40 anni di collaborazione e conteggio con la convenzione aerea UNECE - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / Ginevra, Svizzera / 2019-12-17

40 anni di cooperazione e rispetto alla Convenzione aerea dell'UNECE:

Ministri e rappresentanti di alto livello rinnovano l'impegno per combattere l'inquinamento atmosferico

Ginevra, Svizzera
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 3 verbale

Questa storia è stato pubblicato per la prima volta sul sito Web Climate and Clean Air Coalition.

Quando nel 32 1979 Stati membri hanno firmato la Convenzione sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero a grande distanza, non era evidente che si sarebbe sviluppato in un quadro regionale di successo per il controllo e la riduzione dei danni alla salute umana e all'ambiente causati dall'inquinamento atmosferico transfrontaliero.

Eppure, il risultati raggiunti dalla Convenzione nella regione UNECE negli ultimi 4 decenni sono stati non meno che notevoli: le tendenze dell'inquinamento atmosferico e la crescita economica sono state disaccoppiate. Le emissioni di sostanze nocive, tra cui particolato e zolfo, sono state ridotte del 30-80% dal 1990 in Europa e del 30-40% in Nord America. Ciò ha portato a suoli e laghi forestali più sani. In Europa, queste misure rappresentano 1 anno in più di aspettativa di vita e prevengono ogni anno 600,000 morti premature.

Per celebrare i 40 anni di proficua cooperazione nell'ambito della Convenzione, le Parti della Convenzione, i partner e i paesi al di fuori della regione UNECE si sono riuniti a Ginevra, in Svizzera, l'11 e il 12 dicembre, per una sessione di anniversario speciale, che si è svolta nell'ambito della 39a sessione dell'Ente esecutivo della Convenzione (9-13 dicembre 2019).

Durante la sessione, i ministri e i rappresentanti di alto livello di oltre 50 paesi hanno riconosciuto le pietre miliari della Convenzione, hanno elogiato i progressi nella regione e hanno discusso delle visioni per il futuro sviluppo della Convenzione. I partecipanti hanno riconosciuto che la Convenzione rimarrà uno strumento fondamentale della cooperazione ambientale internazionale, all'interno e all'esterno della regione UNECE.

40 anni di aria più pulita con la Convenzione aerea dell'UNECE

I partecipanti hanno anche messo in mostra i recenti sviluppi nei loro paesi e hanno condiviso esperienze e lezioni apprese, riconoscendo allo stesso tempo che esistono ancora alcune sfide per attuare la Convenzione, per le quali è necessario ulteriore sostegno.

È importante sottolineare che i ministri e i rappresentanti di alto livello hanno approvato un Dichiarazione di anniversario rinnovare il loro impegno per un'azione per un'aria più pulita nella regione, in linea con la strategia a lungo termine per la Convenzione per il periodo 2020-2030 e oltre.

Per celebrare i risultati senza precedenti della Convenzione, il segretario esecutivo dell'UNECE Olga Algayerova ha esortato a presentare molte sfide, tra cui la riduzione del particolato nelle città e la lotta all'inquinamento da metano e azoto. Ha inoltre sottolineato che “mentre la Convenzione aerea è uno strumento regionale, anche paesi e regioni di altre parti del mondo si trovano ad affrontare gravi problemi di inquinamento atmosferico. Gli strumenti scientifici, i modelli, i dati, i metodi di monitoraggio, i documenti di orientamento e le migliori pratiche sviluppati nell'ambito della Convenzione sono disponibili a tutti nel mondo e possono fornire una base eccellente per un'azione coordinata tra le diverse regioni ”.

Riconoscendo l'importanza di una cooperazione più forte sia all'interno che al di fuori della regione UNECE e la necessità di condividere ulteriormente l'esperienza e le competenze della Convenzione, le Parti della Convenzione hanno anche lanciato una nuova iniziativa, il forum per la cooperazione internazionale sull'inquinamento atmosferico. Ciò supporterà lo scambio internazionale di informazioni e l'apprendimento reciproco a livello sia tecnico sia politico e intende essere un deposito di informazioni tecniche e un convocatore di paesi e organizzazioni, facilitando una maggiore cooperazione internazionale su questa sfida critica.

Ban Ki-moon, ex segretario generale delle Nazioni Unite e presidente del Consiglio nazionale per il clima e la qualità dell'aria della Repubblica di Corea, ha descritto la Convenzione come "un accordo fondamentale che ha fatto avanzare i progressi regionali contro l'inquinamento atmosferico e i cambiamenti climatici in modi incommensurabili" , stabilendo un "precedente esemplare" per ispirare la politica e la cooperazione nazionali e regionali e, in definitiva, i progressi verso un quadro esecutivo su scala globale (vedi video sotto).

Helena Molin Valdés, capo del segretariato per la coalizione per il clima e l'aria pulita, ha affermato che il 40 ° anniversario della Convenzione è stata una pietra miliare importante e ha accolto con favore il lancio del Forum per la cooperazione internazionale sull'inquinamento atmosferico.

Capo CCAC, Helena Molin Valdés, durante il 40 ° anniversario della Convenzione aerea

“Dobbiamo collegare i punti per far avanzare gli sforzi globali per ridurre le emissioni che causano sia l'inquinamento atmosferico che i cambiamenti climatici. Il resto del mondo può imparare molto dalla "Convenzione aerea" dell'UNECE che in 40 anni è stata in grado di ridurre la concentrazione di inquinamento transfrontaliero tra il 40 e l'80%, a seconda dell'inquinante. Hanno sviluppato linee guida, meccanismi di rafforzamento delle capacità e di conformità ", ha affermato Molin Valdés. "Siamo pronti a sostenere il lavoro del Forum per la cooperazione internazionale sull'inquinamento atmosferico, in particolare per promuovere soluzioni per ridurre il carbonio nero, il metano e l'ozono troposferico".

Le parti hanno anche celebrato il entrata in vigore (7 ottobre 2019) del protocollo di Göteborg modificato. Il protocollo è un esempio di come ridurre gli inquinanti atmosferici classici, come lo zolfo, e gli inquinanti climatici di breve durata, come il carbonio nero, che è un componente importante del particolato fine, possono essere integrati in uno strumento legalmente vincolante.

Gli eventi di anniversario includevano anche un gioco di negoziazione per futuri negoziatori nel campo della politica aerea e degli eventi collaterali organizzati dalle organizzazioni partner.

Le parti e altri paesi hanno convenuto che la Convenzione rimane pertinente come lo era 40 anni fa e che svolgerà un ruolo importante nel futuro sviluppo dello sviluppo della politica per l'aria pulita nella regione e oltre.

Ulteriori informazioni sulla Convenzione e il suo impatto sull'aria pulita qui.

Ban Ki-moon evidenzia l'impatto della Convenzione aerea per l'azione contro l'inquinamento atmosferico