L'inquinamento atmosferico è responsabile di fino a un morto prematuro su cinque nelle città dei Balcani occidentali 19 - BreatheLife 2030
Aggiornamenti di rete / Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina / 2019-06-10

L'inquinamento atmosferico è responsabile di fino a un morto prematuro su cinque nelle città dei Balcani occidentali 19:

In media, le persone che vivono nelle città dei Balcani occidentali studiate perdono fino a 1.3 anni di vita per l'inquinamento atmosferico

Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

• L'inquinamento atmosferico causa quasi la morte prematura di 5,000 in un gruppo di città.

• In media, le persone che vivono nelle città dei Balcani occidentali hanno perso fino a 1.3 anni di vita per inquinamento atmosferico.

• Le principali fonti di emissioni di particolato sono le centrali termiche che utilizzano il carbone di lignite e il riscaldamento domestico.

Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina, 4 June 2019 - L'inquinamento atmosferico è direttamente responsabile di fino a un morto prematuro su cinque nelle città dei Balcani occidentali 19, suggerisce i risultati preliminari di unrelazione guidata da UN Ambiente.

Risultati preliminari dal Il rapporto "Inquinamento atmosferico e salute umana: il caso dei Balcani occidentali" lo dimostra la somma totale dei decessi prematuri direttamente attribuibili all'inquinamento atmosferico nelle città è di circa 5,000 all'anno. In sette delle città studiate, l'inquinamento atmosferico è responsabile almeno del 15% della mortalità prematurae 19% a Tetovo, nel nord della Macedonia.

In media, le persone che vivono nei Balcani occidentali perdono fino a 1.3 anni di vita per l'inquinamento atmosferico. Livelli di particelle - che provengono da polvere, fuliggine e fumo ed è fortemente legato alle malattie cardiovascolari - Lo studio rivela che possono essere oltre cinque volte più alti nella regione rispetto alle linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Le concentrazioni medie di particolato PM2.5 in tutte le città di 19 studiate eccedono il livello di riferimento dell'Organizzazione Mondiale della Sanità di 10 μg / m3. È stato riscontrato che un limite giornaliero PM10 di 40μg / m3 stabilito dalla legislazione nazionale veniva superato tra 120 e 180 giorni all'anno, specialmente durante l'inverno. In confronto, gli stati membri dell'Unione Europea non sono autorizzati a violare questo livello per più di 35 giorni all'anno.

"Scorso inverno, volevo fare pupazzi di neve e palle di neve, ma non potevamo andare fuori. A volte dobbiamo indossare maschere o sciarpe sui nostri volti ", ha detto Sarah Kaidić, di 9, della scuola Isak Samokovlija a Sarajevo, in Bosnia-Erzegovina, durante una campagna stampa per la Giornata Mondiale dell'Ambiente. "Sono molto arrabbiato con le persone che gestiscono fabbriche giganti - non si preoccupano della salute di nessuno", ha detto il suo compagno di classe Arijan Haverić.

"Dobbiamo prestare attenzione ai diversi tipi di inquinamento atmosferico e alle loro conseguenze sulla salute", ha detto il pneumologo e allergologo Zehra Dizdarević, che tratta i pazienti per le malattie delle alte e basse vie respiratorie come la bronchite e la polmonite.

Le principali fonti di emissioni di particolato sono le centrali termoelettriche che utilizzano carbone di lignite di bassa qualità e riscaldamento domestico. Più dell'60% delle persone che vivono nei Balcani occidentali usano combustibili solidi come carbone e legna da ardere per riscaldare le proprie case, con solo l'12 per cento degli edifici collegati ai sistemi di teleriscaldamento.

Le soluzioni per ridurre l'inquinamento atmosferico devono quindi includere la riduzione della povertà energetica rendendo l'energia pulita moderna più accessibile, sottolinea la relazione. La spesa media delle famiglie per l'elettricità in Serbia, Montenegro, Kosovo (sotto UNSCR 1244 / 99), nella Macedonia settentrionale e in Albania soddisfa o supera la soglia di povertà energetica. Sono necessarie misure per vietare i vecchi veicoli inquinanti e introdurre alternative di trasporto pulite. Il rapporto richiede anche norme più severe sugli emettitori industriali e restrizioni sulle centrali termiche a carbone. Al momento ci sono centrali elettriche a carbone attivo 15 nei Balcani occidentali.

