L'inquinamento atmosferico sta riducendo gli anni di durata della vita, i camion e gli autobus diesel sono una delle principali cause - BreatheLife2030
Aggiornamenti della rete / Climate and Clean Air Coalition / 2020-03-04

L'inquinamento atmosferico sta riducendo gli anni di durata della vita, i camion e gli autobus diesel sono una delle principali cause:

Le emissioni dei soli veicoli sono state responsabili di circa 385,000 decessi nel 2015, motivo per cui il lavoro della Coalizione per il clima e l'aria pulita per mitigarli è più importante che mai.

Climate and Clean Air Coalition
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Dalle centinaia di migliaia di studenti tailandesi tenuto a casa da scuola a Bangkok, a avvertimenti a Londra che quelli con problemi cardiaci o polmonari dovrebbero ridurre la faticosa attività all'aperto, ai livelli di inquinamento di Capodanno a Nuova Delhi 20 volte più alto rispetto a ciò che è considerato sicuro, i segni che il 2020 sarà afflitto da inquinamento atmosferico tossico sono già abbondanti.

Ogni persona perde quasi due anni della loro vita, in media, grazie all'inquinamento atmosferico. In effetti, con nove persone su dieci nel mondo respirando aria inquinata - e circa 7 milioni di persone ne muoiono ogni anno - è la più grande minaccia per la salute del mondo, eclissando piaghe come l'HIV / AIDS, la malaria e la tubercolosi, ed è avere un effetto equivalente come fumare.

L'inquinamento atmosferico è principalmente causato da attività umane come la guida di automobili, camion e autobus diesel pesanti e la combustione del carbone. Le emissioni dei soli veicoli sono state responsabili di una stima Morti premature 385,000 nel 2015 (circa 11.4 per cento delle morti per inquinamento atmosferico quell'anno). In totale, le emissioni di gas di scarico hanno portato a un enorme 7.8 milioni di anni della vita persa e $ 1 trilione di danni alla salute nel 2015.

Un grande colpevole è il particolato fine (noto anche come PM2.5) nell'inquinamento atmosferico. Queste particelle sono così piccole che possono infiltrarsi nei polmoni e nel sistema cardiovascolare, aumentando il rischio di una varietà di malattie croniche, tra cui ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni e polmonite. Carbonio nero, un superinquinante che contribuisce anche al cambiamento climatico, è un ingrediente chiave nella formazione del PM2.5 inquinamento dell'aria.

Le particelle PM 2.5 sono abbastanza piccole da entrare nel flusso sanguigno

“Quando riduciamo l'inquinamento atmosferico da fonti diesel, otteniamo una riduzione delle emissioni di carbonio nero. Questa è una grande vittoria per la qualità dell'aria e il clima ", ha dichiarato Josh Miller dell'International Council on Clean Transportation (ICCT). "La recitazione comporta enormi benefici per la salute pubblica locale e abbiamo aggiunto la logica internazionale per agire perché favorisce anche i cambiamenti climatici".

Una strategia per combattere questo problema è la desolforazione globale dei carburanti su strada che potrebbe evitare 500,000 morti ogni anno entro il 2050 e risparmiare 18 trilioni di dollari in costi sanitari (16 volte più della costi di desolforazione). È una strategia che molti paesi, in particolare in Europa e Nord America, hanno già adottato muovendosi verso carburanti con livelli di zolfo bassi e ultra bassi, che hanno emissioni sostanzialmente meno dannose. Tuttavia, oltre la metà dei paesi del mondo - principalmente paesi a basso e medio reddito in Africa, Asia e America Latina - non lo hanno ancora fatto. È fondamentale per la salute globale e il clima, sostenere questi paesi nel passaggio a carburanti più puliti.

Per fare ciò, The Climate and Clean Air Coalition (CCAC) ha sviluppato a Strategia globale per l'introduzione di carburanti a basso contenuto di zolfo e veicoli diesel più puliti che, se pienamente attuato, potrebbe avvicinarsi all'eliminazione dei carburanti ad alto tenore di zolfo su strada e ridurre almeno il 90 percento delle emissioni di particolato ridotto e del carbonio nero dei veicoli su strada.

Un approccio relativamente semplice è il retrofit dei filtri antiparticolato diesel sui veicoli più vecchi. Ciò può ridurre la massa di particelle di un motore del 2004 del 90 percento e le particelle ultrafine di un fattore 100 (almeno). I paesi che importano carburante dovrebbero adottare standard nazionali e regionali per carburante e tecnologia più puliti, mentre i paesi che hanno capacità di raffinazione, come Nigeria, India e Kuwait, dovrebbero investire nel potenziamento delle loro raffinerie in modo da produrre carburanti con livelli di zolfo estremamente bassi. Ciò richiederà la partecipazione del settore privato. Tutti i paesi devono adottare standard di emissione dei veicoli oltre a standard a basso contenuto di zolfo.

