Aggiornamenti di rete / Reykjavik, Islanda / 2021-09-14

La più grande macchina aspirante carbonio si accende in Islanda:

Reykjavik, Islanda
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 2 verbale

Dobbiamo iniziare a rimuovere l'anidride carbonica dall'atmosfera per avere qualche possibilità di evitare i peggiori impatti del riscaldamento globale, ha affermato il mese scorso il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici.

L'economia dei combustibili fossili deve essere gestita al contrario, in modo efficace. Il modo più semplice ed economico per farlo, piantare alberi, richiede molta terra in relazione alla scala di intervento necessaria. Quindi una manciata di aziende ha armeggiato con la "cattura diretta dell'aria" (DAC), essenzialmente grandi macchine per l'aspirazione di CO2.

Il più grande impianto DAC al mondo aprirà l'8 settembre in Islanda. Gestito dalla startup di ingegneria svizzera Climeworks, l'impianto, noto come Orca, ridurrà annualmente un volume di emissioni equivalente a circa 870 auto. Orca aumenterà la capacità DAC globale totale di circa il 50%, aggiungendosi alla dozzina di impianti più piccoli già operativi in ​​Europa, Canada e Stati Uniti.

L'impianto è composto da otto scatole delle dimensioni di un container, ciascuna dotata di una dozzina di ventilatori che aspirano l'aria. La CO2 viene filtrata, miscelata con l'acqua e pompata in profondi pozzi sotterranei, dove nel giro di pochi anni si trasforma in pietra, sottraendola efficacemente alla circolazione nell'atmosfera.

La rimozione diretta del carbonio è ancora troppo costosa

Il lancio di Orca segue la scia di un contratto da 10 milioni di dollari firmato da Climeworks la settimana scorsa con il colosso della riassicurazione Swiss Re. La compagnia assicurativa stava essenzialmente acquistando un volume non divulgato di crediti di compensazione del carbonio per contare sulla propria impronta di carbonio. Climeworks non ha rivelato pubblicamente il suo prezzo per tonnellata, ma un comunicato stampa di Swiss Re lo ha descritto come "diverse centinaia di dollari".

 

un grafico che mostra come funziona la cattura diretta dell'aria
Ecco come funziona la cattura diretta dell'aria.
Immagine: Consulenza Frazer-Nash

La cattura del carbonio potrebbe aiutare le città a raggiungere un futuro a zero emissioni di carbonio?

Questo modello di business, la vendita di offset, è il modo in cui Climeworks sta affrontando un problema chiave per il nascente DAC industria: Come fare soldi. L'alternativa è vendere la CO2 catturata ai produttori che possono usarla come a materiale grezzo per cemento e altri prodotti, o alle compagnie petrolifere che, ironicamente, usalo per aiutare a dragare più olio. Ma quei clienti sono più abituati a prezzi intorno a $ 100 per tonnellata.

Poiché il mercato della compensazione delle emissioni di carbonio, nel suo insieme, è pieno di compensazioni economiche e dubbie, alcuni emettitori potrebbero essere disposti a pagare il dollaro più alto, come Swiss Re (e Coca Cola e Microsoft, anche importanti clienti di Climeworks), per un offset solido come una roccia. Quel capitale, a sua volta, aiuterà DAC a scalare e ridurre i costi; esperti predire potrebbe raggiungere i 150 dollari per tonnellata nei prossimi 5-10 anni.

Orca sarà probabilmente presto sminuita da progetti concorrenti negli Stati Uniti e in Scozia che dovrebbero essere online nei prossimi due anni. Ma anche allora, senza molti più investimenti pubblici e privati, l'industria sarà lontana dal 10 milioni di tonnellate all'anno che secondo l'Agenzia internazionale per l'energia sono necessarie entro il 2030.

 

Questa storia è originariamente apparsa su Sito web del World Economic Forum.