Aggiornamenti di rete / In tutto il mondo / 2021-10-11

57 sindaci firmano la dichiarazione di protezione delle foreste:

www.era.com
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 2 verbale

Da Parigi a Giacarta, quasi 60 sindaci delle principali città hanno invitato i governi e le aziende a intensificare la protezione delle foreste mentre si impegnavano a rendere verdi le proprie strade.

La dichiarazione, firmato dai leader di 57 città di sei continenti in rappresentanza di oltre 170 milioni di persone, è stato organizzato dal Iniziativa Cities4Forests, una rete di città impegnate nella conservazione e nel ripristino delle foreste.

"Non c'è abbastanza azione a livello nazionale e stiamo perdendo la guerra alla deforestazione", ha affermato John-Rob Pool, responsabile dell'implementazione di Cities4Forests, che è guidato dal World Resources Institute, un gruppo di esperti con sede negli Stati Uniti.

un grafico che mostra come funziona l'iniziativa Cities4Forests
Immagine: Istituto delle risorse mondiali

"Abbiamo una massa critica di città disposte a parlare dell'importanza delle foreste per se stesse... e per i residenti urbani, (e) per l'importanza della conservazione delle foreste", ha affermato.

La salvaguardia delle foreste ricche di carbonio è vitale per aiutare il mondo a raggiungere i suoi obiettivi per ridurre le emissioni che causano il riscaldamento del pianeta. Le foreste aiutano anche a pulire l'aria e l'acqua, supportano la salute umana, offrono protezione dalle inondazioni e mitigano il calore urbano per le città.

Ma nel 2020, perdite di foreste tropicali in tutto il mondo eguagliato le dimensioni dei Paesi Bassi, secondo il servizio di monitoraggio Global Forest Watch.

I firmatari della dichiarazione Cities4Forests – che include anche Freetown, Glasgow, Oslo, Accra, Città del Messico e San Francisco – hanno invitato tutti i governi ad attuare politiche forti per proteggere, ripristinare e gestire in modo sostenibile le foreste.

La dichiarazione recita: poiché i governi nazionali stanziano più di 13 trilioni di dollari USA per stimoli economici legati alla pandemia, le nazioni dovrebbero investire in infrastrutture naturali rispettose del clima, in particolare la conservazione e il ripristino delle foreste, che possono creare occupazione su larga scala, promuovere la salute pubblica, e costruire la resilienza contro gli shock futuri.

I governi delle nazioni sviluppate dovrebbero anche fornire incentivi commerciali e finanziari per sostenere la conservazione delle foreste, in particolare quelle all'interno dei tropici, afferma la dichiarazione.

Ciò include il sostegno all'agricoltura sostenibile e la riforma delle politiche dannose per le foreste, ha aggiunto.

Le banche, gli investitori e i fondi sovrani dovrebbero evitare di investire in attività che possono alimentare la deforestazione, come l'olio di palma e la produzione di carne bovina, e dovrebbero dare la priorità a soluzioni basate sulla natura e materie prime prive di deforestazione, ha affermato Pool.

Le aziende devono anche garantire che le loro catene di approvvigionamento siano vantaggiose per la natura, ha aggiunto la dichiarazione.

L'anno scorso, un gruppo di marchi domestici globali ha lanciato una nuova spinta per combattere la perdita della foresta tropicale dopo aver lottato per raggiungere un obiettivo di sostenibilità per il 2020.

Per fare la loro parte, molte città stanno sensibilizzando sull'importanza della conservazione delle foreste, promuovendo prodotti sostenibili tra i consumatori e ripristinando la vegetazione, ha aggiunto Pool.

"Come sindaci, stiamo proteggendo le foreste del mondo rinnovando le nostre città e proteggendo le nostre vaste terre naturali", ha affermato Yvonne Aki-Sawyerr, sindaco di Freetown, capitale della Sierra Leone.

“Ma non possiamo farcela da soli. Chiediamo ai governi nazionali di intensificare le loro ambizioni", ha affermato in una nota.