Un vecchio autobus diesel emette fumo nero ad Addis Abeba, in Etiopia

Il progresso sta crescendo costantemente in tutto il mondo. Standard di carburante più puliti sono stati inizialmente sviluppati in una manciata di paesi, a partire dagli Stati Uniti nel 2007 e successivamente seguiti dai paesi europei un paio di anni dopo. Presto paesi come Giappone, Corea del Sud e Turchia hanno fatto lo stesso. A partire da luglio 2019, 39 paesi hanno implementato standard senza fuliggine e altri cinque (Brasile, Cina, Colombia, India e Messico) prevedono di implementarli prima del 2025.

Ma questi progressi devono essere distribuiti più equamente in tutto il mondo. In parte a causa di una regolamentazione squilibrata, più della percentuale 90 delle morti per inquinamento atmosferico si verificano nei paesi più poveri, principalmente in Asia e Africa.

"Oltre ai più grandi produttori di veicoli del mondo, c'è un'enorme necessità di continuare a progredire verso questi standard a beneficio della salute pubblica e del clima nei mercati emergenti, tra cui Africa, Medio Oriente e Asia", ha affermato Miller.

La Nigeria, per esempio, è la il più grande mercato di veicoli nella Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (ECOWAS). I carburanti per veicoli possono avere livelli di zolfo 100 volte superiori a quelli consentiti in Europa, il 90 percento dei veicoli importati in Nigeria sono di seconda mano e non vi sono limiti di età per i veicoli commerciali importati, il che significa che i veicoli economici che non soddisfano standard più elevati vengono scaricati in Paese. Con l'aumentare della domanda di veicoli, aumentano anche gli impatti. La Nigeria ha la settima popolazione più grande del mondo e si prevede che raddoppierà nei prossimi 30 anni. Tra il 2010 e il 2015, l'onere sanitario derivante dal trasporto su strada è aumentato del 25 percento e il costo monetario per la Nigeria è stato stimato a $ 42 miliardi.

I paesi stanno lavorando per prevenire gli impatti dannosi dell'inquinamento atmosferico. Nel dicembre 2018, ECOWAS si è riunito per a seminario di due giorni supportato dal CCAC. I rappresentanti dei paesi hanno concordato livelli massimi di zolfo nei carburanti importati e standard minimi di emissione per i nuovi veicoli. Benin, Togo e Mali hanno implementato norme più severe. E dall'altra parte del continente, il La Comunità dell'Africa orientale è diventata la prima regione africana a passare ai carburanti a basso contenuto di zolfo in 2015.

Un autobus senza fuliggine a Santiago, in Cile

Nel settembre 2018. a Vertice sudamericano sul controllo delle emissioni dei veicoli si è tenuto a Buenos Aires, in Argentina, per aiutare i regolatori a migliorare la conformità e l'applicazione delle emissioni e il passaggio al trasporto senza fuliggine. I paesi che hanno partecipato hanno sviluppato a piano di lavoro regionale congiunto attuare misure quali l'adozione di standard motore privi di fuliggine, il miglioramento della qualità del carburante e l'applicazione di questi cambiamenti. Sia in Paraguay che nella Repubblica Dominicana, il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente ha sostenuto studi costi-benefici su questo tipo di interventi.

Per realizzare pienamente i progressi necessari, tuttavia, è necessario utilizzare una miriade di strategie supportate dal CCAC. Questi includono alternative totalmente non diesel per veicoli, come gas naturale compresso, biocarburanti, veicoli ibridi elettrici o completamente elettrici. Un'altra opzione è sottoporre i carburanti a processi di desolforazione come l'idrotrattamento che minimizza il contenuto di zolfo. Il CCAC supporta anche il cambiamento comportamentale individuale incoraggiando il trasporto attivo come camminare e andare in bicicletta, scegliendo i mezzi pubblici e dando la priorità ai treni anziché agli aerei, ove possibile. I governi sono incoraggiati a mettere in atto politiche e infrastrutture che consentano questo tipo di cambiamento comportamentale.

Funziona con un profitto potenzialmente elevato. Secondo a Rapporto commissionato dal CCAC dall'ICCT l'implementazione del lavoro supportato dal CCAC potrebbe ridurre le emissioni di carbon black diesel all'88% al di sotto dei livelli del 2010 entro il 2040. Inoltre, se completamente attuato entro il 2050, potrebbe evitare 500,000 morti ogni anno, prevenendo fino a 0.2 gradi Celsius di riscaldamento nei prossimi 20 40 anni Tuttavia, sono necessari anche obiettivi più rigorosi per rimanere fedeli agli obiettivi di riscaldamento globale.

Con poco più di un decennio per prevenire il riscaldamento oltre 1.5 gradi Celsius, sono anche necessarie misure provvisorie. Man mano che la popolazione globale cresce, svela la necessità di trasportare persone e merci in tutto il mondo. I governi avranno bisogno di tutti i metodi a loro disposizione per soddisfare la crescente domanda evitando il riscaldamento catastrofico e gli effetti sulla salute umana.

Inviato da CCAC