La campagna BreatheLife accoglie Parigi - BreatheLife2030
Aggiornamenti rete / Parigi, Francia / 2019-09-23

La campagna BreatheLife accoglie Parigi:

La City of Light si concentra sulle emissioni dei trasporti e autorizza i suoi cittadini a prendere decisioni a sostegno di aria pulita e salute

Parigi, Francia
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Parigi, la capitale francese di 2.2 milioni di residenti, è il nuovo membro della campagna BreatheLife.

La Ville-Lumière è di nuovo in prima linea in un movimento europeo, questa volta, uno per tagliare gli abitanti delle città' esposizione a livelli problematici di emissioni del traffico stradale, in particolare l'ozono e il suo precursore biossido di azoto.

Infatti, il traffico stradale è la principale fonte locale di inquinamento da biossido di azoto e inquinanti fini (PM10) e molto fini (PM2.5) nella regione della Grande Parigi, con un piccolo ma significativo contributo del riscaldamento a legna nei focolari aperti.

Il piano generale, di 2030, è quello di avere solo veicoli elettrici o alimentati a idrogeno consentiti sulle strade della Grande Parigi, gradualmente introdotti nel tempo.

La sua zona a basse emissioni - la prima in Francia - vede già banditi tutti i veicoli diesel Euro 1 ed Euro 2 nella metropoli da 8am a 8pm da 1 July 2017 e tutti i veicoli diesel Euro 3 non sono ammessi da 2019.

La città ha introdotto Crit'Air, un sistema di etichettatura che consente di classificare le automobili in base alle loro emissioni.

La città di Parigi sta inoltre concedendo sovvenzioni per aiutare i tassisti a passare a veicoli più rispettosi dell'ambiente e sovvenzionando l'installazione di punti di ricarica elettrici.

Mentre i veicoli inquinanti stanno uscendo, viene attirato il trasporto non motorizzato: la città offre ai parigini benefici fino a € 600 per l'acquisto di una nuova bicicletta o di un pass per i trasporti pubblici o per aderire a un programma di car sharing— se scaricano le loro auto o moto; e le piccole imprese possono richiedere fino a € 9,000 in sussidi per un camion o un autobus elettrico.

La città ha gradualmente combinato queste misure con segnali visibili di ciò che sta per accadere, dando spazio stradale crescente a vaste corsie di autobus e piste ciclabili e chiudendo al traffico un importante tratto di strada lungo la Senna.

Intende raddoppiare la rete di piste ciclabili, estendendola da 700 chilometri a 1,400 chilometri di 2020, una misura che supporta una popolazione che già fa regolarmente affidamento sulla condivisione di biciclette per spostarsi.

"Siamo impegnati a proseguire la politica di riduzione del traffico e lo sviluppo della mobilità alternativa all'automobile, istituendo l'infrastruttura per la mobilità senza emissioni e fornendo alle persone l'incentivo a cambiare e, in 2024, la rimozione di veicoli diesel a Parigi ", Ha detto il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo.

"Ridurre le emissioni di inquinamento atmosferico e attuare l'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici sono complementari e c'è un grande potenziale guadagno per la salute pubblica e la vivibilità della nostra città, quindi per noi intraprendere questa azione è una decisione logica", ha affermato.

Tali benefici per la salute pubblica potrebbero essere considerevoli. In 2016, il Comune ha scoperto che 1.4 milioni di suoi residenti erano esposti a concentrazioni annuali di biossido di azoto che superavano i limiti europei e 200,000 persone a concentrazioni di PM10 superiori alle soglie europee per più di 35 giorni all'anno. Ha anche scoperto che l'intera popolazione dell'Île de France, la regione in cui Parigi è la capitale, è stata esposta a concentrazioni annuali di PM2.5, l'inquinante atmosferico più dannoso del traffico, superiore alle linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità.

"La città di Parigi è convinta che l'inquinamento atmosferico rappresenti un grave rischio per la salute di tutti e che siano necessarie misure a tutti i livelli della società per sensibilizzare sui problemi e agire per migliorare la salute e il benessere delle persone" lei disse.

La città pone inoltre l'accento sulla consapevolezza del pubblico per garantire il sostegno a queste politiche, accompagnate da una serie di eventi regolari, famosi tra loro Parigi Respire, che vede le principali strade del centro città chiuse ai veicoli la prima domenica di ogni mese. L'annuale Journée Sans Voiture (Car-Free Day) è diventata un appuntamento fisso nel calendario della città, regalando strade iconiche ai pedoni e ai trasporti non motorizzati.

I parigini sono tenuti regolarmente al corrente della loro qualità dell'aria Airparif, che si assume questa responsabilità per la regione dell'Île de France ai sensi di una legge nazionale che impone il monitoraggio della qualità dell'aria da parte di organizzazioni indipendenti senza fini di lucro.

A testimonianza della preoccupazione dei cittadini per la qualità dell'aria, che si manifesta "Picchi di inquinamento" su base stagionale, negli ultimi anni i parigini hanno proposto di aumentare le informazioni di Airparif con sensori locali o persino portatili per fornire nuove informazioni locali sull'inquinamento atmosferico, come parte del bilancio partecipativo processo della città.

Sono anche incoraggiati a trovare soluzioni: Airparif lavora con la Città di Parigi, il Metropole du Grand Paris e la Région Ile de France per gestire AirLAB, un incubatore di soluzioni innovative per la qualità dell'aria, che collega startup, grandi aziende, istituti di ricerca e le autorità pubbliche per trovare soluzioni all'inquinamento atmosferico urbano.

Parigi arriva alla campagna BreatheLife con audaci misure in corso e pianificate e lezioni sul suo viaggio di aria pulita che potrebbe aprire la strada anche ad altre città.

Segui il viaggio per aria pulita di Parigi qui.