Aggiornamenti di rete / Patrasso, Grecia / 2021-08-11

Incendi boschivi più tossici nel tempo:

A livello globale, si stima che il fumo degli incendi causi oltre 339,000 morti premature all'anno.

Patrasso, Grecia
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Ogni anno, migliaia di incendi invadono foreste, praterie e brughiere in tutta Europa. Nel 2018, più di 204,861 ettari di terra sono stati bruciati in Europa e in altri paesi del Mediterraneo, mentre l'anno precedente gli incendi hanno distrutto oltre 1.2 milioni di ettari. Gli incendi nell'Artico nel giugno 2020 hanno stabilito un nuovo record nelle emissioni di carbonio in 18 anni di monitoraggio.

Poiché gli alberi, gli arbusti, l'erba e la torba vengono inghiottiti da questi incendi, vengono rilasciate nell'aria enormi quantità di fumo, fuliggine e altri inquinanti. Con grandi incendi, il fumo può salire per molti chilometri nella stratosfera e diffondersi in intere regioni, causando inquinamento atmosferico in aree lontane da dove si trovano le fiamme.

"Nel Mediterraneo orientale riceviamo fumo che esce dagli incendi boschivi in ​​Russia e quando accade c'è solo fumo nebuloso ovunque", ha detto Athanasios Nenes, un chimico atmosferico presso l'Istituto di scienze dell'ingegneria chimica a Patrasso, in Grecia. “Può essere piuttosto drammatico. Stanno influenzando la qualità dell'aria in intere regioni o parti di continenti”.

Nenes è il principale investigatore del Progetto PyroTRACH, che sta studiando come le emissioni degli incendi boschivi cambiano nell'atmosfera e l'impatto che questo ha sulla salute umana e sul clima.

A livello globale, si stima che il fumo degli incendi boschivi causi oltre 339,000 morti premature un anno - molto più di quelli che perdono la vita direttamente in questi roghi.

I ricercatori PyroTRACH stanno utilizzando una speciale camera ambientale in laboratorio che replica le condizioni presenti nell'atmosfera. Quindi generano nuovi campioni di fumo bruciando diversi tipi di materiale vegetale, che possono "invecchiare" nella camera.

Nel tempo Nenes e il suo team sono stati in grado di vedere come cambia la chimica delle particelle nel fumo quando sono esposti all'atmosfera, alla luce del sole e all'oscurità.

"Stiamo cercando di capire la durata del fumo nell'atmosfera e come si evolve chimicamente", ha detto Nenes. “Vogliamo caratterizzare gli impatti che avrà sulla salute umana e sul clima. Diventa più tossico (con l'età) o ha un maggiore effetto (di riscaldamento) sul clima (di quanto si pensi attualmente) o fornisce più nutrienti agli ecosistemi quando ricade al suolo?"

Una delle scoperte chiave che il team ha fatto dall'inizio del progetto quinquennale nel 2017, è che le particelle rilasciate dalla vegetazione in fiamme negli incendi boschivi diventano più tossico col tempo.

Mentre nell'aria le particelle di fumo reagiscono chimicamente con i radicali in traccia – molecole con elettroni spaiati – per subire un processo noto come ossidazione. Questo converte i composti nelle particelle di fumo in composti altamente reattivi. Quando vengono respirati, questi composti reattivi, noti come radicali liberi, possono danneggiare le cellule e i tessuti del corpo.

“Sappiamo che respirare fumo quando sei vicino a un fuoco non fa bene, ma abbiamo visto che col tempo peggiora – fino a quattro volte più tossico un giorno lungo la strada", ha detto Nenes, riferendosi ad alcuni dei risultati dei loro esperimenti. "Questi risultati mostrano che i campioni di fumo prelevati dall'aria più di cinque ore dopo essere stati rilasciati da un incendio, erano due volte più tossici rispetto a quando sono stati rilasciati per la prima volta e invecchiando ulteriormente in laboratorio la tossicità è aumentata fino a quattro volte i livelli originali. "

"Le persone potrebbero anche non essere consapevoli di respirare i fumi di un lontano incendio boschivo, ma ciò avrà ripercussioni sulla loro salute".

Professor Athanasios Nenes, Istituto di scienze dell'ingegneria chimica, Grecia

Si ritiene che i composti reattivi del fumo degli incendi abbiano una serie di effetti sulla salute a breve e lungo termine, come rendere le persone più inclini alle infezioni, causare difficoltà respiratorie e lasciare alcune persone più inclini agli attacchi di cuore.

"Allo stesso tempo, le particelle di fumo contengono anche agenti cancerogeni, che si ossidano e diventano più cancerogeni, aumentando il rischio di tumori", ha affermato Nenes.

Questo aumento della tossicità è una preoccupazione particolare poiché è noto che il fumo di grandi incendi si propaga attraverso interi continenti e persino oceani. Il fumo degli incendi boschivi in ​​Alberta, in Canada, ad esempio, è stato tracciato mentre si diffondeva lungo la costa orientale degli Stati Uniti, attraverso l'Atlantico e in Europa nel 2019. Allo stesso modo, il fumo dei recenti devastanti incendi in Australia ha inghiottito il Sud America e l'inquinamento proveniente da Gli incendi in Siberia si sono diffusi nel Canada occidentale e negli Stati Uniti.

Ciò significa che i grandi incendi boschivi possono avere impatti drammatici sulla qualità dell'aria e sulla visibilità nelle città lontane dalla fonte del fumo, il che può quindi peggiorare l'inquinamento atmosferico urbano, aumentando il rischio di problemi di salute e di morte tra coloro che vi abitano.

Nenes spera che la caratterizzazione dell'inquinamento da incendi boschivi e combustione di legna domestica possa aiutare a migliorare i modelli di cambiamento climatico poiché parte della fuliggine rilasciata dagli incendi – nota come carbone marrone – svolge un ruolo considerevole nell'assorbimento del calore del sole e peggiora il riscaldamento globale.

Sapere quanto di questo carbonio marrone viene prodotto negli incendi boschivi e nella combustione della legna domestica consentirebbe agli scienziati del clima di fare previsioni migliori.

Con i modelli climatici che già mostrano che è probabile che gli incendi diventino più comuni e intensi con l'aumento delle temperature globali, il fumo che producono potrebbe rappresentare un rischio ancora maggiore per la salute umana e per l'ambiente.

Questo articolo è stato riprodotto da Orizzonte — La rivista dell'UE sulla ricerca e l'innovazione.