Aggiornamenti di rete / In tutto il mondo / 2021-08-19

7 fatti sull'inquinamento atmosferico domestico:

Per contribuire a sensibilizzare l'opinione pubblica sull'inquinamento dell'aria interna, le Nazioni Unite hanno lanciato lo scorso anno la Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu.

www.era.com
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Ogni anno, quasi 4 milioni di persone muoiono prematuramente a causa dell'inquinamento dell'aria interna. Molti muoiono per malattie legate all'inalazione del fumo dei fuochi di cherosene, legna e carbone, comunemente usati nei paesi in via di sviluppo per cucinare e riscaldarsi.

Per contribuire a sensibilizzare l'opinione pubblica sull'inquinamento dell'aria indoor, le Nazioni Unite hanno lanciato l'anno scorso il Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu. Con l'evento di quest'anno alle porte, ecco sette cose che dovresti sapere sugli inquinanti atmosferici domestici.

Forni a carbone presso l'azienda agricola con una catasta di legno di eucalipto sul lato. Minas Gerais, Brasile.

1. Sono terribili per la salute umana

Decine di milioni di persone si ammalano, si feriscono o si bruciano a causa dell'uso di carburante nei loro spazi abitativi. L'inquinamento atmosferico domestico provoca ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni e altri disturbi mortali.

La combustione di combustibili non puliti, come il carbone, rilascia grandi quantità di inquinanti pericolosi, tra cui monossido di carbonio, ossidi di azoto e particolato fine (PM). Nelle famiglie con stufe a combustibile solido a combustione aperta e senza ventilazione, le particelle di diametro inferiore a 2.5 micrometri (PM2.5) possono superare i livelli raccomandati dall'OMS fino a 100 volte.

E l'impatto dell'inquinamento dell'aria interna si estende oltre la casa, contribuendo a quasi 500,000 delle morti premature attribuite all'inquinamento dell'aria esterna ogni anno.

 

2. I combustibili domestici sporchi sono disastrosi per l'ambiente

La combustione domestica è il secondo maggior contributore al cambiamento climatico dopo l'anidride carbonica e un componente importante del particolato. Produce anche un quarto stimato di tutte le emissioni di carbonio nero, o fuliggine, che, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, hanno una capacità di riscaldamento per unità 460 – 1,500 volte maggiore di quella dell'anidride carbonica.

Quando interagiscono con gli inquinanti atmosferici esterni, le emissioni della combustione domestica contribuiscono alla formazione di ozono a livello del suolo, un inquinante climatico di breve durata che riduce i raccolti e influenza i modelli meteorologici locali.

3. L'energia conveniente e affidabile può aiutare a ridurre l'inquinamento dell'aria interna

Obiettivo di sviluppo sostenibile (OSS) 7 prevede "l'accesso a un'energia economica, affidabile e moderna per tutti entro il 2030". L'adozione globale di energia pulita per le famiglie, comprese stufe a basse emissioni, riscaldamento e illuminazione, potrebbe salvare milioni di vite.

Aiuterebbe anche a ridurre la perdita di biodiversità causata dall'uso del legno come combustibile, a rallentare il degrado delle foreste, a ridurre le emissioni di anidride carbonica dalla biomassa e le emissioni di carbonio nero, metano e monossido di carbonio. Infatti, poiché le particelle di carbonio nero rimangono nell'aria solo per una settimana o meno (rispetto all'anidride carbonica, che può rimanere per più di un secolo), ridurre la loro emissione è un modo importante per rallentare il cambiamento climatico nel breve termine.

Ad oggi, tuttavia, rimane un scarsità di accesso a opzioni energetiche pulite e convenienti.

4. L'inquinamento atmosferico delle famiglie rafforza la povertà e la disuguaglianza

In più di 155 paesi, un ambiente sano è riconosciuto come un diritto costituzionale. Gli obblighi relativi all'aria pulita sono impliciti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e l' Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali. 2030 Agenda si basa sulla premessa che nessuno dovrebbe essere lasciato indietro.

Tuttavia, ci sono ancora 3 miliardi di persone che utilizzano combustibili non sicuri nelle loro case; e loro sono tipicamente tra i più poveri del mondo.

L'accesso a combustibili e tecnologie per cucinare puliti sta aumentando di appena 1 per cento all'anno.

5. Le donne e le ragazze soffrono maggiormente l'inquinamento dell'aria interna

Coloro che trascorrono più tempo in casa, comprese donne e bambini, sono colpiti in modo sproporzionato dall'inquinamento atmosferico domestico. Le donne e le ragazze sono particolarmente vulnerabili alla cottura a cherosene e alle esplosioni di fulmini. E quasi la metà di tutti i decessi per polmonite tra i bambini sotto i cinque anni sono una conseguenza della fuliggine che inalano a casa.

Coloro che fanno affidamento su combustibili non puliti sono sia i più vulnerabili alle malattie non trasmissibili sia i meno in grado di coprire i costi di malattia, i costi sanitari associati e le ore di lavoro perse.

L'esposizione agli inquinanti può anche influenzare il cervello, causando ritardi nello sviluppo, problemi comportamentali e persino un QI più basso nei bambini.

Secondo uno Analisi dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, le ragazze nelle famiglie che si affidano a combustibili non puliti perdono dalle 15 alle 30 ore alla settimana raccogliendo legna o acqua, il che significa che sono svantaggiate sia rispetto alle famiglie che hanno accesso a combustibili puliti, sia rispetto ai loro colleghi maschi.

6. I paesi possono ridurre le morti legate all'inquinamento attraverso investimenti e legislazione

L'inquinamento atmosferico domestico può essere ridotto eliminando gradualmente l'uso di carbone non trasformato e cherosene nelle case; l'adozione di combustibili più puliti, come biogas, etanolo e gas di petrolio liquefatto; muoversi verso fonti di energia rinnovabile ove possibile; sviluppare tecnologie domestiche sicure ed efficienti; e garantendo una corretta ventilazione.

Aumentare l'accesso a combustibili e tecnologie domestici puliti è un modo efficace per ridurre la povertà, le malattie e la morte, in particolare nei paesi in via di sviluppo e tra i gruppi vulnerabili. L'adozione di combustibili domestici puliti e di nuove tecnologie può anche rallentare il degrado delle foreste e la perdita di habitat mentre si combatte il cambiamento climatico.

7. Il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) è dedicato alla riduzione dell'inquinamento atmosferico

L'UNEP-ospitato  Climate and Clean Air Coalition dà la priorità all'adozione di combustibili e tecnologie domestici puliti come un modo per mitigare gli inquinanti climatici di breve durata, migliorare la qualità dell'aria e realizzare benefici ambientali, sociali ed economici.

La coalizione Iniziativa per l'energia domestica sensibilizza sul rapporto tra cambiamento climatico; sostiene il sostegno dei donatori alle attività di cucina, riscaldamento e illuminazione a basso consumo energetico; e promuove soluzioni che riducono il carbonio nero e altre emissioni.

Per ulteriori informazioni sull'inquinamento atmosferico domestico, contattare Tiy Chung: [email protected]

 

Ogni anno, il 7 settembre, il mondo celebra il Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu. La giornata mira a sensibilizzare e facilitare azioni per migliorare la qualità dell'aria. È un appello globale per trovare nuovi modi di fare le cose, ridurre la quantità di inquinamento atmosferico che causiamo e garantire che tutti, ovunque, possano godere del loro diritto a respirare aria pulita. Il tema della seconda edizione Giornata internazionale dell'aria limpida per i cieli blu, promosso dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP), è "Aria sana, pianeta sano".