Aggiornamenti di rete / Africa / 2022-08-12

Le città africane diventano "verdi":
autobus contro l'inquinamento

Africa
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

All'alba dell'ora di punta a Dar es Salaam, bajaji dai colori vivaci - o risciò a gas - si infilano abilmente e opportunamente negli spazi vuoti tra i taxi minibus pieni, noti come dala dala.

Quasi la metà dei 6.4 milioni di residenti della città tanzaniana fa affidamento su questi veicoli, oltre a una flotta di piccoli autobus di transito rapido (BRT), come mezzo di trasporto principale. Mentre questi veicoli si muovono lungo strade congestionate e spazi urbani affollati, emettono scie di fuliggine che rappresentano seri rischi per la salute dei pendolari e degli abitanti delle città. Con la popolazione urbana in Africa destinata ad aumentare di 2 miliardi di persone entro il 2050, gli esperti affermano che il problema peggiorerà solo.

Attraverso la decarbonizzazione del settore dei trasporti e il passaggio a autobus più puliti, le città africane possono ridurre i danni ambientali e i rischi per la salute umana fornendo al contempo un sistema di trasporto più affidabile e veloce alle loro popolazioni urbane in crescita, affermano gli esperti.

Il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) sta aiutando le città africane a guidare verso trasporti pubblici privi di fuliggine, compresi gli autobus elettrici. Basandosi sulla sua campagna di successo per eliminare la benzina con piombo e ridurre i livelli di zolfo nei combustibili diesel, l'UNEP ha sviluppato tabelle di marcia strategiche e condotto valutazioni di prontezza per stabilire le basi per un futuro a basse emissioni di carbonio per il trasporto pubblico.

"Gli autobus e i camion sono una grande fonte di piccole particelle nocive e di carbonio nero, che è il secondo inquinante climatico di breve durata più importante", afferma Jane Akumu, responsabile del programma UNEP presso l'Unità per la mobilità sostenibile. “Le flotte di veicoli in molte città africane raddoppiano ogni 10 anni, quindi puoi immaginare che la situazione ora – che è già grave – peggiorerà senza azione.

"Gli autobus senza fuliggine, carburanti a basso contenuto di zolfo e tecnologie per veicoli più pulite sono l'obiettivo perché ridurrebbero significativamente le emissioni nocive".

Avviso di pericolo

Circa il 95 per cento dell'energia di trasporto mondiale proviene ancora da combustibili fossili. I livelli di zolfo in questi combustibili, in particolare nel diesel, significano che formano particolato nocivo durante la combustione, incluso il nero di carbonio, noto come fuliggine.

I rischi per la salute sono forti. L'inquinamento atmosferico provoca un decesso su nove e nove persone su 10 respirano aria impura, secondo il Dashboard dell'inquinamento dell'UNEP. La combustione di combustibili fossili produce anche anidride carbonica, il principale gas serra che contribuisce al riscaldamento globale e, in estensione, a una miriade di cambiamenti nel nostro clima e nei sistemi naturali.

La ricerca mostra che se l'umanità non dimezza le emissioni annuali di gas serra entro il 2030, sarà molto difficile limitare il riscaldamento globale a 1.5 °C rispetto ai livelli preindustriali entro la fine del secolo. Sulla base degli attuali impegni incondizionati per ridurre le emissioni, il mondo è sulla buona strada per vedere un riscaldamento globale di 2.7 °C entro la fine del secolo rispetto ai livelli preindustriali.

Cambiare corsia

 

Un autobus bianco che emette pennacchi neri di fuliggine
La combustione di combustibili fossili produce output che danneggiano sia l'ambiente che la salute umana. Foto: Giacinto Nare

 

I sistemi di trasporto pubblico formale di molte città africane non sono stati in grado di eguagliare la rapida crescita della popolazione urbana, inaugurando un mercato per concorrenti informali, che alla fine formano il tessuto del settore.

"Il trasporto pubblico ha fallito... quindi le persone ora si stanno spostando verso le due ruote, le tre ruote perché sono più convenienti e veloci", afferma Akumu. "È altamente inquinante".

Inoltre, non è sicuro, afferma Akumu, osservando che i veicoli a due e tre ruote sono responsabili di molti degli incidenti nelle città africane.

