Rendimenti migliori e consapevolezza ambientale - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Perù / 2020-10-08

Rendimenti migliori e consapevolezza ambientale:
Gli agricoltori adottano un'agricoltura di conservazione e no-burn in Perù

Manolo Rojas ha iniziato a utilizzare l'agricoltura conservativa perché era preoccupato per il pianeta. Ma quando le sue rese hanno iniziato ad aumentare in termini di qualità e quantità, gli agricoltori intorno a lui hanno iniziato a prestare attenzione.

Perù
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 5 verbale

Due anni fa, Manolo Rojas stava preparando i suoi campi per piantare piselli nella sua fattoria a Huayao, nel Perù centrale, come faceva sempre, bruciando i detriti del raccolto precedente e lavorando il terreno. Quando un tecnico dell'organizzazione umanitaria CARE International lo ha contattato per dirgli che avrebbe ottenuto risultati migliori se non avesse fatto nessuna di queste due cose, era scettico.

"Sembrava illogico", ha detto Rojas. Dopotutto, era così che gli agricoltori di tutto il mondo trasformavano i loro campi tra le stagioni di crescita. Ma Rojas aveva iniziato a vedere rocce sulla superficie dei suoi campi, cosa che sapeva significava che stava perdendo il terriccio, lo strato superiore ricco di sostanze nutritive necessario per un raccolto robusto. Aveva anche iniziato a preoccuparsi di più del cambiamento climatico, quindi quando il tecnico glielo disse combustione agricola aperta era responsabile di oltre un terzo di tutti emissioni di carbonio nero, un inquinante climatico di breve durata che contribuisce all'inquinamento atmosferico, ai cambiamenti climatici e all'aumento dello scioglimento della criosfera (regioni di neve e ghiaccio), il suo interesse è stato stuzzicato.

Manolo Rojas (a sinistra) con l'esperto di agricoltura conservativa Ademir Calegari

"Non sappiamo se non proviamo", ha detto. "Così ho deciso di dare una possibilità a questo tecnico e di provarlo."

Sono passati due anni e Rojas è sbalordito dalla differenza che ha fatto nella sua fattoria e nella sua vita. Non solo le rocce sono sparite, ma sta ricominciando a vedere lombrichi e altri insetti nel terreno ora ricco e scuro dove pianta mais, carote e altri ortaggi. Meglio ancora, i suoi raccolti sono gli stessi o addirittura superiori a prima. Non da quando ha incontrato sua moglie al college e si è trasferito nella sua città natale per iniziare a coltivare, ha visto il terreno così sano.

“Mi sono impegnato nel progetto perché ero preoccupato per il cambiamento climatico e tutte le questioni climatiche che stiamo affrontando. So che se non ci prendiamo cura dell'ambiente, in futuro dovremo affrontare rendimenti inferiori e una produzione inferiore. Ora che l'ho fatto, mi rendo conto che ha anche incrementato la produzione e ne sono così felice ".

Le lezioni apprese da Rojas facevano parte di un progetto implementato da CARE Perù con coordinamento internazionale del International Cryosphere Climate Initiative (ICCI) che ha aiutato gli agricoltori a conoscere l'agricoltura di conservazione attraverso corsi di formazione e viaggi di studio.

So che se non ci prendiamo cura dell'ambiente, in futuro dovremo affrontare rendimenti inferiori e una produzione inferiore.

Manolo Rojas

Conservation Agriculture Farmer, Perù.

Lo Iniziativa per l'agricoltura della Coalizione per il clima e l'aria pulita (CCAC) sostiene reti e progetti regionali che facilitano l'adozione di alternative open burning. L'implementazione di questi metodi “no burn” potrebbe dimezzare le emissioni globali di anidride carbonica, fornendo allo stesso tempo vantaggi economici e sociali per agricoltori come Rojas.

Dal 2014, il CCAC ha collaborato con l'ICCI per affrontare questo problema con i partner locali attraverso progetti dimostrativi in ​​Perù e India.

In Perù il progetto dimostrativo è stato implementato con il supporto di CARE Perù e del Istituto nazionale per l'innovazione agricola per il Perù.

L'agricoltura di conservazione sta riprendendo in tutto il mondo, stimolata dai successi di agricoltori come Rojas che hanno partecipato a questo tipo di progetti. In effetti, sta sostituendo l'agricoltura convenzionale della lavorazione del terreno a un tasso di 10 milioni di ettari di terreno coltivato ogni anno.

Gli agricoltori esaminano la copertura del suolo su un appezzamento di agricoltura conservativa di 7 anni durante un tour di studio CARE Perù a Cañete, Perù. (Foto: Odon Zelarayan)

La pratica comporta disturbi meccanici nulli o minimi attraverso una pratica chiamata semina senza lavorazione. Invece di bruciare i residui del raccolto per spianare la strada per la prossima stagione di semina, viene conservato e utilizzato come copertura di pacciamatura del suolo che lo aiuta a trattenere l'umidità rendendolo più sano e meno soggetto a erosione. Utilizza anche la rotazione delle colture per ottimizzare i nutrienti del suolo e combattere i parassiti e le erbacce. Non solo l'agricoltura conservativa generalmente si traduce in un aumento dei raccolti, ma rende anche le colture più resistenti agli eventi estremi, rendendola una potenziale strategia di adattamento ai cambiamenti climatici.