"Stiamo sostenendo le imprese che utilizzano energia rinnovabile", ha dichiarato il ministro federale dell'ambiente e del turismo della Bosnia-Erzegovina, Edita Đapo. Il Paese vuole anche aiutare le persone che vivono nelle colline della periferia della città ad accedere a energia più pulita ed economica, ha spiegato.

La Bosnia-Erzegovina ha notevolmente migliorato la sua capacità di monitoraggio della qualità dell'aria. "Sei o sette anni fa, potevamo monitorare solo due tipi di dati al giorno. Oggi, su base oraria, abbiamo 60 risultati diversi ", ha dichiarato Enis Omerčić, specialista in qualità dell'aria presso l'Istituto federale idrologico-meteorologico, a Sarajevo. L'ambiente delle Nazioni Unite ha aiutato procurando e mantenendo le stazioni di monitoraggio e ha contribuito alla creazione di un indice nazionale della qualità dell'aria.

Per il rapporto sono stati analizzati i dati di Korca, Banja Luka, Brod, Prijedor, Sarajevo, Tuzla, Zenica, Bar, Niksic, Pljevlja, Podgorica, Teodo, Bitola, Skopje, Tetovo, Beograd, Pancevo Uzice e Valjevo. L'effetto dell'inquinamento atmosferico sulla salute umana è stato calcolato utilizzando il software AirQ + sviluppato dall'Organizzazione mondiale della sanità. esso si stima che il numero di morti sarebbe molto maggiore se tutti i dati rilevanti fossero disponibili per l'analisi.

L' lo studio è prodotto con il sostegno del governo norvegese.

A Sarajevo è stata lanciata una nuova app per telefoni cellulari commissionata dall'ONU per aiutare i cittadini a evitare l'inquinamento atmosferico mentre si cammina o si va in bicicletta. L'app 'Sarajevo Air' calcola il percorso di inquinamento più basso tra due punti qualsiasi della città. I livelli stimati di PM10, PM2.5, biossido di azoto, inquinamento da ozono e il tempo richiesto sono indicati per ogni percorso.

"Le persone possono sempre aver sospettato che ci siano strade che sono più inquinate di altre. Ora rendiamo visibile l'invisibile ", ha dichiarato Andrew Grieve del Kings College London, che ha sviluppato l'app, che ora è disponibile gratuitamente per Android e Apple.

Nel frattempo si è svolto un evento a Sarajevo per celebrare la Giornata mondiale dell'ambiente e mostrare la necessità di combattere l'inquinamento atmosferico. Lì, il produttore musicale vincitore del Grammy Award Sadaharu Yagi, l'artista musicale italiano Federico Ferrandina e la cantante connazionale Azzurra hanno eseguito un'agitazione ambient rock che hanno prodotto appositamente per il Day. La traccia, "Stiamo camminando su", parla del nostro futuro, della nostra salute, del nostro pianeta ", ha detto Azzurra. I versi della canzone sono stati scritti dal paroliere e drammaturgo italo-canadese Clea Scala. La regista e sceneggiatrice di Los Angeles Puja Maewal ha prodotto il video musicale. La canzone è disponibile per la messa in onda.

NOTE ALLE EDITORI

PM10 è micrometri 10 di particelle o meno di diametro, mentre PM2.5 è micrometri 2.5 o meno. I capelli umani hanno un diametro di circa micrometri 100.

Giornata Mondiale dell'ambiente è il giorno più importante delle Nazioni Unite per celebrare l'ambiente. Il tema dell'edizione 2019 è "Beat Air Pollution". Circa 7 milioni di persone muoiono prematuramente a causa dell'inquinamento atmosferico ogni anno.

Per richiedere interviste o per ulteriori informazioni, si prega di contattare:

Alejandro Laguna, Responsabile dell'informazione, ufficio Europa dell'ambiente ONU: + 41-229178537

Mark Grassi, Information Assistant, Ufficio per l'Europa delle Nazioni Unite: + 41 788750086.

Questo è un Comunicato stampa delle Nazioni Unite.


Foto di banner di Sonja Zeschka da Pixabay.