Nel novembre 2021, UNEP, il Climate and Clean Air Coalition  (CCAC), e il Associazione Africana dei Trasporti Pubblici (UATP) ha tenuto un seminario e lanciato linee guida chiave che stabiliscono una tabella di marcia strategica progettata per aiutare le città africane ad abbracciare la mobilità elettrica.

La risposta è stata ampiamente positiva, secondo l'UATP, un'associazione che lavora con i governi per lo sviluppo del trasporto pubblico in 13 paesi africani.

"I governi dell'Africa subsahariana sono ricettivi e supportano pienamente la transizione verso autobus privi di fuliggine", afferma Yssoufou Cisse, Segretario generale dell'UATP.

Con il supporto dell'UNEP e dell'UATP, il Consiglio esecutivo del trasporto urbano di Dakar (CETUD) ha condotto un'analisi costi-benefici nel 2021, che ha stabilito che le entrate previste dall'implementazione completa di autobus elettrici su due delle rotte della città potrebbero garantire un ritorno sull'investimento entro 10 anni. Il trasporto pubblico di Dakar include un treno espresso e la città sta costruendo un sistema di trasporto rapido di autobus con veicoli elettrici.

"Il trasporto pubblico... è la forma di trasporto più inquinante a causa della flotta costituita da vecchi veicoli", afferma Nancy Seck, ingegnere dei trasporti presso l'Executive Council of Urban Transport di Dakar. "Pertanto, CETUD sta mettendo in atto una politica di autobus puliti al fine di ridurre le emissioni degli autobus e migliorare la qualità dell'aria".

Il Senegal ha richiesto all'operatore del sistema di trasporto rapido di autobus di utilizzare autobus elettrici e ha piani a lungo termine per far funzionare anche le linee di alimentazione con alimentazione a batteria.

L'UNEP e l'UATP avevano anche sostenuto in precedenza un'analisi costi-benefici approfondita a Lagos, in Nigeria.

Detours

Le principali sfide nella spinta a un trasporto pubblico più pulito sono tradurre il sostegno dei governi in politiche, garantire infrastrutture tecniche adeguate necessarie per riconfigurare i sistemi di trasporto pubblico e garantire finanziamenti, affermano gli esperti.

Mentre i costi iniziali per gli autobus elettrici e altre alternative sono relativamente alti, a lungo termine i governi stanno gradualmente accettando che siano più convenienti, secondo Akumu.

"Se non acquisti o porti veicoli con tecnologia pulita, spenderai di più per la salute", afferma Akumu. "Dobbiamo considerare il costo complessivo di questi veicoli a bassa tecnologia perché, sì, saranno economici, ma ci saranno costi più elevati da pagare".

Oltre a migliorare la salute ambientale e umana, l'introduzione di autobus privi di fuliggine deve anche affrontare le inefficienze servendo un gran numero di cittadini. Anche se potrebbero non segnare la fine per opzioni di trasporto come il bajaji o il dala dala, gli autobus privi di fuliggine dovrebbero ridurre la dipendenza dal trasporto pubblico informale.

"I consumatori sono disposti a pagare leggermente di più per comodità, comfort e affidabilità", afferma Akumu. "Quindi, tutte queste cose devono essere incorporate in questo pacchetto."

Il lungo viaggio

La strada verso la spinta dell'UNEP per autobus privi di fuliggine in Africa può essere fatta risalire al Vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile del 2002 a Johannesburg, dove il Partnership per i combustibili puliti e veicoli (PCFV).

Sostenuto nel 2012 dall'istituzione del CCAC, l'UNEP ha intensificato la sua attenzione sui trasporti più puliti. Ha iniziato ampi sforzi per passare agli autobus privi di fuliggine con i governi africani nel 2016. L'anno scorso, l'UNEP ha anche lanciato il suo programma globale di mobilità elettrica, che include una componente specifica per l'Africa sugli autobus elettrici.

"Alcune città in Africa, come Nairobi e Kampala, saranno in una buona posizione per introdurre autobus senza fuliggine nelle loro operazioni di trasporto pubblico entro i prossimi cinque anni", afferma Cisse. "Con l'imminente urbanizzazione che vedrà l'attuale popolazione urbana raddoppiare entro il 2050, non abbiamo altra scelta che perseguire un futuro senza fuliggine".

Per ulteriori informazioni, contattare Althea Murimi [email protected]