La combustione a cielo aperto, che è definita come tutta la combustione intenzionale nel settore agricolo ma esclude le ustioni prescritte nelle terre selvagge, non è qualcosa che fanno solo gli agricoltori peruviani. È ampiamente praticato in tutto il mondo come un modo economico e veloce per rimuovere la paglia agricola in eccesso dalle colture precedenti. C'è un'idea sbagliata che la combustione aiuti a fertilizzare il terreno ma in realtà lo spoglia dei nutrienti distruggendo la materia organica. Ciò significa che gli agricoltori spendono più soldi aggiungendo fertilizzanti per mantenere i raccolti. Utilizzando agricoltori di agricoltura conservativa può migliorare le rese di grano, ad esempio, del 10% entro i primi due anni.

La masterizzazione aperta è un enorme problema in India, dove il CCAC sta anche perseguendo un approccio su più fronti per eliminare la pratica, tra cui educare gli agricoltori e aiutarli ad accedere alle alternative, monitorare gli incendi e monitorare il loro impatto utilizzando i satelliti, contribuire a trasformare le stoppie agricole da rifiuti in una risorsa e sostenere interventi politici come regolamenti in materia di incendi o sussidi agricoli per migliori attrezzature agricole.

Piantare fagioli in stoppie di grano in una fattoria di agricoltura conservativa ad Acobamba, Perù. (Foto: Odon Zelarayan)

"Non sto più distruggendo l'ambiente perché non sto bruciando e mi prendo cura della materia organica", dice Rojas. "Prima di bruciare inquinavo l'ambiente e oggi non lo faccio e ne sono davvero felice."

Aggiunge che sono evidenti anche vantaggi più immediati e personali. “Ottengo un prodotto di qualità superiore, con frutta e verdura che pesano di più e hanno un sapore migliore. Vendo i miei prodotti per il consumo umano, quindi è davvero importante ".

Rojas dice che anche lui e sua moglie hanno beneficiato del tempo che hanno risparmiato, tempo che ora possono trascorrere con il figlio che ha appena finito la scuola di legge. Ci sono anche ricompense finanziarie. Rojas stima di aver risparmiato $ 200 per ettaro all'anno da quando ha adottato tecniche di agricoltura conservativa perché è più facile preparare il campo per la semina. L'agricoltura conservativa consente di risparmiare denaro dalla lavorazione del terreno e dall'irrigazione riducendo la frequenza con cui sono necessarie. Gli agricoltori risparmiano anche sul lavoro manuale, sul carburante e sui fertilizzanti fino a un 50% netto.

Rojas non era solo, il progetto ha avuto tassi di successo impressionanti, in parte perché gli agricoltori come Rojas forniscono la leadership ed esempi stellari dei modi in cui l'agricoltura di conservazione può migliorare le condizioni per gli agricoltori e per il pianeta. Dei 32 agricoltori che hanno partecipato alla formazione, 23 non bruciano più. Le rese sia di piselli verdi che di mais sono aumentate come risultato della nuova pratica agricola.

"Ho iniziato da solo, ma voglio portare gli altri a continuare con il cambiamento", ha detto Rojas.

Gli agricoltori esaminano un appezzamento di fave durante un tour di studio. Acobamba, Perù (Foto: Odon Zelarayan)

"Penso che i cambiamenti più importanti che ho visto a Manolo e in altri agricoltori che ho conosciuto durante il progetto sia stato il cambiamento nella loro mentalità", ha detto Juliana Albertengo, coordinatrice dell'ICCI Andes Open Burning. “Hanno aperto le loro menti e hanno imparato a pensare in modo sistematico. Invece di pensare in termini di colture individuali, hanno imparato a vedere tutto come un sistema che include sia i loro problemi economici che il clima ".

C'è un altro vantaggio ambientale dal metodo, aiuta anche a risparmiare acqua. Rojas dice che irrigava i suoi raccolti ogni 10-15 giorni, ma ora possono durare molto più a lungo perché il terreno trattiene meglio l'umidità perché i residui del raccolto lo coprono.

“L'acqua è una risorsa limitata qui e quelle risorse stanno scomparendo. Quindi sappiamo che dobbiamo prenderci cura delle risorse che abbiamo ", ha detto.

Ciò è particolarmente importante da dove proviene Rojas, dato che il ghiacciaio Huaytapallana è la principale fonte di approvvigionamento idrico per Huancayo. Negli ultimi 20 anni, l'area nevosa del ghiacciaio è stata ridotta del 50%, devastante dato che fornisce il 40% dell'acqua per un fiume che è la principale fonte di acqua potabile. Il carbonio nero derivante dalla combustione di agricoltura aperta è un fattore importante nel degrado del ghiacciaio poiché le particelle di carbonio nero si depositano sulla neve e sul ghiaccio e riducono l'albedo superficiale, o la capacità di riflettere il sole.

"Anche se si tratta di una goccia nel mare quando si tratta di cambiamento climatico, ne sono ancora così felice", ha detto Rojas. “Moriremo e se non facciamo nulla al giorno d'oggi lasceremo il problema ai nostri figli, quindi dobbiamo preoccuparci del futuro. Questa è la cosa più importante. "

Croce pubblicata dal CCAC