Aggiornamenti di rete / In tutto il mondo / 2021-10-18

Le auto invecchiate rallentano la lotta ai cambiamenti climatici:

www.era.com
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Quando i leader mondiali partecipano al make-or-break Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow, in Scozia, in poche settimane, saranno trasportati in giro con veicoli elettrici – un promemoria che il settore dei trasporti ha un ruolo fondamentale da svolgere in ridurre le emissioni di gas serra.

Mentre molte nazioni sviluppate si sono impegnate a eliminare gradualmente i veicoli a benzina e diesel nei prossimi due decenni, la transizione sarà più complicata nei paesi in via di sviluppo, dove le vecchie auto importate dall'Europa, dal Giappone e dagli Stati Uniti sono spesso l'unica opzione accessibile.

Molte di queste auto usate emettono fumi pericolosi, esponendo le persone a livelli elevati di inquinamento atmosferico e spesso non sono idonee alla circolazione, con conseguente aumento incidenti e morti.

Rob de Jong, capo dell'Unità per la mobilità sostenibile presso il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP), afferma che non c'è modo in cui il mondo possa raggiungere i suoi obiettivi di emissioni zero sotto il Accordo di Parigi sul cambiamento climatico, a meno che non vengano compiuti sforzi per regolamentare il commercio di auto usate. È un punto che ha intenzione di fare al prossimo vertice sul clima, noto come COP26.

“Nel corso degli anni, con la crescita della domanda di auto usate a prezzi accessibili nei paesi in via di sviluppo, abbiamo assistito a un aumento dell'esportazione di veicoli inquinanti e obsoleti dai paesi sviluppati. Questi problemi sono tutti interconnessi. Se vogliamo che la flotta globale diventi elettrica, questo problema deve essere affrontato come parte di ciò", afferma.

Sotto lo standard

Prima di essere esportati nei paesi in via di sviluppo, come il Kenya, molti veicoli vengono spogliati delle parti progettate per ridurre le emissioni di scarico. Foto: UNEP/Duncan Moore

A livello globale, il settore dei trasporti è responsabile di quasi un quarto delle emissioni di gas serra legate all'energia. Le emissioni dei veicoli sono anche una fonte significativa di particolato fine e ossidi di azoto che sono le principali cause dell'inquinamento atmosferico urbano.

Molte auto usate esportate non soddisferebbero gli standard di sicurezza o di emissione nei loro paesi di origine, con alcune addirittura private delle parti chiave o delle caratteristiche di sicurezza, come i filtri dell'aria. Idealmente, questi veicoli verranno eliminati rapidamente nell'ambito della transizione globale alla mobilità elettrica ma, nel frattempo, gli esperti affermano che il commercio deve essere regolamentato, anche perché la flotta globale raddoppierà entro il 2050, con circa il 90% dei questa crescita avviene nei paesi a basso e medio reddito.

L'UNEP ha lavorato a lungo con i partner per rafforzare le normative nei paesi importatori, esortando i paesi sviluppati a smettere di esportare veicoli che non superano le ispezioni ambientali e di sicurezza.

In un importante rapporto dello scorso ottobre, l'UNEP ha scoperto che i tre maggiori esportatori di veicoli usati - Unione Europea, Giappone e Stati Uniti - ha esportato 14 milioni di veicoli commerciali leggeri usati in tutto il mondo tra 2015 e 2018.

Dei 146 paesi studiati nel rapporto, circa i due terzi hanno politiche “deboli” o “molto deboli” che regolano l'importazione di veicoli usati. Il rapporto ha richiesto normative armonizzate a livello globale e regionale per "assicurare che i veicoli usati diano un contributo significativo al passaggio a una mobilità più pulita, sicura e conveniente". Ciò potrebbe accadere in particolare se i veicoli usati a basse ea zero emissioni fossero promossi come un modo conveniente per i paesi in via di sviluppo di accedere a tecnologie avanzate.

Stabilire nuovi standard

L'UNEP e i suoi partner hanno lavorato con i paesi africani per elaborare nuovi standard, aiutati dal Fondo delle Nazioni Unite per la sicurezza stradale, presieduta dal Inviato speciale delle Nazioni Unite per la sicurezza stradale Jean Todt, che è anche presidente della Fédération Internationale de l'Automobile.

Questo lavoro ha già dato i suoi frutti in Africa occidentale, dove l'anno scorso la Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale ha adottato un programma completo insieme di regolamenti per l'introduzione di carburanti e veicoli più puliti. Tali standard sono entrati in vigore nel gennaio di quest'anno.

Ora, sono in corso sforzi per introdurre regole simili nell'Africa orientale, ha affermato de Jong, e il Sudafrica ha avviato un processo di consultazione sugli standard armonizzati.

"Sono molto ottimista sul fatto che in meno di cinque anni possiamo avere standard armonizzati in tutta l'Africa, e in meno di otto anni, possiamo fare in modo che il mondo intero introduca quegli standard minimi, più o meno alcuni paesi", de Jong afferma, rilevando che occorre agire anche all'altro capo della filiera.

“Anche gli esportatori devono assumersi la responsabilità. Se un veicolo non è più idoneo alla circolazione in un paese europeo, non dovresti esportarlo, indipendentemente dal fatto che vi sia una regolamentazione nel paese di importazione", afferma.

Il vantaggio di diventare green

Ci sono vantaggi anche per i paesi sviluppati. Invece di esportare veicoli vecchi e inquinanti, gli stati potrebbero inviarli ai centri di riciclaggio, creando posti di lavoro e costruendo un sistema circolare che fornisca materie prime riciclate alle case automobilistiche. E poiché l'offerta ai paesi in via di sviluppo si riduce, i prezzi aumenteranno, offrendo un incentivo finanziario ai paesi in via di sviluppo per aumentare la propria capacità di produzione e gettando le basi per un'eventuale transizione verso sistemi di trasporto più puliti.

Politiche chiare stanno anche guidando l'innovazione e il progresso privati.

Mark Carney, inviato speciale delle Nazioni Unite per il clima e le finanze, ha notato che la moratoria sui motori a combustione interna nell'Unione europea e nel Regno Unito dopo il 2030 significa che l'industria può fare un passo avanti ora e apportare i cambiamenti necessari.

“Questo è esattamente il punto in cui il settore finanziario è più potente. Perché quello che il settore finanziario non farà è aspettare il 2030 per adeguarsi. Inizierà ad adattarsi ora. Darà denaro, investimenti e prestiti alle imprese con piani per prosperare in quegli ambienti", ha affermato.

Come per tutte le sfide ambientali, il successo sarà raggiunto solo attraverso la cooperazione globale.

“Non importa se le emissioni climatiche sono emesse nei Paesi Bassi o in Kenya. Contano per le emissioni globali e queste devono arrivare a zero per il parco veicoli globale entro il 2050", ha affermato de Jong. “Con il cambiamento climatico, non puoi spedire via un problema. È ancora un problema».