanno le sigarette. E sebbene ci minacci tutti, i bambini, gli anziani, le donne in gravidanza e gli adulti con sistema immunitario indebolito sono i più a rischio.

È ormai risaputo che fumare tabacco danneggia gravemente te e le persone che ti circondano. Ecco perché le campagne pubblicitarie e di lobby dell'industria del tabacco sono state rigorosamente regolamentato Intorno al mondo. A livello globale, abbiamo preso provvedimenti per salvaguardare le politiche sanitarie esistenti e per costringere queste aziende a dire la verità: che il loro prodotto uccide.

Eppure, la nostra reazione è molto diversa quando apprendiamo che l'inquinamento atmosferico e i cambiamenti climatici causati dai combustibili fossili sono altrettanto mortali. Dove sono le politiche per impedire all'industria dei combustibili fossili di fare pressioni sui governi o per porre fine al $370 miliardi in sussidi generati ogni anno da compagnie di carbone, petrolio e gas? Perché stiamo ancora pagando un prodotto che ci sta uccidendo?

Come per la forte risposta del mondo al tabacco, la fine dell'uso dannoso di combustibili fossili richiederà un aumento degli attuali interventi politici e degli sforzi di mobilitazione sociale. Fortunatamente, alcune organizzazioni finanziarie multilaterali hanno già riconosciuto l'opportunità che tale cambiamento rappresenta. Di recente, la Banca europea per gli investimenti ha annunciato che avrebbe messo fine a tutti i suoi finanziamenti per progetti di combustibili fossili senza sosta e avrebbe usato la sua posizione per incanalare il capitale pubblico e privato verso le energie rinnovabili.

La scelta tra l'eliminazione graduale dei combustibili fossili e il proseguimento del percorso attuale è in bianco e nero: è una questione di vita o di morte. O decideremo di impedire sette milioni morti premature all'anno pulendo la nostra aria e fornendo alle persone fonti di energia pulita, altrimenti non lo faremo. O decideremo di impedire quattro milioni casi di asma infantile all'anno dovuti ai fumi del traffico, altrimenti non lo faremo. In ogni caso, il salute per tutta la vita di un bambino nato oggi sarà profondamente influenzato dalle decisioni che prendiamo sui cambiamenti climatici ora e negli anni a venire. Questo è il motivo per cui l'Organizzazione mondiale della sanità ha reso i cambiamenti climatici un organo istituzionale di alto livello priorità.

I cambiamenti climatici dovrebbero essere una priorità per tutte le imprese, i governi e anche le organizzazioni multilaterali. Mantenere la questione in cima all'ordine del giorno fornisce la motivazione necessaria per fare scelte difficili. Agendo ora per ridurre le emissioni di biossido di carbonio e limitare il riscaldamento globale a non più di 1.5 ° C rispetto al livello preindustriale, non solo garantiremmo che il nostro pianeta rimanga ospitale per le generazioni future; potremmo anche salvare almeno un milione vive all'anno, secondo le stime dell'OMS.

Inoltre, in paesi come gli Stati Uniti e il Regno Unito, l'eliminazione dell'inquinamento atmosferico salverebbe l'economia 4% del PIL all'anno in costi di assistenza sanitaria evitati. In Cina e India, ridurre le emissioni abbastanza da limitare il riscaldamento globale a 1.5 ° C sarebbe più che pagare per se stesso nella contabilizzazione delle prestazioni sanitarie connesse. Allo stesso modo, trasformando il nostro cibo e sistemi di trasporto salverebbe ancora più vite, fornendo diete più sane e incoraggiando più attività fisica, il tutto purificando l'aria e stabilizzando il clima.

il colore del pollice diritto umano verso una vita sana e un futuro sostenibile viene sempre più applicato attraverso sistemi giuridici e i funzionari che non rispettano questi diritti vengono ritenuti responsabili. In Francia, ad esempio, un tribunale ha riscontrato che il governo non aveva fatto abbastanza per farlo limitare l'inquinamento atmosferico intorno a Parigie in Indonesia, i residenti di Jakarta allo stesso modo intrapreso un'azione legale contro il governo a causa dell'inquinamento atmosferico.

All'Assemblea generale delle Nazioni Unite di quest'anno, molti governi hanno risposto a quelli dell'OMS chiamata raggiungere "una qualità dell'aria sicura per i cittadini e allineare le politiche sui cambiamenti climatici e sull'inquinamento atmosferico entro il 2030". Ciò rappresenta un primo passo incoraggiante. Ora, molti dei paesi con il maggiore onere per la salute derivante dall'inquinamento atmosferico devono eliminare gradualmente le loro fonti energetiche a più alto inquinamento.

All'OMS, continueremo a spingere per agire su questi temi, collaborando con altri che fanno lo stesso. Il 7 dicembre, durante la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP25) a Madrid, l'OMS e la Global Climate and Health Alliance riuniranno un giorno vertice sul clima e sulla salute, consentendo ai rappresentanti della società civile, del settore sanitario e di tutte le altre parti interessate di puntare i riflettori su questo aspetto critico.

Come l'inquinamento che lo provoca, il cambiamento climatico non osserva i confini nazionali; non salva i suoi effetti solo per coloro che inquinano. Al contrario, la disuguaglianza è una caratteristica chiave della crisi climatica: i meno responsabili del problema - i bambini, le comunità svantaggiate e il Sud del mondo - devono sostenere una quota sproporzionata dell'onere sanitario.

Il nuovo sondaggio globale dell'OMS, per essere lanciato alla COP25, mostra che molti paesi sono altamente esposti, vulnerabili e non supportati nell'affrontare i rischi per la salute derivanti dai cambiamenti climatici e dall'inquinamento atmosferico. È chiaro che abbiamo bisogno di una risposta internazionale e giusta a questa crescente tensione per la salute pubblica. Gli sforzi futuri devono riflettere i costi reali della nostra economia basata sui combustibili fossili e aiutare le persone più colpite.

Per raggiungere questo obiettivo, avremo bisogno di tutti i firmatari dell'accordo sul clima di Parigi per rafforzare i loro piani climatici nazionali entro il 2020. Inoltre, dobbiamo stabilire meccanismi nuovi e solidi per proteggere le persone più vulnerabili e aiutare le comunità ad adattarsi alle realtà dei cambiamenti climatici. La salute deve essere al centro dei nostri impegni di Parigi. L'inquinamento che sta soffocando la nostra aria e riscaldando il nostro pianeta si sta accumulando da generazioni. Non possiamo permetterci di impiegare così tanto tempo per risolvere il problema.

Foto di banner dell'UNICEF