BreatheLife accoglie la prima grande città indiana, Bangalore - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Bengaluru, India / 2019-03-16

BreatheLife dà il benvenuto alla prima grande città indiana, Bengaluru:

I piani di Bengaluru per migliorare la qualità dell'aria includono la promozione di veicoli elettrici e infrastrutture, una migliore segregazione dei rifiuti e la definizione di priorità per ciclisti e pedoni

Bengaluru, India
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Bengaluru, conosciuta in tutto il mondo come capitale dell'Information Technology in India, è diventata la prima città indiana ad aderire alla campagna BreatheLife.

Con questa mossa, questa megalopoli di 8.4 milioni di persone si impegna a ridurre l'inquinamento atmosferico (compresi gli agenti inquinanti del clima) in settori chiave come il trasporto, i rifiuti solidi urbani, l'industria e la produzione di energia.

Bengaluru è la seconda metropoli principale in più rapida crescita in India e una delle sue forze lavoro più istruite, ospita 40 per cento dell'industria IT del paese, giganti IT internazionali e il maggior numero di startup high-tech in qualsiasi città indiana.

La crescita della città significa che deve affrontare diverse sfide tipiche della rapida espansione urbana, tra cui congestione del traffico, infrastrutture sostenibili e pianificazione dei trasporti e gestione dei rifiuti urbani pulita.

Nell'affrontarli, Bengaluru sta vivendo la sua reputazione dinamica e lungimirante nel suo approccio allo sviluppo e al controllo della qualità dell'aria: produrre la prima strategia per veicoli elettrici nel paese, separando 50 per cento dei suoi rifiuti solidi, fornendo pedoni e i ciclisti hanno maggiore priorità, espandono il loro sistema di metropolitana e lavorano su un piano generale che guiderà lo sviluppo e l'espansione della città.

"Vorrei impegnare il nostro pieno sostegno e sostenere gli obiettivi di BreatheLife, concentrando in particolare i nostri sforzi sugli effetti mitiganti dell'inquinamento atmosferico nella nostra città attraverso il miglioramento della gestione dei rifiuti solidi e la promozione di energia pulita", ha dichiarato il sindaco di Bangalore Gangambike Mallikarjun, presentando i risultati di Bengaluru unendo la lettera alla campagna.

"Con l'aiuto e il sostegno del governo centrale, del governo dello Stato e di altri dipartimenti, insieme alla partecipazione pubblica, Bruhat Bengaluru Mahanagar Palike promette di fare del suo meglio per raggiungere gli obiettivi di BreatheLife", ha continuato il sindaco.

Sindaco di Bangalore Gangambike Mallikarjun introduce Bengaluru a BreatheLife e delinea l'azione che la mega-crescita in rapida crescita sta prendendo per la qualità dell'aria

L'azione per ridurre l'inquinamento atmosferico dovuto al traffico include il potenziamento del numero di autobus elettrici e "senza fuliggine" sulla strada insieme al numero di stazioni di ricarica per veicoli elettrici e alla creazione o all'espansione di sistemi a piedi e in bicicletta, sforzi che si imminente salto nelle norme nazionali sulle emissioni dei veicoli e dei carburanti a Bharat Stage VI - l'equivalente di Euro VI.

Il governo del Karnataka ha in programma di introdurre vicino ai bus elettrici 3,000 nello stato entro i prossimi tre anni come parte di una politica che promuove veicoli elettrici, salutato dai media come l'inizio di una rivoluzione elettrica. Secondo la politica, i veicoli elettrici sarebbero esentati dalle tasse stradali e gli operatori privati ​​di autovetture di auto e autobus che scelgono di andare in elettricità avrebbero diritto a ulteriori vantaggi. Si prevede inoltre un'espansione delle infrastrutture di ricarica e della capacità.

Si prevede inoltre che gli autobus con zero emissioni "allo scarico" sostituiranno gradualmente la flotta di autobus 7,000-forte della Bangalore Metropolitan Transport Corporation, il risultato degli sforzi nell'ambito di un progetto di flotta di autobus urbani senza fuliggine lanciato in 2015 dal Consiglio internazionale sui trasporti puliti (ICCT). Il progetto fornirà sia assistenza tecnica che assistenza per attrarre finanziamenti per l'acquisto di tecnologia, la costruzione di depositi e così via. Bengaluru è l'unica città indiana nella lista delle megalopoli 50 con cui il progetto sta funzionando.

Il sistema di trasporto rapido della città, Namma Metro, è in fase di costruzione e ampliamento, con Phase 2 e due nuove linee in costruzione e un'estensione aeroportuale nei piani. La città osserva che sempre più persone si affidano alla metropolitana; infatti, la più recente iterazione del Master Plan 2031 dell'Autorità per lo sviluppo di Bangalore, un quadro normativo proposto per guidare lo sviluppo della città nei prossimi anni 15, si propone che il trasporto pubblico tenga conto di 68 a 70 per cento di 2031, rispetto all'attuale percentuale di 48. Il piano è attualmente in fase di rilavorazione in risposta al travolgente feedback del pubblico e di vari settori.

Il governo della città, il Bruhat Bengaluru Mahanagara Palike, ha anche elaborato piani dettagliati per costruire piste ciclabili su oltre 100km di strade, nella speranza di incoraggiare i residenti della città a utilizzare biciclette per distanze più brevi, ma anche a supportare la connettività del primo e dell'ultimo miglio, in quanto alcune delle strade previste per le piste ciclabili sono collegate alle stazioni della metropolitana. Secondo Il primo "Sindaco della bicicletta" di Bengaluru, nominato a febbraio 2019, questa infrastruttura è molto necessaria, insieme a una maggiore empatia nei confronti di ciclisti e pedoni sottolineata nella pianificazione dello sviluppo della città - qualcosa verso cui è orientato il progetto TenderSURE della città.

La città si concentra anche su una migliore gestione dei suoi rifiuti solidi, a quantità significativa di cui è attualmente bruciato. Ogni anno Bengaluru produce circa 4,200 a 4,500 tonnellate di rifiuti solidi. La città ha fondato i centri 189 per la produzione di rifiuti solidi per separare i rifiuti alla fonte e intrapreso azioni per l'installazione di contenitori per la raccolta dei rifiuti seminterrati nelle sedi commerciali e nei mercati cittadini di 200.

Bengaluru ha anche acquisito spazzatrici meccaniche 25 di grande capacità che sono state installate nelle sedi 13 e ha stabilito sette impianti di trattamento dei rifiuti con la capacità di elaborare tonnellate di rifiuti 2,300.

La qualità dell'aria in città è continuamente monitorato dal Karnataka State Pollution Control Board in un certo numero di luoghi in tutta la metropoli.

Mentre le concentrazioni medie annuali di Bengaluru di particolato fine e molto fine (PM10 e PM2.5) non sono affatto vicine al top 10 più alto nelle città in India, la sua rapida crescita sta facendo aumentare la pressione sulle infrastrutture e sui processi della città, un'anticipazione che sta guidando la città pianificare in anticipo la crescita urbana sostenibile e, nel processo, ispirare più azione.

"Questi sforzi non solo aiuteranno la nostra città, ma renderanno anche Bengaluru una città modello in India per un'azione pioneristica contro l'inquinamento atmosferico", ha detto il sindaco Mallikarjun.

Segui il viaggio aereo di Bengaluru qui.


Foto di Banner di Ramnath Bhat / CC di 2.0.